Le memorie del principe Harry si chiameranno “Spare” e usciranno il 10 gennaio

principe HarryIl libro di memorie, oggetto di ossessiva attesa in tutto il mondo sin dalla prima pubblicazione dell’anno scorso, uscirà il 12 gennaio. 10.

Il libro si chiamerà “Spare” e verrà fatturato da Casa casuale dei pinguinicome un racconto raccontato con “onestà cruda e incrollabile” e pieno di “intuizione, rivelazione, esame di sé e saggezza conquistata a fatica sull’eterno potere dell’amore sul dolore”.

Il libro di memorie del principe Harry, intitolato “Spare”, uscirà il 10 gennaio

In una dichiarazione rilasciata giovedì, Penguin Random House ha evocato i ricordi della straordinaria morte nel 1997 della madre del principe Harry, Dianae di Harry e suo fratello, William, “che camminavano dietro la bara della madre mentre il mondo guardava con dolore e orrore”.

“Mentre Diana, Principessa del Galles, veniva sepolta, miliardi di persone si chiedevano cosa dovessero pensare e provare i principi – e come sarebbero andate le loro vite da quel momento in poi”, si legge in parte nella dichiarazione.

“Per Harry, questa è finalmente la sua storia.”

Perché il libro si chiama Spare?

Il titolo del libro di memorie è un apparente riferimento al fatto che il principe Harry è un “ricambio” reale, non il primo in linea di successione. William, principe di Galles, è il prossimo in linea.

Il libro di 416 pagine uscirà in 16 lingue, dall’olandese al portoghese, e uscirà anche in un’edizione audio letta dal principe Harry. I termini finanziari non sono stati resi noti, ma Harry, il duca di Sussex, utilizzerà i proventi di “Spare” per donare a enti di beneficenza britannici. Ha già donato 1,5 milioni di dollari a Sentebale, un’organizzazione con cui ha co-fondato Il principe Seeiso del Lesotho per aiutare i bambini e i giovani in Lesotho e Botswana affetti da HIV/AIDS.

Penguin Random House identifica il principe Harry come “marito, padre, umanitario, veterano militare, sostenitore del benessere mentale e ambientalista”.

Gli osservatori reali e il pubblico in generale hanno speculato all’infinito da quando il libro è stato annunciato per la prima volta nel luglio 2021, annunciato come “intimo e sincero” e provvisoriamente programmato per quest’anno.

duca del sussex aveva già rivelato una volontà di fare notizia per discutere della sua vita privata quando lui e la moglie di origine americana, Megan, duchessa del Sussex, sono stati intervistati per una trasmissione del marzo 2021 dal loro vicino di casa a Santa Barbara, in California, Oprah Winfrey. La coppia ha parlato della profonda infelicità di Meghan per la sua nuova vita in Inghilterra, del presunto razzismo all’interno della famiglia reale e del timore di Harry che la vita di sua moglie potesse essere messa in pericolo se fossero rimasti nel suo paese natale.

Nel 1992, Diana ha lavorato con l’autore Andrew Morton al suo esplosivo libro di memorie “Diana: Her True Story”, in cui ha descritto a lungo il suo infelice matrimonio con il futuro re Carlo, il padre di Harry.

I momenti più importanti dell’intervista di Harry e Meghan con Oprah Winfrey

Harry e Meghan si sono ritirati dai loro doveri reali nel 2020 e si sono trasferiti negli Stati Uniti. Harry ha detto a Winfrey che la sua famiglia lo ha interrotto finanziariamente e che ha contribuito a pagare la sua sicurezza con i soldi lasciatigli da sua madre. Hanno lanciato numerose iniziative, tra cui un accordo di produzione Netflix e la Archewell Foundation “senza scopo di lucro basata sull’impatto”.

Il ritardo del libro ha portato a voci secondo cui Harry esitava a dire troppo sulla sua famiglia, o forse stava rivedendo la narrazione dopo che sua nonna, Regina Elisabetta II, morì a settembre. Ha parlato di essersi allontanato da suo fratello, William, anche se i fratelli e le loro mogli sono apparsi in pubblico insieme durante il periodo di lutto successivo alla morte della regina.

“Penguin Random House è onorata di pubblicare la storia sincera ed emotivamente potente del principe Harry per i lettori di tutto il mondo”, ha dichiarato il CEO globale di Penguin Random House, Markus Dohle. “Condivide un viaggio personale straordinariamente commovente dal trauma alla guarigione, che parla del potere dell’amore e ispirerà e incoraggerà milioni di persone in tutto il mondo”.

.

Leave a Comment