Meraviglia contro DC: un nuovo studio sui fandom rivela la stanchezza del franchising

Oltre un terzo dei fan della Marvel si sente stanco per il flusso costante di contenuti serviti nei cinema e su Disney+ quest’anno, secondo un nuovo studio pubblicato giovedì dalla piattaforma di fan Fandom. Ma lo studio mostra anche che i fan della Marvel sono anche molto più inclini a guardare qualunque Progetto Marvel rispetto ai fan DC, che a loro volta hanno maggiori probabilità di consumare film e TV su un supereroe specifico piuttosto che sull’intero catalogo DC.

Questi sono solo alcuni degli estesi risultati dello studio, tratto da un sondaggio condotto su 5.000 appassionati di intrattenimento e giochi tra i 13 e i 54 anni, nonché ciò che Fandom definisce “approfondimenti proprietari” dalla sua piattaforma di oltre 300 milioni di utenti mensili in tutto il mondo. 250.000 wiki diversi.

L’affermazione più intrigante dello studio è che i fan possono essere suddivisi in quattro sottocategorie di ordine di intensità approssimativamente decrescente.

Gli Avvocati: Sono la base di fan principale, descritta come “profondamente coinvolta nell’IP”, tanto che è “parte di ciò che sono”. È molto probabile che guardino i contenuti entro i primi giorni dal rilascio. Alcuni franchise con un numero elevato di sostenitori includono Marvel, “Rick and Morty”, “Harry Potter”, DC, “Star Wars” e “Stranger Things”.

Gli intenzionalisti: Questi fan, che in media costituiscono il segmento più ampio della base di fan di un franchise, sono più perspicaci, influenzati dal marketing e dalle ottime recensioni, dai temi narrativi e dagli attori e dai registi dietro i progetti. Molto probabilmente guarderanno entro le prime due settimane. I franchising con un numero elevato di intenzionalisti includono “The Sex Lives of College Girls”, “Breaking Bad” e “Better Call Saul”, “The Handmaid’s Tale”, “Game of Thrones” e “Only Murders in the Building”.

I Culturisti: Sono “fortemente influenzati dal clamore” che circonda un’uscita popolare e vedono la visione come un’opportunità per entrare in contatto con amici e familiari, oltre che per una più ampia conversazione culturale. Molto probabilmente guarderanno entro il primo mese. I franchising con un numero elevato di Culturalisti includono “Chicago Fire”, “Ted Lasso”, “True Detective”, “The Challenge” e “It’s Always Sunny in Philadelphia”.

Il flirt: Come suggerisce il nome, questi sono i dilettanti, che sono più interessati all’intrattenimento da cui possono “entrare e uscire” e “permetteranno loro di trovare un terreno comune con gli altri intorno a loro”. Molto probabilmente guarderanno quando avranno tempo. I franchising con un gran numero di Flirt includono un gran numero di spettacoli legacy come “The Office”, “SpongeBob Squarepants”, “Gilmore Girls”, “South Park” e “Friends”, nonché reality show come “The Bachelor” e ” Vere casalinghe.

“Le parole ‘fan’ e ‘super fan’ sono usate costantemente per descrivere i consumatori di intrattenimento, ma questi termini sono troppo generici per il mondo dell’intrattenimento di oggi: i fandom sono complessi”, afferma Stephanie Fried, CMO di Fandom. “Comprendere gli strati dell’identità dei fan e connettersi autenticamente con loro al momento giusto e nel posto giusto sarà la chiave per i professionisti del marketing che cercano di massimizzare il successo attraverso le uscite in streaming, nelle sale e nei videogiochi”.

Avere più sostenitori e intenzionalisti in un fandom, come fa la Marvel (con il 66%) su DC (con il 61%), può essere un vantaggio per un franchise, ma non è proprio così semplice. Secondo lo studio di Fandom, l’81% dei fan della Marvel guarderebbe qualsiasi cosa pubblicata nel franchise, mentre il 67% dei fan della DC farebbe lo stesso. Al contrario, solo il 38% dei fan della Marvel afferma di concentrarsi su supereroi specifici piuttosto che sull’intero universo cinematografico Marvel, rispetto al 57% dei fan della DC che si preoccupano di più di uno o due supereroi piuttosto che dell’intero universo DC. Questo potrebbe essere un fattore importante nel motivo per cui solo il 20% dei fan della DC afferma di essere stanco del numero di uscite in un anno, contro il 36% dei fan della Marvel che la pensano così. Fino a settembre, Fandom riferisce che “The Batman” è stata la “più grande uscita cinematografica” del sito globale. I fan della DC hanno anche il 20% in più di probabilità rispetto ai fan della Marvel di acquistare prodotti: oggetti da collezione, vestiti, persino voci di menu ispirate ai supereroi.

La supposizione generale di Fandom è che, in media, circa la metà della potenziale base di fan di un franchise sia composta da Culturalisti e Flirt, suggerendo che il marketing che può coinvolgere quei fan può espandere ulteriormente la portata di un franchise, specialmente per progetti originali che non fanno parte di IP prestabilito.

“Raggiungere i consumatori in modo efficace non è una formula valida per tutti”, afferma Perkins Miller, CEO di Fandom. “Comprendere lo spettro dell’identità dei fan e il modo in cui influisce sul comportamento dei fan non è mai stato così critico nel panorama dell’intrattenimento in continua espansione”.

Rapporto speciale VIP+: convincere i fan a diventare creator di YouTube

Leave a Comment