Legami familiari: sedersi con le sorelle della squadra di calcio femminile

Di Charlotte Tannenbaum, assistente studentesca della Duke Athletic Communications

DURHAM-

Qualsiasi membro della squadra di calcio femminile della Duke sarebbe d’accordo sul fatto che i Blue Devils sono più di una semplice squadra: sono una famiglia. Ma per quattro studenti-atleti in particolare, questo suona particolarmente vero. Quest’anno, la squadra ha due set di sorelle che giocano insieme. Maggie Grahamjunior, e sua sorella Delaney, una studentessa laureata, hanno trascorso le ultime tre stagioni suonando insieme qui alla Duke. Jenna Royson, una laureata trasferitasi da Georgetown, è entrata a far parte della squadra quest’anno e sta usando il suo ultimo anno di idoneità per giocare con sua sorella Emily, una junior. Per entrambi i gruppi di sorelle, l’esperienza di avere le loro sorelle nella squadra è stata estremamente speciale.

“La parte migliore è sempre avere uno sfogo: lei è la famiglia, quindi sia che si parli di calcio, di scuola o di amici, è diverso dall’avere un’amica molto intima”, ha detto Maggie. “È avere qualcuno che ti capisce davvero bene, è cresciuto con te e può darti ottimi consigli”.


A differenza dei Graham, che hanno entrambi giocato alla Duke per tutta la loro carriera universitaria, questa è la prima e unica stagione collegiale di Jenna ed Emily insieme. I Royson hanno pienamente abbracciato quest’anno come un’opportunità in più per trascorrere del tempo insieme.

“I miei figli sono migliori amici”, dice la loro mamma, Malena. “Ogni volta che parlo con loro, stanno insieme: guidano insieme, fanno i compiti insieme, dormono insieme”.

La stretta relazione tra ogni coppia di sorelle ha funzionato come qualcosa di più di un semplice sistema di supporto. Si è rivelato anche un enorme vantaggio sul campo. Sia i Royson che i Graham concordano sul fatto che giocare insieme alla sorella è un’esperienza completamente diversa rispetto a quando sono con altri compagni di squadra. Dal momento che si conoscono così bene, la comunicazione viene molto più naturale.

“Possiamo dire qualsiasi cosa e sapere che nessuno di noi si offenderà o non capirà”, ha detto Jenna. “Siamo entrambi sulla stessa pagina con tutto.”

La difesa del Blue Devil, guidata da Jenna ed Emily, ha raccolto 10 interruzioni nella stagione e il tandem ha giocato un totale di 3.177 minuti nell’anno. Anche dalla parte difensiva i Roysons hanno raccolto quattro assist.

Sua sorella concorda sul fatto che la loro connessione è diversa da quella con gli altri giocatori.

“Davvero non credo che ci sia mai un momento sul campo in cui Jenna e io non ci parliamo”, ha detto Emily.

Per i Graham, i segnali non verbali che condividono sono diventati una parte fondamentale del loro successo congiunto nelle ultime stagioni.

“Abbiamo una sorta di connessione non detta”, ha detto Maggie. “Sembra sciocco, ma so sempre cosa farà Delaney e normalmente funziona per noi”.

“Sappiamo cosa passa per la testa l’uno dell’altro”, ha detto Delaney. “Personalmente amo giocare dalla stessa parte di Maggie perché lei conosce il tipo di corse che farò, e il tipo di palla che mi piace ricevere, e so che tipo di palla è brava a giocare. Io prova a fare il tipo di corse che so le permetteranno di metterlo in mostra”.

Ora alla loro terza e ultima stagione come compagni di squadra alla Duke, Maggie e Delaney hanno sicuramente trovato il loro ritmo insieme sul campo.

“Si sono davvero adattati ai rispettivi ruoli”, dice la loro mamma, Marie. “Loro sanno che l’altro ha punti di forza e di debolezza, e ci giocano”.

I Graham hanno giocato insieme per iniziare 37 partite in questa stagione e giocare in 162 partite nelle loro carriere in Duke. In vista del secondo turno del torneo NCAA, i due si sono uniti per segnare quattro gol e assistere su 11 conteggi nel 2022.

