Mondiali 2022 – Argentina – Messico 2-0: lo straordinario gol di Lionel Messi aiuta a mantenere vivo il suo sogno di Coppa del Mondo | Notizie di calcio

Il superbo gol dalla distanza di Lionel Messi ha contribuito a ravvivare le deboli speranze di Coppa del Mondo dell’Argentina che ha ottenuto una vittoria decisiva per 2-0 sul Messico al Lusail Stadium.

L’Argentina è entrata in partita sapendo che la sconfitta avrebbe significato l’eliminazione dopo la sconvolgente sconfitta per 2-1 contro l’Arabia Saudita e ha continuato a lavorare fino all’intervento di Messi al 65′.

Il 35enne, che gioca in quella che dovrebbe essere la sua ultima Coppa del Mondo, ha raccolto il passaggio di Angel Di Maria da fuori area e ha tirato un tiro preciso nell’angolo inferiore per sbloccare la situazione in un incontro sconnesso e irascibile.

Messi è poi diventato fornitore mentre l’Argentina ha messo in sicurezza la partita a tre minuti dalla fine, il suo passaggio ha trovato il sostituto Enzo Fernandez che ha tagliato dentro e ha realizzato un sontuoso finale alle spalle di Guillermo Ochoa.

La vittoria a volte sembrava improbabile durante una partita interrotta da continui falli e caratterizzata da poca qualità, ma porta l’Argentina al secondo posto nel Gruppo C, un punto dietro la Polonia, che affronteranno nell’ultima partita mentre puntano alla vittoria il loro posto negli ottavi di finale.

“Oggi inizia un altro Mondiale per l’Argentina”, ha detto Messi dopo la partita. “Dico alle persone la stessa cosa, che continuano a crederci. Oggi abbiamo fatto quello che dovevamo fare.

“Non avevamo altra scelta. Dovevamo vincere in modo da dipendere solo da noi stessi.

“Nel primo tempo non abbiamo giocato come dovevamo e nel secondo, quando ci siamo calmati, abbiamo iniziato a giocare meglio la palla e dopo il gol siamo tornati ad essere quello che siamo”.

Grandi momenti nel gioco…

  • 45′: il Messico mette a segno il primo tiro in porta su punizione di Vega
  • 51′: il primo tentativo di tiro di Messi lo vede parare un calcio di punizione
  • 64′: Messi segna una brillante apertura su passaggio di Di Maria
  • 87 min: Fernandez aggiunge il secondo finale dell’Argentina

Come l’Argentina è uscita vittoriosa

L’allenatore dell’Argentina Lionel Scaloni aveva cercato di scuotere le cose dopo la sconfitta in Arabia Saudita, apportando cinque cambi alla sua squadra, con Lisandro Martinez del Manchester United e Alexis Mac Allister del Brighton tra quelli inclusi.

Ma non c’è stato alcun segno di miglioramento in un pessimo primo tempo, con Messi incapace di influenzare la partita e Lautaro Martinez che ha tagliato una figura isolata davanti a lui mentre l’Argentina, piatta e sconnessa, ha ripreso da dove si era interrotta nella partita di martedì.

Messi festeggia il gol con Julian Alvarez
Immagine:
Messi festeggia il gol con Julian Alvarez

Il Messico è sembrato più minaccioso nel primo tempo, ma, come l’Argentina, ha faticato a produrre veri momenti di qualità, con una punizione di Alexis Vega, parata comodamente da Emi Martinez, l’unico tiro in porta da entrambe le parti prima dell’intervallo.

C’è stato più o meno lo stesso dopo l’intervallo nonostante l’atmosfera scoppiettante all’interno del campo, con un calcio di punizione ribelle di Messi che sembra riassumere la sua serata mentre faticava a scintillare.

Tutto è cambiato, però, quando finalmente si è ritrovato in una tasca di spazio a circa 25 metri dalla porta, prendendo un tocco per controllare il passaggio di Di Maria prima di rifilare un tiro imparabile nell’angolo più lontano.

L'argentino Enzo Fernandez festeggia il suo obiettivo
Immagine:
L’argentino Enzo Fernandez esulta dopo aver segnato il raddoppio

Il gol ha scatenato grandi festeggiamenti tra giocatori e tifosi argentini e c’è stato un altro sfogo di sollievo quando il subentrato Fernandez è corso su passaggio di Messi dopo un calcio d’angolo e ha realizzato una conclusione sublime dal lato sinistro dell’area.

Il Messico ha offerto poco in risposta, registrando solo quattro tiri nel corso della partita, lasciando l’Argentina a festeggiare una vittoria che mantiene le speranze di qualificarsi per gli ottavi di finale.

Cosa significa nel girone C

Avendo evitato una sconfitta contro il Messico che avrebbe posto fine alla loro partecipazione ai Mondiali, Argentina avere di nuovo in mano il proprio destino nel Gruppo C. Vittoria contro Polonia mercoledì sera garantirà non solo il loro progresso, ma li metterà anche in pole position per avanzare come vincitori del girone – per negare loro il primo posto in quello scenario, Arabia Saudita non solo avrebbe bisogno di battere il Messico, ma anche di vincere con un margine maggiore rispetto all’Argentina.

La Polonia si qualificherà se eviterà la sconfitta contro l’Argentina – una vittoria garantirebbe la qualificazione come vincitrice del girone – mentre un pareggio per l’Arabia Saudita contro il Messico e una sconfitta per la Polonia vedrebbero i sauditi qualificarsi solo se la Polonia perdesse pesantemente.

