L’attacco si sta rivelando la migliore forma di difesa per Lille e Paulo Fonseca | Lega 1

ioÈ stata una stagione irregolare per il Lille, ma le cose hanno cambiato direzione dopo la vittoria per 4-3 sul Monaco di domenica? Le ultime due finestre di trasferimento sono state difficili per il club poiché ha perso molti dei giocatori che li hanno aiutati a vincere il titolo nella stagione 2020-21. A peggiorare le cose, la loro firma per il tendone quest’estate, Mohamed Bayo, è stato mandato alla cuccia dal nuovo allenatore Paulo Fonseca dopo essere stato fotografato in una discoteca la notte prima della partita contro il PSG a fine agosto. Il Lille è stato successivamente battuto 7-1 dal PSG, seguito dalle sconfitte contro Nizza e Marsiglia. Da allora sono cresciuti nella stagione, mettendo insieme una serie di tre vittorie in quattro partite prima di affrontare il Monaco questo fine settimana.

Il Monaco era in ottima forma, essendo rimasto imbattuto da sei partite in campionato. Il Lille è sembrato vulnerabile in difesa in questa stagione – ha mantenuto la prima porta inviolata della stagione nella vittoria nel derby contro il Lens, la decima partita della stagione – ed è stato senza gli squalificati Benjamin André e José Fonte per la visita del Monaco.

I loro problemi difensivi sono continuati domenica, ma il loro attacco continua a rafforzarsi. La vittoria per 4-3 ha riassunto dove sta andando la loro stagione. Solo il PSG ha segnato più spesso la rete in Ligue 1. Le squadre di Fonseca non hanno mai conosciuto bene il freno a mano, ma la Ligue 1 offre una sfida diversa a Portogallo e Ucraina, dove ha ottenuto la maggior parte dei suoi successi: a Paços de Ferreira, Braga e Shakhtar Donetsk. Meno fortunata la sua unica precedente esperienza in uno dei primi cinque campionati, alla Roma. Nonostante un esborso considerevole prima della sua ultima stagione, Fonseca non è riuscito a riportare il club in Champions League ed è stato sostituito da José Mourinho.

La preferenza di Fonseca per le sue squadre di tenere la palla e giocare in un 4-2-3-1 aperto e offensivo sembrava essere un problema per il Lille all’inizio della stagione, quindi l’allenatore ha sperimentato una difesa a tre per portare più solidità dietro. È solo quando è tornato a fare quello che sa fare meglio, raddoppiando su uno stile offensivo, che il Lille ha trovato i suoi piedi. Nelle ultime settimane hanno vinto le partite giocando senza paura: solo Lione e PSG hanno avuto più possesso palla in Francia in questa stagione.

Parlando dopo la vittoria sul Monaco, Fonseca è stato inequivocabile nel lodare i suoi giocatori: “Penso che meritassimo di vincere. Abbiamo giocato molto bene. Anche quando abbiamo subito gol, la squadra ha giocato con molta ambizione. Abbiamo segnato quattro gol, ma avremmo potuto segnarne di più. Abbiamo commesso degli errori, ma l’importante è stato come abbiamo reagito. Ho molta fiducia nella squadra”.

Giocare in Champions League la scorsa stagione ha allungato la rosa del Lille, ma l’assenza del calcio europeo questa volta ha aiutato Fonseca, la cui squadra ha vinto quattro delle ultime cinque partite. Anche i loro rapporti sul mercato, a parte Bayo, hanno funzionato brillantemente. Bayo non è ancora tornato nelle grazie di Fonseca, ma le altre loro acquisizioni sono sembrate a loro agio nel 4-2-3-1 dell’allenatore.

Adam Ounas ha soppiantato Edon Zhegrova sulla destra, conferendo verve tecnica e imprevedibilità all’attacco della squadra. Il difensore Bafodé Diakité non è così abile in avanti come il suo predecessore, Zeki Çelik, ma è stato solido. Il terzino sinistro brasiliano Ismaily, arrivato dallo Shakhtar Donetsk – dove ha giocato sotto Fonseca per tre stagioni – ha impiegato un po’ di tempo per abituarsi al ritmo più veloce della Francia, ma sembra la risposta a una posizione che è stata un problema per il Lille da quando Reinildo si è trasferito all’Atlético Madrid a gennaio. A centrocampo, André Gomes ha aggiunto un po’ di classe, e il veterano Jonas Martin è un professionista consumato che è una presenza ideale nello spogliatoio.

