Stadi della vergogna: i numeri che ospitano i Mondiali il Qatar non vuole farsi vedere | Coppa del Mondo 2022

Mentre 32 squadre si riuniscono in Qatar per questo inquietante dei Mondiali, i seguenti numeri servono come un duro promemoria del costo umano del torneo, così come delle continue sofferenze tra i lavoratori migranti, le donne e la comunità LGBTQ+ nel paese.

Gianni Infantino, presidente della Fifa, vuole che ci concentriamo esclusivamente sul calcio. Molti lo faranno. Ma l’impatto della Coppa del Mondo non dovrebbe essere misurato solo sul bilancio o sull’albo d’oro del torneo, ma nella realtà della vita della gente comune. Questi sono solo alcuni dei numeri che fanno vergognare i nuovi stadi luccicanti del Qatar e la 22esima edizione della Coppa del Mondo:

$ 200 miliardi

Si dice che il Qatar abbia speso per preparare la Coppa del Mondo, rispetto ai circa 11 miliardi di dollari spesi dalla Russia nel 2018.

0

Numero di clausole o condizioni sui diritti umani riguardanti le tutele del lavoro richieste dalla Fifa alle autorità del Qatar in occasione dell’assegnazione dei diritti di hosting nel 2010.

3

Numero ufficiale di lavoratori morti durante i preparativi per i Mondiali 2022, secondo i qatarini e Infantino. Nicholas McGeehan dell’organizzazione per i diritti umani Fair Square definisce quel numero un “tentativo intenzionale di fuorviare” in quanto si concentra su progetti che rappresentano solo l’1% delle costruzioni in Qatar. Il Comitato Supremo afferma che anche altri 36 lavoratori dei cantieri degli stadi sono morti, ma per motivi “non lavorativi” – cioè, sono morti dopo una giornata di lavoro per “cause naturali”.

Guida veloce

Qatar: oltre il calcio

Mostrare

Questa è una Coppa del Mondo come nessun’altra. Negli ultimi 12 anni il Guardian ha riferito sulle questioni relative al Qatar 2022, dalla corruzione e violazioni dei diritti umani al trattamento dei lavoratori migranti e leggi discriminatorie. Il meglio del nostro giornalismo è raccolto nella nostra home page dedicata a Qatar: Beyond the Football per coloro che vogliono approfondire le questioni oltre il campo.

Grazie per il tuo feedback.

Tre punti interrogativi

Il numero esatto di lavoratori migranti morti a causa di negligenza su progetti legati alla Coppa del Mondo. Il numero reale non sarà mai conosciuto. Secondo Human Rights Watch “le autorità del Qatar non sono riuscite a indagare sulle cause della morte di migliaia di lavoratori migranti, molti dei quali sono attribuiti a ’cause naturali'”. HRW ha anche rilevato che, in tali casi, raramente le famiglie ricevono un risarcimento per i decessi perché, secondo il diritto del lavoro del Qatar, i decessi non considerati legati al lavoro non hanno diritto a un risarcimento.

6.500

Lavoratori migranti provenienti da India, Pakistan, Nepal, Bangladesh e Sri Lanka segnalati dal Guardian sarebbero morti in Qatar tra il 2010, anno in cui si è aggiudicato il torneo, e il 2021.

200

Morti operai nepalesi per il caldo in Qatar, secondo uno studio del 2019 sulla rivista Cardiology che ha trovato una correlazione, concludendo che “ben 200 dei 571 decessi cardiovascolari [of Nepali workers] durante il 2009-17 avrebbe potuto essere prevenuta” con efficaci misure di protezione dal calore. “Sappiamo che i lavoratori sono sottoposti a valutazioni mediche prima di lasciare i loro paesi d’origine e all’arrivo”, afferma Isobel Archer, del Business & Human Rights Resource Centre. “Sono considerati sani e in forma, ma sappiamo che ci sono stati moltissimi decessi tra giovani uomini sani e in forma su una scala tale che sarebbe sorprendente in qualsiasi altro contesto”.

Lavori all'Education City Stadium di Al Rayyan nel 2018. È una delle sette sedi di nuova costruzione per la Coppa del Mondo 2022.
Lavori all’Education City Stadium di Al Rayyan nel 2018. È una delle sette sedi di nuova costruzione per la Coppa del Mondo 2022. Fotografia: Tom Jenkins/The Guardian

100.000

Cifra minima per il numero di lavoratori migranti che Amnesty International ritiene siano stati sfruttati e abbiano subito abusi a causa delle leggi sul lavoro permissive e dell’accesso insufficiente alla giustizia in Qatar negli ultimi 12 anni.

