Novak Djokovic ha concesso il visto per giocare agli Australian Open dopo che il divieto di tre anni è stato annullato | Notizie sul tennis

Il nove volte campione dell’Australian Open Novak Djokovic ha espresso il suo sollievo per la revoca del divieto di visto, il che significa che gli sarà permesso di competere agli Australian Open del prossimo anno.

Il 35enne serbo, il giocatore maschio di maggior successo nella storia del torneo, ha saltato il torneo di quest’anno dopo essere stato arrestato e deportato per non aver ricevuto un vaccino contro il Covid-19.

L’ex numero 1 al mondo Djokovic era stato originariamente escluso dal paese fino al 2025, ma tale decisione è stata revocata dal governo australiano.

“Sono stato molto felice di ricevere la notizia di ieri”, ha detto Djokovic, la cui espulsione ha dominato la preparazione agli Australian Open di quest’anno, dopo la sua vittoria su Andrey Rublev alle finali ATP di Torino mercoledì.

“Ovviamente è stato un sollievo sapere quello che io e le persone a me più vicine nella mia vita abbiamo passato quest’anno con quello che è successo in Australia e ovviamente dopo l’Australia.

“Non potevo certo ricevere notizie migliori, anche durante questo torneo. L’Australian Open è stato il mio Grande Slam di maggior successo. Ho conservato alcuni dei ricordi più belli lì.

Utilizza il browser Chrome per un video player più accessibile

L’ex numero 1 del mondo Novak Djokovic parla delle sfide che ha affrontato quest’anno dopo essere stato bandito dagli Australian Open a causa della sua posizione anti-vaccinazione

“Ha influito sul mio gioco oggi? Mi piacerebbe credere che l’abbia fatto. Perché no? Non credo che mi abbia influenzato troppo perché ho familiarità con ciò che devo fare per prepararmi ad ogni partita.

“Ovviamente, sapendo di avere chiarezza ora, cosa farò in bassa stagione, iniziando la stagione in Australia, ovviamente ha anche alleggerito parte della pressione che io e il mio team abbiamo sentito. Solo dare quella chiarezza lo rende fantastico per noi.

“Certo, voglio tornare lì, voglio giocare a tennis, fare quello che so fare meglio, spero di trascorrere una fantastica estate australiana.

“Sono sempre grato di vivere esperienze, non importa quali siano. Cerco di essere ottimista e positivo nella vita. Non vedo l’ora di iniziare il nuovo anno in Australia e vedremo come andrà il prossimo anno. “

Il direttore del torneo Craig Tiley ha confermato all’inizio di questo mese che Djokovic sarebbe stato il benvenuto a gennaio se avesse potuto ottenere un visto, ma che Tennis Australia non è stata in grado di fare pressioni per suo conto.

A luglio, l’Australia ha abolito una regola che richiedeva ai viaggiatori internazionali di dichiarare il proprio stato di vaccinazione Covid, e Djokovic ha dichiarato a ottobre di aver ricevuto “segnali positivi” sullo stato degli sforzi per revocare il suo divieto.

Utilizza il browser Chrome per un video player più accessibile

Novak Djokovic afferma di essere “estremamente deluso” dalla decisione del tribunale di espellerlo dall’Australia e impedirgli di difendere il suo titolo agli Australian Open

Djokovic alle semifinali delle ATP Finals

Djokovic ha ricevuto la notizia martedì e ha festeggiato con una vittoria su Rublev a Torino.

La vittoria per 6-4 6-1 significa che il serbo si è qualificato per le semifinali delle ATP Finals e ha descritto il risultato come uno dei suoi “migliori match dell’anno”.

Ha superato il primo set dopo aver forzato una pausa nel decimo gioco e ha dominato il secondo set. Il cinque volte ex campione delle ATP Finals attende il suo avversario del Green Group, che comprende Casper Ruud, Taylor Fritz, Felix Auguer-Alissiame e Rafael Nadal.

Nadal attualmente siede in fondo al gruppo dopo di lui perso contro Fritz in apertura e Auger-Aliassime. L’ex numero uno del mondo ha ancora scarse possibilità di raggiungere le semifinali ma deve battere in due set Ruud, che è imbattuto nelle partite iniziali e conta su altri risultati per fare la sua strada.

Nel girone rosso, Stefanos Tsitsipas e Daniil Medvedev si incontreranno più tardi mercoledì, con entrambi gli uomini che hanno perso la loro prima partita.

Il britannico Neal Skupski e il suo partner olandese Wesley Koolhof hanno perso 6-4 7-6 (3) contro i potenti croati Nikola Mektic e Mate Pavic nelle loro doppie gomme.

Leave a Comment