‘Wow, Samuel L Jackson è qui!’ – come lo Yorkshire è diventato il luogo di riferimento della Marvel | televisione e radio

HAAll’inizio di quest’anno, non sarebbe stato insolito per la gente di Halifax imbattersi in una star di Hollywood mentre si recavano al lavoro o mentre prendevano cibo da asporto. “In un certo senso dici, ‘Wow, Samuel L Jackson sta girando qui!’”, dice Mark Richardson, che gestisce il negozio di dischi Loafers a Piece Hall, il forte acciottolato della città circondato dalle dolci colline della Calder Valley. Aperto per la prima volta nel 1779 per il commercio di tessuti, Piece Hall è stato rinnovato cinque anni fa per aiutare a inserire Calderdale nella mappa culturale. Dopo che è stato utilizzato come location per le riprese di Secret Invasion, la nuova serie TV Marvel di Jackson, la gente del posto si sta abituando al posto diventando un grosso problema.

“Quello è il pianoforte di Paul Weller nell’angolo”, dice Richardson, parlando con me nel suo negozio. “Me l’ha dato quando ha giocato qui a luglio. Ogni giorno si vedono persone che camminano – Rob Brydon chiama quando è ad Halifax. Sul palco ha indossato un paio dei nostri calzini Loafers e ha parlato di noi. Non è come l’acqua dalla schiena di un’anatra, ma mi aspetto di vedere queste cose ora. Questo posto è così incredibile – merita l’attenzione. Ne sono enormemente orgoglioso”.

L’ex città dei mulini sembra affermarsi come la Hollywood del nord. O “Haliwood”, come lo chiamano alcuni. In effetti, l’intero distretto di Calderdale – inclusi Brighouse, Elland, Sowerby Bridge, Hebden Bridge e Ripponden – sta vivendo il suo momento sullo schermo. Insieme a Secret Invasion, l’entusiasmante ondata di produzioni che sono state girate qui di recente include l’attesissimo dramma del primo periodo di Shane Meadows, Gallows Pole, basato sul romanzo premiato di Benjamin Myers. In che modo questa umile fetta del West Yorkshire è diventata una destinazione così ambita?

Sotto copertura… Tom Cruise gira Mission: Impossible nello Yorkshire.
Sotto copertura… Tom Cruise gira Mission: Impossible nello Yorkshire. Fotografia: Michael Mayhew/Allstar

Con l’annuncio di Channel 4 del suo trasferimento a Leeds, c’era già un’aria di ottimismo per il futuro della regione nel cinema e in TV. Poi ha costretto le produzioni in lockdown a riconsiderare le location e trovare soluzioni più economiche. “La Marvel è stata un dono di Dio”, dice l’amministratore delegato di Piece Hall, Nicky Chance-Thompson, davanti a una tazza di tè. “Le città hanno faticato ad aprirsi in isolamento, ma qui c’è meno macchina da accendere. Abbiamo detto che potevamo aiutare. Potevamo offrire un pacchetto, mobilitarci e avevamo agilità. Potremmo rispondere molto più velocemente. Inoltre, ai location scout piace “scoprire” nuovi posti”.

Il personale, dice, l’ha adorato. “Devono lavorare in un sito di produzione di Hollywood! Conosco persone che erano comparse: ne hanno prese circa 200 da qui. La nostra deputata, Holly Lynch, mi ha detto: ‘La gente di Halifax ha questa ritrovata spavalderia!’”

Forse Calderdale si sentiva sotto pressione, visto il set precedente del North Yorkshire: parti dell’ultimo Mission: Impossible sono state girate nelle sue brughiere l’anno scorso. “C’è una foto dei miei amici con Tom Cruise in mezzo al nulla nelle Valli”, dice Chance-Thompson, “prima che scappasse per lanciarsi con il paracadute da una scogliera o altro”. O forse la pressione proveniva dalla vicina Bradford, sede della mecca letteraria Haworth e dalle brughiere ventose e astute di Brontë Country, location di infiniti adattamenti di Wuthering Heights e Jane Eyre e produzioni correlate, la più recente delle quali è Emily.

Ma Calderdale ha sempre offerto una tavolozza di luoghi diversa ma distintiva: gli altipiani radi e brutalmente belli cuciti insieme a muri di arenaria; valli densamente boscose tagliate da ruscelli; i terrazzamenti di pietra e i mulini di città industriali incontaminate. In passato, parti di esso sono state utilizzate per filmare la lunga commedia della BBC Last of the Summer Wine, così come il film del 1996 Brassed Off e Red Riding di Channel 4.

Una credenza georgiana? Nessun problema... Emma Mackey in Emily.
Una credenza georgiana? Nessun problema… Emma Mackey in Emily. Fotografia: Michael Wharley

Ma è stata la famosa scrittrice televisiva Sally Wainwright a mettere davvero Calderdale sotto i riflettori. Dopo essere cresciuta a Sowerby Bridge, è partita per iniziare la sua carriera. “Mi è sembrato che Halifax fosse un ristagno culturale”, ha detto in precedenza al Guardian. Ma in seguito è tornata a casa quando ha scritto tre delle sue serie più importanti: “Il West Yorkshire è diventato sempre più importante per me man mano che invecchiavo. C’è una vera profondità nel paesaggio, è così drammatico e maestoso. Ora vedo Calderdale come davvero bello.

