Moukoko ha sfruttato la forma della Bundesliga nella rosa della Germania

Il commentatore di ESPN della Bundesliga, Derek Rae, spiega come il campionato nazionale abbia gettato le basi per la squadra tedesca della Coppa del Mondo e guarda avanti al round di partite che chiuderà l’anno solare del club.

– Stream su ESPN+: LaLiga, Bundesliga, altro (Stati Uniti)

Sapevamo da tempo che giovedì sarebbe stato il giorno della decisione Die Nationalmannschaft manager Hansi Flick, ma c’erano sempre storie commoventi per alcuni e sorprese sgradite per altri.

In attacco, la Germania è alla ricerca di una soluzione di alto livello da diversi anni e Flick ha deciso di scegliere due giocatori in forma agli estremi opposti dello spettro di età che non erano necessariamente sul radar alcuni mesi fa.

A 29 anni, Niclas Fullkrug non taglia la figura di un calciatore moderno e affascinante, ma ha il talento sotto porta. Va più in profondità dei 10 che ha segnato per il Werder Brema in questa stagione, con cinque di loro arrivati ​​negli ultimi cinque minuti delle partite, mentre tre sono stati della varietà aerea. Fullkrug potrebbe non avere alcuna esperienza internazionale, ma è un professionista esperto, un leader di linea, un punto focale e francamente il tipo di giocatore grintoso dei vecchi tempi di cui la Germania avrà bisogno in determinate situazioni ai Mondiali.

Come Fullkrug, il 17enne Youssoufa Moukoko non era sicuro di entrare in squadra all’inizio della stagione, ma la star del Borussia Dortmund ha calcolato perfettamente la sua forma con l’obiettivo di ottenere il cenno di Flick. La sua scintillante doppietta nella vittoria per 2-0 sul VfL Bochum la scorsa settimana ha rafforzato la sua causa e ci sono stati altri grandi momenti della Bundesliga, come il vincitore in ritardo nel riverderby e il gol decisivo per riportare il Dortmund in lizza nel 2-2 contro il Bayern Monaco.

Gli infortuni degli ultimi giorni a Timo Werner e Lukas Nmecha hanno contribuito a consolidare il giudizio a loro favore.

Dovresti essere un filisteo per sorvolare sull’inclusione di Mario Gotze, l’uomo che ha inciso il suo nome nel folklore del calcio tedesco con il suo obiettivo di vincere la finale della Coppa del Mondo 2014 a Rio de Janeiro. Gotze ha passato cinque anni senza giocare per la Germania, con problemi di salute alla base delle sue assenze iniziali.

Un periodo in Olanda con il PSV Eindhoven gli ha rafforzato la fiducia, ma il passaggio estivo all’Eintracht Frankfurt, vincitore dell’Europa League, è ciò che ha davvero animato il 30enne. Il Francoforte ha ingaggiato Gotze per aiutare ad abbattere gli avversari profondi e difensivi, e Flick ha notato la sua qualità e la sua capacità di giocare numerose partite in rapida successione in questa stagione e ha elogiato la sua grande personalità.

Chiaramente, Marco Reus sarebbe stato nominato in rosa se fosse stato in grado di vincere la sua corsa contro il tempo sul fronte del fitness. Reus è stato il giocatore tedesco di alto profilo più sfortunato della sua generazione, perdendo tornei importanti nel 2014, 2016, 2021 e ora nel 2022.

– Coppa del Mondo 2022: novità e caratteristiche | Orario | Liste delle squadre

Flick ha anche spiegato chiaramente la situazione di Florian Wirtz. Il talento del Bayer Leverkusen è appena tornato ad allenarsi dopo aver saltato gran parte dell’anno a causa di un ACL strappato, e gli gioverà molto di più rimanere con il Werkself e prepararsi per la ripartenza di gennaio. Una decisione di buon senso tutt’intorno in quanto sarebbe stato un atto di follia riportarlo indietro di corsa.

L’opinione è divisa sul difensore veterano Mats Hummels. Il 33enne si sta godendo una stagione meravigliosa al Dortmund ma non è riuscito a fare il taglio. Flick ha spiegato le sue ragioni dicendo che lo staff tecnico generalmente crede nell’avere un occhio al futuro. Vale la pena ricordare che la Germania ospiterà Euro 2024 e ci si aspetta che sia tra i candidati a vincerlo. L’esperienza del torneo per un giocatore più giovane ora potrebbe raccogliere enormi dividendi in seguito.

Antonio Rudiger è il capo della difesa, nelle parole di Flick, e la Germania ha in Nico Schlotterbeck (compagno di squadra di Hummels BVB) qualcuno con ritmo oltre che tenacia. Flick ha negato che la tendenza di Hummels a offrire critiche schiette sulla scia delle scarse prestazioni della squadra avesse qualcosa a che fare con questo. È una chiamata importante, ma Hummels ha perso ritmo ed era destinato a diventare il quinto difensore centrale a scelta, e avere una figura così importante con uno status così basso non ha molto senso.

C’è una serie di altre buone opzioni in quella posizione, anche se Armel Bella-Kotchap del Southampton può essere considerato una sorpresa e allo stesso modo l’inclusione di Lukas Klostermann dell’RB Lipsia, che non giocava dalla prima giornata a causa di un infortunio. La versatilità di Klostermann è stata il fattore decisivo in questo caso poiché il terzino destro rimane una posizione di relativa debolezza per la Germania. Potrebbe essere utile anche il fatto che Niklas Sule abbia recentemente suonato lì per BVB.

Non ci sono stati shock sul fronte dei portieri, con Manuel Neuer e Marc-André ter Stegen affiancati da Kevin Trapp del Francoforte. Flick ha detto che, a differenza di altri paesi che hanno selezionato quattro portieri, ritiene che in questo caso tre siano sufficienti.

Se c’è un giocatore che può essere una wild card per la Germania, è Karim Adeyemi del Dortmund. La sua capacità di tagliare il piede sinistro dal fianco destro, unita al ritmo e alla capacità di rifinitura, lo rendono, nelle parole di Flick, un'”arma”.

Thomas Muller del Bayern alla sua quarta Coppa del Mondo avrà un ruolo chiave da giocare dentro e fuori dal campo e, sebbene attualmente nell’elenco delle vittime, Flick spera di averlo a bordo per l’amichevole pre-torneo contro l’Oman. Meno Muller, della Germania rekordmeister Martedì il Bayern ha vinto 6-1 sul Werder Brema con Serge Gnabry che ha segnato una tripletta contro uno dei suoi ex club. Il Bayern è garantito per entrare pausa invernale in testa alla classifica, con l’Union Berlin che ha perso due volte il vantaggio contro l’FC Augsburg e ha dovuto accontentarsi di un pareggio per 2-2.

Il Dortmund ha perso 2-0 in casa del VfL Wolfsburg e ora è stato superato per differenza reti dal Lipsia in forma, che ha sconfitto 3-1 l’SC Freiburg, terzo in classifica. Il Francoforte resta quarto dopo un festival offensivo contro il TSG Hoffenheim con contributi eccezionali di Gotze, Randal Kolo Muani e soprattutto l’irresistibile Jesper Lindstrom.

L’azione apparentemente infinita si fermerà finalmente domenica dopo altri tre giorni di azione in Bundesliga. Flick deve sperare, soprattutto, che ogni membro della sua squadra di 26 membri eviti infortuni questo fine settimana.

Leave a Comment