Poo Bear parla della sua “crescita” nell’album “Book Of Nabeel”.

“La mia motivazione per Il libro di Nabeel sarà solo crescita, mostrando crescita ” Orso di cacca racconta HollywoodLife in una videointervista ESCLUSIVA. Poo Bear (n. Jason Boyd) è uno dei talenti cantautori e di produzione di maggior successo degli ultimi vent’anni, avendo lavorato con 112, Usher, Kelly Rowland, Fat Joe, Chris Brown, J Balvin, e – in particolare – Justin Bieber. “Ho avuto molto successo; Ho scritto un sacco di canzoni”, dice Poo Bear, un eufemismo considerando che il suo lavoro ha accumulato vendite di oltre 350 milioni di dischi in tutto il mondo, più certificazioni di platino e streaming in centinaia di trilioni. Tuttavia, con il suo nuovo album, ha voluto spingersi ancora oltre come artista creativo.

(Chad Griffith)

“Questo progetto è stato realizzato con un mio carissimo fratello di nome Nabeel, e queste poesie vengono dal suo cuore”, dice Poo Bear. “Siamo stati in grado di prenderli e trasformarli in canzoni fantastiche. In tal modo, sai, ho appena visto così tanta crescita – nella mia voce, nella mia performance e nelle mie melodie. “Ero tipo, sai, cosa, è fantastico; dovremmo davvero pubblicarlo.

Invece di gettare questo lavoro nell ‘”abisso della musica”, come dice lui, Poo Bear voleva far risplendere questa nuova luce sul mondo. “È come un nuovo modello della musica che puoi fare. Tutti rimangono bloccati in questi formati cliché e strutture di canzoni, e Il libro di Nabeel passi fuori da quella scatola.

L’album segna anche un traguardo molto personale per Poo Bear. Con un tale track record, avrebbe potuto rimanere dietro le assi e cavalcare comodamente verso il tramonto con questa carriera degna della Hall of Fame. Tuttavia, ha fatto ciò che molti hanno paura di fare e si è messo in gioco come artista. Thought Poo Bear canta con sentimento e fiducia Il libro di Nabeel, lui dice HL che non è sempre stato così.

blank
Ciad Griffith

“Non sono sempre stato fiducioso come artista, e [it had to do with my obesity and a lot to me being overweight,” says Pooh Bear. He says that thinking about “what other people were thinking about me” resulted in him getting to a point where he “enjoy[ed] nascondendosi in studio e vivendo indirettamente attraverso diversi artisti che cantavano le canzoni e le davano vita.

Durante il suo recente viaggio di fitness, Poo Bear ha notato un cambiamento nel suo comportamento. “Negli ultimi tre, quattro anni, ho appena notato che la mia autostima è aumentata molto in base alla mia taglia, alla possibilità di indossare i vestiti che desidero e al fatto di essere a mio agio”. Lavorare per arrivare a un punto in cui era felice nella sua pelle ha portato a una maggiore felicità dietro un microfono. Pooh Bear dice di sentirsi “fiducioso di poter salire su qualsiasi palco, in giro per il mondo, e cantare a squarciagola”.

Dai un’occhiata all’intervista sopra per saperne di più, incluso come Poo Bear si è spinto “sonicamente” come produttore nel suo nuovo album.

Leave a Comment