Quanto a città del Messico, devono battere l’Arabia Saudita per avere qualche speranza di qualificarsi. Una vittoria per il Messico e una sconfitta per l’Argentina contro la Polonia sarebbero sicuramente sufficienti per il Messico per finire secondo, mentre una vittoria per il Messico e un pareggio tra Argentina e Polonia vedrebbero le due squadre sudamericane finire a pari punti e seconde. stato determinato dalla differenza reti.

Keane: I momenti di qualità hanno vinto

Sky Sport opinionista Roy Kean detto ITV“Man mano che questi grandi giocatori invecchiano, si tratta solo di momenti e quel po’ di prodotto finale. Abbiamo parlato di Messi e (Cristiano) Ronaldo di recente, il finale è stato brillante, ma a parte questo era molto nella media.

“Ma ha prodotto quel momento. Ora ha due gol in due partite e considerando che la gente dice che ha quasi finito, non puoi cancellare questi giocatori.

“Nel secondo tempo, stavo guardando l’Argentina pensando ‘che tipo di caratteri hai, perché sei contro di essa’, ma hanno ribaltato la situazione. Hanno trovato un modo per vincere la partita con due punte di qualità.

“Ringraziamo l’allenatore, ha apportato modifiche prima della partita e, altrettanto importante, ha apportato modifiche durante la partita. Hanno portato a termine il lavoro e stasera si sentiranno molto meglio”.

Lionel Messi festeggia dopo aver segnato il primo gol dell'Argentina
Immagine:
Messi festeggia dopo aver segnato il primo gol dell’Argentina

Sky Sport opinionista Gary Neville ha accreditato il passaggio dell’Argentina a cinque in difesa come un altro fattore chiave per la vittoria.

“Nel primo tempo, non riuscivo a vedere una via per l’Argentina in termini di competizione generale”, ha detto ITV.

“Ma mi è piaciuto quando sono andati a cinque in difesa, lo hanno fatto a inizio ripresa inserendo uno dei centrocampisti, ma poi hanno comprato Romero.

“All’improvviso sono sembrati molto più aggressivi e i tre a centrocampo avevano molta più energia.

“Quindi con Alvarez e Messi in attacco come due, puoi costruire da solide basi e avere i giocatori in attacco che possono effettivamente dare risultati in pochi istanti, ed è così che l’Argentina vincerà questo torneo se lo faranno .”

Analisi: Messi ancora un punto di svolta

Vieni l’ora, vieni l’uomo.

Lionel Messi aveva sopportato una serata profondamente frustrante al Lusail Stadium, le sue difficoltà rispecchiavano quelle dell’intera squadra argentina, ma il suo sensazionale gol di apertura ci ha ricordato che può ancora cambiare una partita in un istante.

Messi era rimasto ai margini di un incontro di scarsa qualità nell’ora precedente, un calcio di punizione ribelle all’inizio del secondo tempo è stato il suo unico tentativo in porta. Ma quando finalmente è arrivata la sua opportunità, in una tasca di spazio appena fuori dagli schemi, l’ha colta al volo.

Utilizza il browser Chrome per un video player più accessibile

Il gol di Messi ha dato fuoco allo stadio in perfetto omaggio a Maradona, riferisce Melissa Reddy di Sky Sports News

Il gol, diretto nell’angolino basso, era il suo 93esimo per il suo paese e il suo ottavo ai Mondiali, mettendolo alla pari di Diego Maradona. Potrebbe rivelarsi anche uno dei suoi più significativi.

L’Argentina era stata terribile fino a quel momento, ma la loro convinzione è tornata gradualmente dopo e quando è arrivato il secondo gol non è stata una sorpresa vedere Messi coinvolto, il 35enne che alimenta Enzo Fernandez, la cui splendida conclusione ha reso la partita sicura.

Il lavoro dell’Argentina non è finito. Ci aspetta una difficile partita finale del girone contro la Polonia. Dovranno mostrare un notevole miglioramento in questa prestazione se vogliono navigare con successo e tracciare un percorso verso le ultime fasi del torneo.

Ma in Messi sanno di avere una carta vincente, un giocatore che, anche a 35 anni, è ancora in grado di elevarli quando ne hanno più bisogno. Con la debacle dell’Arabia Saudita ormai alle spalle e con Messi che insegue il suo destino in Coppa del Mondo, l’Argentina può sognare di nuovo.

Messi alla pari con Maradona – Statistiche Opta

  • Lionel Messi ha segnato in sei presenze consecutive con l’Argentina, la sua serie di gol più lunga di sempre nel calcio internazionale (anche 6 tra novembre 2011 e settembre 2012).
  • Lionel Messi ha ora segnato tanti gol in Coppa del Mondo quanto Diego Maradona (8), con solo Gabriel Batistuta (10) che ha segnato di più per l’Argentina nel torneo in generale.
  • Dal 1966 solo Rivellino (5) ha segnato più gol da fuori area in Coppa del Mondo di Messi (4).
  • Andres Guardado è diventato solo il sesto giocatore a partecipare a cinque diversi Mondiali (2006, 2010, 2014, 2018 e 2022) e il terzo messicano a farlo dopo Rafael Márquez e Antonio Carbajal.
  • L’Argentina è imbattuta negli ultimi 11 incontri con il Messico in tutte le competizioni (V8 P3) dalla sconfitta per 1-0 in Copa America del 2004.

Leave a Comment