14 a 18

Ore lavorate al giorno da molti lavoratori migranti in Qatar, in particolare nei settori domestico e della sicurezza, secondo Amnesty. Un recente rapporto di Equidem ha trovato molte storie simili, tra cui quella di un lavoratore keniota che ha descritto di aver lavorato 14 ore al giorno al Lusail Stadium senza straordinari pagati per più di due anni.

£ 225

Salario minimo legale al mese in Qatar (1.000 riyal), l’equivalente di circa 1 sterlina l’ora, anche se vitto e alloggio sono forniti. Negli ultimi anni, le autorità hanno introdotto una serie di riforme del lavoro, tra cui l’introduzione di un salario minimo e l’abolizione della kafala, o sistema di sponsorizzazione. Tuttavia, i gruppi per i diritti umani affermano che è stato frammentario e che continuano a verificarsi molti abusi.

I lavoratori si dirigono verso il cantiere del Lusail Stadium.
I lavoratori si dirigono verso il cantiere del Lusail Stadium. Fotografia: Kai Pfaffenbach/Reuters

1.300 a 3.000

Gamma in dollari pagata come quota di assunzione da alcuni lavoratori migranti provenienti da India, Bangladesh, Nepal e altrove in cerca di lavoro in Qatar. Anche se ora questo è illegale, molti lavoratori stanno ancora lottando per rimborsare le tasse di assunzione e i debiti associati e inviare denaro alle loro famiglie.

119

La valutazione del Qatar, su 180 paesi, nell’indice sulla libertà di stampa di Reporter Senza Frontiere. Ciò lo rende uno dei migliori paesi della regione, tuttavia i giornalisti sono stati ancora avvertiti dai gruppi per i diritti umani che probabilmente saranno sottoposti a sorveglianza durante la Coppa del mondo.

7

Anni di carcere che possono affrontare uomini e donne che hanno rapporti sessuali al di fuori del matrimonio ai sensi dell’articolo 281 del codice penale. HRW afferma che ciò colpisce in modo sproporzionato le donne, che sono state perseguite se denunciano uno stupro. Dice che “la polizia spesso non crede alle donne che denunciano tale violenza, credendo invece agli uomini che affermano che era consensuale, e qualsiasi prova o suggerimento che una donna conoscesse l’autore del reato maschio è stato sufficiente per perseguire la donna”.

11

Casi di maltrattamento in detenzione di persone lesbiche, gay, bisessuali e transgender tra il 2019 e il 2022, secondo un rapporto di HRW dell’ottobre 2022. Ha affermato che le forze del Dipartimento per la sicurezza preventiva del Qatar hanno arrestato arbitrariamente persone LGBT e le hanno sottoposte a maltrattamenti -trattamento in detenzione compresi sei casi di “pestaggi gravi e ripetuti e cinque casi di molestie sessuali in custodia di polizia tra il 2019 e il 2022”. Come requisito per il loro rilascio, le forze di sicurezza hanno imposto alle donne transgender detenute di partecipare a sessioni di terapia di conversione presso una struttura governativa. Secondo le autorità, però, in Qatar non esistono centri di “conversione” gay.

Gli attivisti LGBT+ giocano a calcio davanti al museo Fifa di Zurigo in vista della Coppa del Mondo in Qatar.
Gli attivisti LGBTQ+ giocano a calcio davanti al museo Fifa di Zurigo in vista della Coppa del Mondo in Qatar. Fotografia: Fabrice Coffrini/AFP/Getty Images

5

Possibile numero di anni di reclusione ai sensi dell’articolo 296 del codice penale del Qatar per “indurre, istigare o sedurre un maschio in qualsiasi modo a commettere sodomia o dissipazione” e “indurre o sedurre un maschio in qualsiasi modo a commettere azioni illegali o immorali”.

440 milioni di dollari

Importo che Amnesty e altri ritengono che la Fifa dovrebbe mettere a disposizione per aiutare a risarcire i lavoratori migranti che sono morti o hanno subito lesioni in Qatar. Ciò equivale al premio in denaro della Coppa del Mondo. Tuttavia, il ministro del lavoro del Qatar ha respinto tali proposte, sostenendo che le critiche al governo sono considerate “razziste”. Il ministro, Ali bin Samikh al-Marri, ha detto ad AFP che “non c’erano criteri per stabilire questi fondi” e ha chiesto: “Dove sono le vittime? Hai i nomi delle vittime? Come puoi ottenere questi numeri?

Leave a Comment