The White Lotus: all’interno dell’hotel Sicilia dove è stata girata la satira tv dei super ricchi | Televisione

Uno dei più grandi attori italiani, Massimo Troisi, noto soprattutto per Il Postinouna volta disse che la bellissima città siciliana di Taormina, dove è andata in scena la seconda stagione della pluripremiata satira di guerra di classe loto bianco è ambientato, aveva un solo difetto: “Qui ci sono pochi poveri”.

Sarebbe difficile trovare un posto migliore per ambientare la storia dei vacanzieri superprivilegiati e super ricchi che soggiornano nell’avamposto siciliano della lussuosa catena di resort White Lotus. Come per l’esistenza inzuccherata di questi ospiti, Taormina, adagiata su una collina di fronte al Mar Ionio, con una vista mozzafiato sull’Etna, può sembrare una bolla artificiale rispetto ai vicini insediamenti dell’isola, che è una delle più povere regioni in Europa.

Entrambe le stagioni della serie HBO sono state girate negli hotel Four Season, la prima alle Hawaii. Per il secondo, che prende il via domenica sul servizio streaming statunitense, è stato scelto il Palazzo San Domenico, ex convento domenicano le cui origini risalgono al 1374.

“I produttori di loto bianco visitato circa 70 hotel prima di scegliere il nostro”, ha detto Sonia Bonamassa, coordinatrice delle pubbliche relazioni dell’hotel al Osservare quando abbiamo visitato. “E, per loro, è stato amore a prima vista”.

Non c’è da stupirsi: il Palazzo San Domenico trasuda lusso ed eleganza da tutti i pori medievali delle sue mura. Le suite, molte delle quali con piscina privata, sono ricavate nelle celle che un tempo ospitavano i monaci.

Qui, la clientela ordinaria non è poi così diversa da quella rappresentata nella premiata commedia drammatica. L’ingresso è un trambusto di visitatori americani e britannici ricchi e alla moda. Ospiti precedenti includevano Oscar Wilde, Re Edoardo VIII, Elizabeth Taylor, Truman Capote, Audrey Hepburn e Sophia Loren.

Lorenzo Maraviglia, direttore generale del San Domenico Palace, seduto in uno dei salotti dell'hotel.
Lorenzo Maraviglia, direttore generale di Palazzo San Domenico. Fotografia: Alessio Mamo/L’osservatore

Il direttore generale, Lorenzo Maraviglia, ha trascorso mesi con la troupe e gli attori che hanno soggiornato in hotel durante le riprese da febbraio ad aprile dello scorso anno.

“È impressionante come Mike White [the show’s creator] è riuscito a entrare nei dettagli della vita di un grande hotel”, dice. “La vita che descrivono all’interno di un hotel di lusso è molto reale, ovviamente, in alcuni casi molto estrema, perché devono creare il dramma. Ma in questa seconda stagione, alcune dinamiche tra lo staff e il cliente sono totalmente vere. Ripeto, questi eccessi non rispecchiano la realtà, per fortuna, ma molte cose sono vere».

Il direttore generale del resort White Lotus è il personaggio dominante in entrambe le stagioni. Maraviglia racconta di trovarsi quotidianamente ad affrontare situazioni simili a quella di Murray Bartlett, che nella prima stagione ha interpretato il direttore generale Armond.

“Per questo dico che le dinamiche sono reali, almeno per il 95% di quello che si vede – soprattutto quest’anno, perché negli ultimi due anni le persone non hanno viaggiato a causa del Covid. Quindi, in quest’ultimo anno, le aspettative da parte del cliente sono state ancora più alte perché si parla di un maggiore investimento economico. Vede, anche se le persone che vengono qui spendono molto e hanno mezzi economici eccezionali, anche loro hanno il senso del denaro e di quanto spendono.

“Qui, in alta stagione, un cliente spende in media dai 3.000 ai 5.000 euro a notte. E un cliente miliardario comprende il valore di ciò per cui sta pagando. Quindi le aspettative sono molto alte”.

Proprio come nei resort White Lotus, gli ospiti si aspettano un soggiorno impareggiabile, senza il minimo difetto, battuta d’arresto, difficoltà o errore. “È ovvio che possono verificarsi problemi imprevisti. L’uovo è arrivato un po’ in ritardo, il cappuccino non aveva la quantità di panna che volevano. E qui, magari iniziano a dirti: ‘Mi hai rovinato la vacanza’. Quindi, alla fine, la maggior parte del mio tempo è gestire queste dinamiche, come ‘Perché c’era così poca panna nel mio cappuccino?'”.

Come Armond, Maraviglia spiega che il suo compito è raggiungere un altissimo livello di empatia, per cercare di capire cosa si celi dietro il malcontento dei suoi facoltosi clienti. “Non può essere certo la mancanza di panna nel cappuccino che ha rovinato la loro vacanza”, dice.

“C’è qualcosa dietro, c’è una frustrazione con le loro famiglie, o probabilmente gli anni difficili sotto la pandemia. Per questo il nostro lavoro è cercare di capire le vere ragioni e cercare di entrare nel loro mondo, nelle loro vite e gestire gli ego più complicati”.

La direttrice dell’hotel White Lotus di Sicilia, Valentina, è interpretata da Sabrina Impacciatore. Maraviglia, che ha trascorso circa un mese con Impacciatore, ha raccontato che l’attore ha cercato di imparare come un vero manager interagisce con i clienti.

«Era qui, accanto a me, in ufficio», racconta Maraviglia. “Si è seduta lì a studiarmi. Voleva vedere come tenevo le riunioni, come interagivo con il personale, come mi comportavo quando dovevo discutere di una questione personale con i clienti. È diventata il personaggio”.

Tom Hollander, nel ruolo di Quentin, nella seconda stagione.
Tom Hollander, nel ruolo di Quentin, nella seconda stagione. Fotografia: HBO

Ma se, tra le mura del Palazzo San Domenico, lo staff non vede l’ora di assistere alla seconda stagione di loto bianco nelle pittoresche vie del paese in pochi conoscono lo spettacolo, che in Italia non è ancora decollato.

“Non ho visto la prima stagione”, dice Eugenia, proprietaria di un bar vicino alla stazione dei treni. “Sebbene abiti a cinque minuti da Taormina, non la visito spesso. A volte vado a mangiare una pizza o un gelato con la mia famiglia. Ma niente di più. I costi sono troppo alti per la gente comune”.

La città, a causa dei prezzi elevati dei suoi hotel e ristoranti, è inaccessibile alla maggior parte dei siciliani.

“Ho sentito che stavano girando una serie sui ricchi”, dice un’artista di strada che espone le sue opere all’ingresso del teatro greco. “Beh, speriamo che attiri più persone ricche qui. Il meglio per noi!”

Il loto bianco è acceso Cielo Atlantico oro Ora TV da 31 ottobre

Leave a Comment