Il dramma della BBC del 2012 di Wainwright Last Tango in Halifax, con Derek Jacobi e Anne Reid nei panni degli innamorati riuniti Alan e Celia, spesso sembra una lettera d’amore alla zona e alla sua gente. Poi c’è stata Happy Valley, la serie criminale del 2014 guidata da Sarah Lancashire, che ritorna dopo una pausa di sei anni alla fine di quest’anno. Era così popolare che, come parte di un tour, pullman carichi di fan venivano portati nella casa dove la rapita Ann Gallagher era tenuta in ostaggio durante la prima stagione.

Forse il più significativo nell’ascesa di Calderdale, sicuramente per il pubblico americano, è stato il dramma della BBC del 2019 Gentleman Jack. Interpretato da Suranne Jones, racconta la storia della diarista queer, imprenditrice e moderna icona LGBTQ+ Anne Lister. Percorri la strada da Piece Hall e la casa di Lister, Shibden Hall (“lo squallido piccolo Shibden”, come lei lo chiama amorevolmente nello spettacolo), si nasconde nel fogliame. Ora un museo, è stato utilizzato per gran parte delle riprese. Cammina per le stanze scricchiolanti e ti sembrerà di essere in una scena: i creatori dello spettacolo mantengono il semplice maniero fedele a come è realmente.

“È diventato un pellegrinaggio per le lesbiche”, afferma Richard Macfarlane, direttore dei musei di Calderdale. “Dopo il terzo episodio, abbiamo ricevuto un messaggio da qualcuno in America che diceva di voler visitare. Entro la settimana successiva, avevano prenotato un aereo e si sono presentati. Tale successo internazionale è sottolineato dal numero di visitatori della sala: il 2019 è stato l’anno di maggior successo di Shibden, con un numero triplicato rispetto al solito. Nonostante i disastrosi blocchi del 2020, è stata girata una seconda serie e c’erano ancora più visitatori rispetto all’era pre-Gentleman Jack.

blank
‘Pellegrinaggio lesbico’ … girando la seconda serie di Gentleman Jack. Fotografia: Aimee Spinks/BBC/Lookout Point/HBO

A sua volta, questo ha dato impulso all’economia locale. “Le persone erano gitanti ma non c’è dubbio che i pernottamenti sono aumentati”, spiega molto soddisfatta Jane Scullion, vice capo del Consiglio di Calderdale. C’è stato anche un aumento della domanda di imprese e talenti locali: “Caffè, parrucchieri, ristoranti – sono davvero contenti di fornire servizi e sono dispiaciuti per la partenza delle produzioni. E noi siamo innesti. Ci sono persone qui intorno che possono mettere a soqquadro una credenza georgiana in poche ore! Scenografia, suono, musica, luci: non abbiamo ancora visto il pieno potenziale degli apprendistati in queste aree, ma è lì che vogliamo essere”.

Questa attenzione ai talenti nostrani e all’ispirazione per la prossima generazione è qualcosa di cui Screen Yorkshire, una delle nove agenzie regionali istituite dallo UK Film Council nel 2002, è appassionato. I risultati di questo piccolo team di esperti del settore sono mostrati nei poster appesi alle pareti del loro ufficio a Leeds, da Peaky Blinders a This Is England. Gestiscono vari programmi per i giovani locali: Beyond Brontës, ad esempio, assicura che i tirocinanti più diversificati acquisiscano esperienza pratica nel settore. Il solo fatto di avere uno di questi crediti di produzione su un CV può essere un punto di svolta.

“Vogliamo più storie sullo Yorkshire, non solo girate nello Yorkshire”, afferma la responsabile delle comunicazioni Rachel McWatt, che sta scoprendo che le persone che si sono trasferite a Londra per lavoro ora desiderano disperatamente tornare. “Un messaggio che continuiamo a dire è: ‘Non hai bisogno di una laurea per lavorare in TV.’” I tirocinanti, dice, sono effettivamente sul campo a lavorare alle produzioni. “Recentemente li abbiamo visti ad Ackley Bridge”, aggiunge McWatt, riferendosi al fortunato dramma liceale di Channel 4 girato ad Halifax e dintorni.

Segno dei tempi... Halifax durante le riprese di Secret Invasion.
Segno dei tempi… Halifax durante le riprese di Secret Invasion. Fotografia: Immagini del mulino a vento/Alamy

Aiuta l’organizzazione ad avere il supporto entusiasta dell’ex attore di Coronation Street Tracey Brabin. Attualmente sindaco del West Yorkshire e precedentemente deputato di Batley e Spen, Brabin ha interpretato la barista di Corrie Tricia Armstrong negli anni ’90. Screen Yorkshire ha anche instaurato una relazione di lunga data con Meadows da This Is England, e ha lavorato di nuovo con lui in Gallows Pole, ambientato a Cragg Vale. La maggior parte delle riprese si è svolta nel villaggio di Heptonstall (dove, tra l’altro, è sepolta Sylvia Plath). “Farà venire molti turisti, quello,” riflette McWatt.

Certo, non tutti si crogiolano nel bagliore di Haliwood, con alcune piccole imprese che si lamentano giustamente di essere state costrette a chiudere durante le riprese. Ma la gente del posto è ampiamente positiva riguardo all’affascinante reinvenzione di Calderdale. Peter Vardy di Film Calderdale, che è stato istituito dal consiglio per facilitare le produzioni, spera di trovare nuovi modi per coinvolgere i residenti locali: “Abbiamo un database di location in cui le persone possono pubblicizzare le loro proprietà affinché le produzioni possano usarlo”.

Tuttavia, c’è qualcosa come essere troppo coinvolti. Vardy ricorda che, durante le riprese della serie Full Monty, che vedrà protagonisti molti membri del cast originale, tra cui Robert Carlisle, il suo collega è quasi finito sotto tiro. “Doveva essere trascinata via!” lui dice.

Leave a Comment