RB Lipsia – Real Madrid 3-2: valutazioni dei giocatori

Il Real Madrid ha affrontato una dura sfida martedì sera quando è uscito sulla Red Bull Arena per affrontare l’RB Lipsia. Agli uomini in bianco mancavano alcuni nomi chiave prima dello scontro, ma bastava un solo punto per garantire il loro piazzamento in classifica.

Carlo Ancelotti ha schierato una squadra completamente ruotata nella notte e ha colto l’occasione per dare la possibilità ai suoi giocatori marginali di brillare.

Thibaut Courtois è stato protetto da una combinazione di difensori centrali di Eder Militao e Nacho Fernandez. Lucas Vazquez e Antonio Rudiger sono partiti rispettivamente da terzino destro e sinistro.

Toni Kroos è stato schierato a centrocampo sin dal primo fischio al fianco del giovane duo formato da Aurelien Tchouameni ed Eduardo Camavinga. Vinicius Jr, Rodrygo e Marco Asensio hanno completato la formazione.

Gli uomini in bianco hanno dominato il possesso palla nel primo tempo, ma gli ospiti si sono portati via le occasioni migliori. Nonostante avesse solo il 46% di possesso, il Lipsia ha registrato cinque tiri in porta e un tiro bloccato nel primo periodo.

Il primo gol dei padroni di casa è arrivato in modo simile, completamente contro la corsa. Al 13′ Josko Gvardiol ha segnato da calcio d’angolo portando la sua squadra in vantaggio.

Il suo colpo di testa iniziale è stato parato da Courtois ma non c’era molto che il portiere potesse fare per fermare il suo colpo di testa sul rimbalzo.

Il Lipsia ha impiegato solo cinque minuti per raddoppiare il vantaggio, questa volta tramite Christopher Nkunku. Ancora una volta, il gioco è iniziato da un angolo.

Il calcio da fermo è stato preso corto e, dopo alcuni passaggi, la palla è stata nell’area del Real Madrid ai piedi di Nkunku. Con calma, l’attaccante ha preso il suo tempo e ha posizionato la palla alle spalle di Courtois.

I Bianchi dopo quel punto è cresciuto lentamente nel gioco e ne ha tirato indietro uno al penultimo minuto del tempo.

Il merito del gol va a Marco Asensio, bravo a scavalcare la difesa del Lipsia ea mandare un cross in alto a Vinicius. Con solo il portiere da battere, il cooly brasiliano ha colpito di testa la palla e ha concluso il lavoro.

Il secondo tempo è stato tutt’altro che uguale. Il Real Madrid ha preso la partita per il collo e ha dominato le occasioni mentre cercava disperatamente il pareggio. Il Lipsia, a sua volta, si è completamente limitato a occasionali contrattacchi.

Carlo Ancelotti inserisce David Alaba e Dani Carvajal al 70′ per Nacho e Vazquez. Sei minuti dopo, Eden Hazard ha sostituito Toni Kroos.

A nove minuti dalla fine, il Real Madrid ha subito il terzo gol contro il periodo di gioco. Il feroce contropiede del Lipsia è iniziato con Mohamad Simakan che si è caricato sulla fascia destra e ha avuto la meglio su Rudiger e Militao prima di inviare un cross perfetto a Timo Werner. Il nazionale tedesco non ha sbagliato molto nel chiudere l’occasione, perché aveva la porta aperta in sua mercé.

Il Real Madrid ha tirato indietro uno con un rigore nel finale nell’ultimo minuto della partita dopo che Rodrygo è stato atterrato da Nkunku in area. Il brasiliano si è fatto avanti per prendere il calcio di rigore e seppellire la palla, ma era troppo poco e troppo tardi.

La squadra di Ancelotti ha assaporato la prima sconfitta stagionale. Gli uomini di Marco Rose sono stati superiori quella sera e al Real Madrid sono mancati davvero i loro giocatori principali, tra cui Fede Valverde, Luka Modric e Karim Benzema.

Rimangono in testa al Gruppo F per il momento, ma per finire in questo modo avranno bisogno di una vittoria sul Celtic alla sesta giornata.

Leave a Comment