Salah segna la tripletta più veloce, il Liverpool batte i Rangers 7-1

Mohamed Salah è uscito dalla panchina per segnare la tripletta più veloce nella storia della Champions League mentre il Liverpool ha battuto i Rangers 7-1 mercoledì e ha messo un piede negli ottavi di Champions League.

Roberto Firmino ha segnato una doppietta, mentre Darwin Nunez e Harvey Elliott hanno segnato anche una vittoria che rafforza la fiducia per gli uomini di Jurgen Klopp mentre si avvicinavano a un punto dalla qualificazione per la fase a eliminazione diretta.

Il Liverpool era stato costretto a rimontare da dietro dopo che Scott Arfield aveva portato i giganti di Glasgow in vantaggio all’inizio.

Ma i Rangers vengono istruiti al loro ritorno in Champions League per la prima volta in 12 anni poiché rimangono senza un punto, subendo 16 gol in quattro partite.

La doppietta di Firmino su entrambi i lati dell’intervallo ha ribaltato la partita prima che il brasiliano tirasse Nunez per chiudere la gara.

Klopp aveva lasciato Salah e Thiago Alcantara in panchina con un occhio alla sfida di domenica contro il Manchester City in Premier League.

Ma entrambi sono stati portati in campo per gli ultimi 22 minuti e Salah non ha perso l’occasione di incassare contro una difesa dei Rangers assediata.

Il triplete dell’egiziano è arrivato in soli sei minuti e 12 secondi per battere il precedente record detenuto da Bafetimbi Gomis nella vittoria per 7-1 del Lione sulla Dinamo Zagabria nel 2011.

Elliott ha poi completato il punteggio in una serata che fa riflettere per una squadra dei Rangers che solo pochi mesi fa ha raggiunto la finale di Europa League.

Un pareggio ad Amsterdam sarà sufficiente per il Liverpool per raggiungere gli ottavi di finale quando affronterà l’Ajax tra due settimane.

Ma il Napoli resta in testa nel Gruppo A dopo che la vittoria per 4-2 sull’Ajax si è assicurata il posto nella fase a eliminazione diretta.

– Partenza lenta familiare –
La selezione della squadra di Klopp è stata in parte una reazione alla perdita di Trent Alexander-Arnold, Joel Matip e Luis Diaz per infortunio nella sconfitta per 3-2 contro l’Arsenal domenica che ha lasciato i Reds già a 14 punti dalla capolista della Premier League.

Gli ospiti hanno preso l’abitudine di partenze lente in questa stagione e sono rimasti indietro per l’ottava volta in 12 partite quando la corsa di Arfield non è stata tracciata da centrocampo e l’ex nazionale canadese ha prodotto un finale brillante trovando l’angolo inferiore.

Fortunatamente per i finalisti della Champions League della scorsa stagione, le stesse fragilità difensive dei Rangers sono state messe a nudo per il pareggio al 24′.

Non per la prima volta in questa stagione, gli uomini di Giovanni van Bronckhorst si sono resi colpevoli di una difesa morbida su calcio piazzato quando Firmino ha avuto il semplice compito di annuire su corner di Kostas Tsimikas.

Il Liverpool ha scattato le marce dopo la pausa con Firmino che non ha fatto danni al suo caso per ricevere un contratto oltre la fine di questa stagione.

Firmino ha portato a casa il suo ottavo della stagione su un bel cross basso di Joe Gomez e poi ha tirato su Nunez mentre l’uruguaiano ha afferrato un altro gol tanto necessario per la sua fragile sicurezza piegandosi nell’angolo più lontano alle spalle di Allan McGregor.

Il portiere 40enne dei Rangers ha compiuto atti eroici per mantenere basso il punteggio quando il Liverpool ha vinto il primo incontro tra le squadre 2-0 ad Anfield la scorsa settimana.

Ma l’età di McGregor ha mostrato quando Salah è uscito dalla panchina per porre fine alla sua siccità di gol dal gioco aperto con stile.

Salah ha sparato da un angolo stretto prima di catturare McGregor sul primo palo e poi ha completato la sua tripletta con un sontuoso finale sul piede sinistro.

Il dolore non era finito per i Rangers quando Elliott ha spazzato a casa il rimbalzo dopo che McGregor ha negato Diogo Jota e una revisione del VAR ha ribaltato la decisione iniziale del guardalinee di escludere il gol per fuorigioco.

Leave a Comment