Storia vera di The Good Nurse | Quali dettagli sono stati tralasciati?

Krysty Wilson-Cairns ha già alcuni crediti di sceneggiatura davvero impressionanti a suo nome – tra cui Last Night in Soho e 1917 – e il suo ultimo film The Good Nurse è un altro trionfo.

Il film è diretto da Tobias Lindholm e racconta l’agghiacciante storia vera di come l’infermiera Charles Cullen (Eddie Redmayne) abbia ucciso un numero enorme di pazienti mentre lavorava in vari ospedali del New Jersey, prima di essere scoperto dalla sua collega e amica Amy Loughren (Jessica Chastain).

Wilson-Cairns ha lavorato alla sceneggiatura per diversi anni prima che il film fosse realizzato, adattandolo dall’omonimo libro di saggistica di Charles Graeber e, naturalmente, non è stata in grado di adattare ogni aspetto del caso al sceneggiatura.

“Voglio dire, c’era così tanto”, ha detto a RadioTimes.com quando le è stato chiesto quali parti del libro di Graeber dovevano essere tralasciate.

“Sai, stavamo raccontando la storia dal punto di vista di Amy, quindi non abbiamo mai potuto davvero uscirne, ma il modo in cui Charles Cullen è stato passato da un ospedale all’altro, il modo in cui è stato licenziato per aver rubato forniture come carta igienica, oppure è stato licenziato per aver inserito date sbagliate nel modulo di domanda.

“E ognuno di questi ospedali – o almeno, le persone all’interno di questi ospedali – sospettava fortemente che stesse uccidendo pazienti, e non solo uno o due, uccidendo più pazienti. E penso solo che per me sia un tale fallimento di tutto – dell’umanità, del sistema, delle procedure di contrasto.

Più così

“Ed è stato così irritante. E, sai, ci sono ovviamente parti di quello lì dentro, ma non potevamo inserirlo.”

Wilson-Cairns ha aggiunto che quando ha letto il libro per la prima volta non aveva idea di come raccontare la storia come un film – e solo quando Amy Loughren è apparsa nell’ultimo terzo ha capito quale dovrebbe essere la sua attenzione.

“La prima metà del libro, ero tipo, è così avvincente e così affascinante, ma non sono sicura di come entrare – non so quale sia il nucleo emotivo della storia”, ha detto. “Non volevo che il serial killer fosse il protagonista, come se non volessi che lui fosse la star. Quindi stavo davvero, davvero lottando con esso.

“E poi nell’ultimo terzo del libro, hai colpito Amy Loughren e la sua storia. E ho pensato, OK, ecco una mamma single della classe operaia, un’infermiera operaia che è oppressa dal sistema e ha anche problemi a causa di la sua salute e il modo in cui l’assistenza sanitaria è organizzata in America.

“Era la più vicina ai pazienti, era anche la più vicina al serial killer. E ho pensato, questo è il tuo modo di entrare perché quello è in realtà l’elemento umano della storia, lei era l’umanità in tutta questa oscurità per me.

“E anche il fatto che non lo sconfigga con la violenza, non lo costringe a confessarlo. Non è che gli spari o qualcosa del genere – non c’è nessuna di queste narrazioni tradizionali su come si uccide il cattivo. Lei superalo con compassione».

Krysty Wilson-Cairns e Amy Loughren alla conferenza stampa di The Good Nurse durante il Toronto International Film Festival 2022 netflix

Come parte del processo, Wilson-Cairns mette molte delle persone coinvolte nella storia – inclusa Amy Loughren – e ha detto che questa era una parte “integrale” dell’adattamento, aggiungendo che Loughren era “così gentile e aperta”.

“Una cosa è leggere che una persona ha una condizione cardiaca, ma un’altra è ascoltare con le proprie parole”, ha spiegato. “Tipo, come ci si sente? Oh, sembra che il tuo cuore stia cercando di esplodere da una vena del tuo collo.

“E capirlo quando lo scrivi ha un effetto a catena: so che Jessica Chastain ha lavorato insieme [with Amy] per capire davvero anche quella condizione del cuore. E poi l’altra cosa, che ho scoperto, era che lei in realtà avevo è crollato durante il turno con Charles Cullen, quindi è tutto vero”.

Per saperne di più: lo scrittore di The Good Nurse sulla scena “veramente terrificante” di Eddie Redmayne

The Good Nurse è ora in programmazione in alcuni cinema e sarà disponibile per la visione su Netflix il 26 ottobre. Iscriviti a Netflix da £ 6,99 al mese. Netflix è disponibile anche su Sky Glass e Virgin Media Stream.

Cerchi qualcos’altro da guardare? Dai un’occhiata alla nostra guida TV o visita il nostro hub dedicato ai film per le ultime notizie.

L’ultimo numero della rivista Radio Times è ora in vendita: iscriviti ora e ricevi i prossimi 12 numeri a solo £ 1. Per saperne di più dalle più grandi star della TV, ascolta il podcast Radio Times View From My Sofa.

Leave a Comment