Willow Smith propone pantaloni a vita ultra bassa

Scritto da Jacqui Palumbo, CNN

Con il buono, il brutto e il cattivo, “Look of the Week” è una serie regolare dedicata a disimballare l’outfit più discusso degli ultimi sette giorni.
La famiglia Smith è tornata sul tappeto rosso mercoledì per la premiere del nuovo film di Will Smith “Emancipation”, dopo diversi mesi di basso profilo dopo il suo ormai famigerato schiaffo agli Oscar. E mentre quasi tutti si sono presentati con un look audace, dall’abito bianco fluttuante di Jada all’abito stampato in bianco e nero di Jaden, è stata la 22enne Willow a distinguersi per il suo stile malinconico-chic, nero gilet corto e pantaloni che scoprono i fianchi impreziositi da cristalli.

L’outfit di Willow arriva direttamente dalla collezione estate 2023 di Stella McCartney, precedentemente indossato da Bella Hadid in passerella. Ma dove Hadid è stato abbinato a sandali in un look più estivo, Smith lo ha reso più spigoloso con piante rampicanti a punta. Con un caschetto nero, ondulato e asimmetrico, sopracciglia sbiancate e ombretto fumoso, Smith ha incarnato un’elegante interpretazione dello stile alternativo degli anni ’90: il suo modus operandi negli ultimi tempi, quando si è avventurata musicalmente nel rock.

Trey Smith (all'estrema sinistra), Willow Smith, Jaden Smith, Will Smith e Jada Pinkett Smith (all'estrema destra) arrivano per la premiere di Apple Original Films' "Emancipazione" al Regency Village Theatre di Westwood, California, il 30 novembre 2022.

Trey Smith (all’estrema sinistra), Willow Smith, Jaden Smith, Will Smith e Jada Pinkett Smith (all’estrema destra) arrivano per la prima di “Emancipation” di Apple Original Films al Regency Village Theatre di Westwood, California, il 30 novembre 2022. Credito: Michael Tran/AFP/Getty Images

In un post su Instagram che mostra il suo aspetto, The Smashing Pumpkins – con cui si è esibita di recente – ha lasciato cadere un’emoji dalla faccia sciolta, mentre il cantante Kyle Dion ha semplicemente scritto: “PANTSssssss”.

Sebbene l’outfit di Smith abbia ricevuto molti elogi, il ritorno dei low-rider è stato divisivo. Mentre la Gen Z ha allegramente pedalato attraverso le mode degli anni ’90 e Y2K, abbracciando anche questo look, le donne millennial hanno generalmente accolto la tendenza di ritorno con disprezzo, avendo cercato conforto in alternative a vita alta dopo un’era di tagli di jeans spietati e malsane aspettative sull’immagine del corpo . Britney Spears, Paris Hilton e Keira Knightly potrebbero aver perfezionato il look da tappeto rosso scoperto due decenni fa, ma non hanno dovuto affrontare il fastidio di salire i loro cosiddetti jeans “pericolosamente bassi” per sedersi classe o sui mezzi pubblici.

I pantaloni erano caldi dalla passerella, debuttando nella collezione Primavera-Estate 2023 di Stella McCartney all'inizio di quest'anno.

I pantaloni erano caldi dalla passerella, debuttando nella collezione Primavera-Estate 2023 di Stella McCartney all’inizio di quest’anno. Credito: Pascal Le Segretain/Getty Images

Hadid, Emily Ratajkowski, Julia Fox e Kendall Jenner si sono tutte esibite in hip-hugger nell’ultimo anno e mezzo, facendo impazzire gli scrittori di moda. “Per l’amor del cielo, per favore, non torniamo ai jeans a vita bassa” ha supplicato Vogue nell’ottobre 2021 prima di ammettere la sconfitta sotto forma di “17 paia di jeans a vita bassa da considerare rockeggianti in questa stagione”, pubblicato meno di un anno dopo . Una raffica di titoli da Vox e Refinery29 al New York Times sono stati tutti venati di ansia. (Vox ha consigliato: “Niente panico.”)

Nonostante la rinascita, gli stili di pantaloni e jeans devono ancora tornare a un’unica silhouette dominante da quando la Gen Z ha effettivamente dichiarato morti i jeans skinny. Gli stili a vita media, alta e bassa si sono tutti apparentemente fatti strada nelle officine, segnalando che, forse, c’è spazio per più di un tipo di ascesa in questo decennio. Quindi tutti possiamo apprezzare gli stili bassi di Smith e Hadid senza il bagaglio: non hanno spazio per le tasche, comunque.

.

Leave a Comment