Tutte le ragazze considerano la loro sorella un fattore importante per stimolare miglioramenti nel loro gioco.

“Ci teniamo l’un l’altro a standard davvero elevati e possiamo entrambi essere le persone che si criticano a vicenda”, ha detto Maggie. “Solo essere in grado di dire: ‘Ehi, questo deve essere migliore, devi spingerti più forte qui.’ Penso che lo sentiamo l’uno dall’altro meglio che da chiunque altro”.

Allo stesso modo, i Royson si assicurano anche di ritenersi reciprocamente responsabili e di concentrarsi sul fare tutto il possibile per assicurarsi che l’altro stia giocando al meglio delle sue capacità.

Delaney Graham, Maggie Graham
“Si tratta di sollevarsi a vicenda e credere l’uno nell’altro”, ha detto Jenna. “Tutto ciò che facciamo e ci diciamo l’un l’altro parla del fatto che la conosco, e so cosa può fare, e voglio sempre che sia la migliore. Se voglio che suoni meglio, è solo perché io sappi che può farcela”.

Di certo, nessuno sa di cosa sei capace come una sorella. Fortunatamente sia per i Graham che per i Royson, le ragazze si concentrano sul sostenersi a vicenda piuttosto che sulla piccola rivalità tra fratelli. Qualsiasi inevitabile competizione che esiste tra loro ruota attorno alla spinta per rendere se stessi e la loro sorella il meglio che possono essere.

“Se stanno correndo uno sprint e Jenna la precede un po’, Emily aumenta davvero la sua velocità”, ha detto il padre dei Royson, Scott.

Alla fine della giornata, ogni ragazza sa che sua sorella ha le spalle dentro e fuori dal campo, qualunque cosa accada.

“Tutto ciò che facciamo è perché crediamo così tanto l’uno nell’altro”, ha detto Jenna. “Suonare insieme e fare questo giro con mia sorella è davvero speciale. Stiamo affrontando le stesse battaglie ed è fantastico poter affrontare alti e bassi con lei”.

La sensazione di fiducia e conforto che deriva dall’avere tua sorella che gioca al tuo fianco è stata preziosa per tutti e quattro i giocatori.

“Quando è là fuori, sono fiducioso nel fatto che mi troverà quando avrò bisogno che mi trovi, e so che come se mi coprisse le spalle se succede qualcosa”, ha detto Delaney.

Giocare insieme in una squadra ha rafforzato i legami delle ragazze anche fuori dal campo.

“Non solo giocare con Emily, ma anche uscire con lei e vederla ogni giorno è fantastico”, ha detto Jenna. “Facciamo tutto insieme. È bello avere sempre il tuo migliore amico e la tua famiglia intorno a te.”.


“Siamo sempre state molto vicine come sorelle e ne sono grato”, ha detto Delaney. “Penso che attraversare questa fase della nostra vita insieme, essere al college e competere a un livello così alto insieme giorno dopo giorno, ci abbia resi più vicini”.

Il prossimo anno sarà sicuramente diverso. Mentre le ragazze finiscono la fine della loro ultima stagione giocando insieme alle loro sorelle, non possono fare a meno di pensare al futuro.

“Mi mancherà così tanto il prossimo anno”, ha detto Emily. “È così strano che l’anno prossimo non sarà il suo centro a giocare con me, sarà una persona diversa. È la mia migliore amica”.

Il calcio Duke sentirà sicuramente la perdita di Delaney e Jenna la prossima stagione. Detto questo, sia il loro contributo al programma, sia gli inestimabili ricordi e il tempo trascorso con le loro sorelle, rimarranno per molto tempo dopo che il loro soggiorno a Durham sarà terminato.

Le sorelle cercheranno di continuare la loro stagione venerdì 18 novembre mentre i Blue Devils affronteranno il Texas nel secondo round del torneo NCAA alle 18:30, al Koskinen Stadium di Durham, NC

#GoDuke

Leave a Comment