Ogni parola dal pressore pre-Bodo di Mikel Arteta | Conferenza stampa | Notizia

Mikel Arteta ha affrontato i media poco dopo essere atterrato in Norvegia in vista dello scontro della fase a gironi di Europa League con Bodo/Glimt giovedì sera.

Al boss è stato chiesto della sfida di giocare su un campo artificiale, della rotazione della sua rosa e dell’importanza di finire in testa al girone.

Continua a leggere per una trascrizione completa…

Se il campo influenzerà la selezione della squadra…
Quello a cui pensiamo è come vinceremo la partita. Questo è tutto. Come vinciamo ogni tre giorni, in condizioni diverse, in contesti diversi, con condizioni meteorologiche diverse, in competizioni diverse, ed è l’unico modo in cui ci stiamo avvicinando.

Sulla possibilità di infortuni…
Non sappiamo, un giocatore può infortunarsi su un campo artificiale, può infortunarsi in allenamento. Ovviamente facciamo quello che dobbiamo fare per proteggere i giocatori il più possibile, ma alla fine della giornata, domani di sicuro avremo 11 giocatori in campo

Se influirà sulla selezione…
La nostra selezione si basa su come pensiamo di vincere la partita, nient’altro.

Sul perché Gabriel Jesus è stato lasciato indietro…
Abbiamo sentito che con tutto quello che ha passato nelle ultime settimane sarebbe stato meglio per lui rimanere a casa.

Sulla sconfitta per 6-1 della Roma qui…
Penso di averlo detto prima della partita casalinga, che quello che questa squadra e questo staff tecnico hanno fatto negli ultimi anni è straordinario. Soprattutto in Europa, perché ha più titoli nel resto d’Europa, ma senza dubbio i punteggi che hanno avuto qui si spiegano da soli.

Sui tifosi di Bodo…
Erano davvero rumorosi, davvero appassionati e ne ho parlato con Martin. Ha detto di aspettarsi un’atmosfera fantastica qui ed è fantastico. Ecco perché viaggi anche in Europa.

Se ha potuto esercitarsi su un campo artificiale…
No.

Sul fatto che l’Arsenal sia un obiettivo ora siamo in cima …
Non so come facciano gli altri allenatori contro di noi, ovviamente Gaby (Gesù) è un giocatore che si lascia coinvolgere da molto contatto fisico. È nella sua natura e spetta agli arbitri proteggere i giocatori.

Se è contento della protezione dei giocatori…
Sono davvero contento di come si stanno comportando i nostri giocatori, e questa è la cosa più importante. Poi tocca agli arbitri proteggerli.

Sull’incidente nella partita del Liverpool…
È qualcosa che non voglio toccare. È nelle mani della FA e non ho intenzione di essere coinvolto in questo.

Sul fatto che supporti i suoi giocatori…
Cento per cento.

Sul fatto che Martin Odegaard sia un ragazzo prodigio…
È il suo viaggio. Ha iniziato sotto i riflettori molto, molto presto nella sua carriera, e probabilmente è per questo che è così maturo all’età che ha adesso. È in giro da così tanto tempo che dimentichiamo quanti anni ha. Ma è il suo viaggio, non poteva sceglierlo. Era così bravo a quell’età, riceveva molte attenzioni e le gestiva in modo davvero positivo.

Sul suo ruolo domani…
Probabilmente in campo ad un certo punto! Non lo so, speriamo che possa divertirsi, ovviamente è un momento molto importante per lui, adora venire nel suo paese. Sai quanto significa per lui ed è una buona opportunità per lui.

Se il campo o le condizioni potrebbero diventare un problema…
No, anche se c’è vento, pioggia o neve, non è una scusa. Il nostro obiettivo è vincere ogni tre giorni e trovare un modo per farlo ogni volta.

Sul fatto che essere in Europa sia un aiuto o un ostacolo…
In termini di minuti di condivisione, questo è certo [it has helped us]. È qualcosa di veramente positivo perché c’erano giocatori che non hanno giocato molto, soprattutto nelle prime settimane e il nostro lavoro è gestirlo. Spetta ai giocatori esibirsi e darci le giuste ragioni per giocare e vincere.

Su come ha reagito Kieran Tierney alla mancata partenza contro il Liverpool…
Come qualsiasi altro giocatore. Sappiamo che prendiamo le decisioni sempre in base alla migliore preparazione possibile per vincere le partite e Kieran l’ha accettato come qualsiasi altro giocatore.

Iniziamo i giochi velocemente…
Ogni allenatore vuole partire veloce e segnare nel primo minuto, ma ovviamente non è una cosa che sempre è possibile. Il nostro obiettivo è sempre quello di attaccare, essere dominante nel gioco e passare in vantaggio il più rapidamente possibile.

Su come Bodo si confronta con le altre squadre del girone…
Sono uno dei contendenti per essere sicuramente in testa al girone alla fine delle partite. Anche domani avremo una prova difficile.

Su Pierre-Emerick Aubameyang che dice che non gli piacciono i grandi personaggi…
Le persone sono libere di discutere di ciò che vogliono.

Sul mood nello spogliatoio…
Fenomenale. Non sono mai stato in uno spogliatoio migliore. Più divertente, più laborioso, migliori rapporti con lo staff con i giocatori ed è un vero piacere come allenatore far parte di questo gruppo.

Su se l’incidente alla fine contro il Liverpool si risolverà rapidamente…
Non lo so. È qualcosa che non decido io, i tempi sono davvero difficili da prevedere. La FA ora è al comando della situazione e dovremo aspettare e vedere.

Se è come se fosse uno sport diverso giocare su un campo artificiale…
Ovviamente, tutti sono consapevoli che ci sono molte cose che sono diverse. La velocità è diversa, il modo in cui puoi usare l’erba è diverso e dovremo adattarci ad esso. Lo sappiamo, siamo qui per vincere la partita e domani sera di sicuro giocheremo in artificiale.

Su quanto sia importante vincere il girone…
Sì, ecco perché ogni partita è cruciale. Guardando al girone, il risultato di domani sarà davvero importante perché possiamo eliminare giocando due partite in più e gli avversari che dovrai affrontare dopo, quindi sappiamo che vogliamo essere i primi nel girone.

Se altri giocatori non hanno viaggiato…
Alcuni giocatori che si sono infortunati. Lo scoprirai domani.

Copyright 2022 The Arsenal Football Club plc. L’autorizzazione a utilizzare le citazioni di questo articolo è concessa subordinatamente all’attribuzione di un credito appropriato a www.arsenal.com come fonte.

Leave a Comment