Il vero gioiello della vetrina, però, è stato Rémy Cabella. Si è trasferito a Krasnodar in Russia tre anni fa e ha iniziato brillantemente prima di essere colpito da un infortunio al crociato. È tornato in Ligue 1 con il Montpellier la scorsa stagione, ma è stato povero. Ora guarda indietro al suo meglio effervescente, con tre gol – inclusa una doppietta contro il Monaco – e quattro assist nelle ultime sei presenze.

Non sono solo i giocatori più anziani a guardare bene sotto Fonseca. Jonathan David ha tagliato una cifra frustrata nella seconda metà della scorsa stagione, segnando solo tre gol dopo dicembre. Ma è stato rinvigorito dal talento offensivo che lo circonda e sta di nuovo prosperando. Solo Kylian Mbappé ha segnato più gol in Ligue 1 in questa stagione.

Il giovane inglese Angel Gomes, che era un ripensamento sotto il precedente allenatore Jocelyn Gourvennec, ha brillato come centrocampista centrale. Il suo ritmo di lavoro e la sua capacità di passaggio aiutano il centrocampista del Lille a trattenere la palla e costruire attacchi con pazienza, elementi chiave nell’approccio tattico di Fonseca.

Mentre Gomes e David sono stati i beneficiari più evidenti della rivoluzione tattica di Fonseca, l’allenatore merita anche il merito di aver mostrato fiducia nel giovane Lucas Chevalier. Il prodotto dell’Academy non ha avuto la sua giornata migliore domenica contro il Monaco, ma è stato un netto miglioramento su Léo Jardim in questa stagione ed è stato probabilmente il migliore in campo nella vittoria del Lille sul Lens nel Derby du Nord all’inizio di questo mese.

Poiché altri club hanno perso la pazienza con i loro allenatori e hanno optato per un approccio più conservativo, il Lille sta raccogliendo i frutti – come dice Fonseca – “giocando il tipo di partita di cui i tifosi hanno bisogno”. Ora sono solo un punto fuori dai posti europei. Le partite contro Lione e Rennes nelle prossime settimane saranno difficili, ma sembra sempre più probabile un’inclinazione prolungata tra i primi cinque.

Guida veloce

Risultati Liga 1

Mostrare

Angers 1-2 Rennes

Clermont-Brest 1-3

Reims 2-1 Auxerre

Tolosa 2-2 Strasburgo

Troyes 2-2 Lorient

Nizza 1-1 Nantes

Lille-Monaco 4-3

Montpellier-Lione 1-2

Marsiglia 0-1 Lens

Ajaccio-PSG 0-3

Grazie per il tuo feedback.

Punti di discussione

Alexandre Lacazette esulta dopo aver segnato per il Lione contro il Montpellier.
Alexandre Lacazette esulta dopo aver segnato per il Lione contro il Montpellier. Fotografia: Sylvain Thomas/AFP/Getty Images

Il Lione ha ottenuto la prima vittoria dal 3 settembre, battendo il Montpellier per 2-1 sabato grazie a un gol di Alexandre Lacazette al quinto minuto di recupero. In una partita segnata da cartellini rossi per entrambe le squadre, è stata solo una prestazione impressionante del portiere del Montpellier Bingourou Kamara – che era venuto per l’infortunato Jonas Omlin – a impedire al Lione di vincere con un margine più comodo. Lacazette è stato di nuovo imperioso, dopo aver segnato una doppietta la scorsa settimana contro il Rennes. Brillante anche Houssem Aouar, autore del primo gol, il primo in questa stagione, reduce da un infortunio alla caviglia. È probabile che Aouar lasci il club alla fine della stagione, ma nel frattempo sembra destinato ad avere il tipo di impatto creativo che la squadra è mancato dalla partenza di Lucas Paquetá.

Anche il Reims ha fatto rimbalzare il suo nuovo allenatore, battendo l’Auxerre 2-1 grazie ai gol di Junya Ito e Folarin Balogun. Insieme, hanno segnato 11 dei 14 gol della loro squadra in questa stagione. La maggior parte di questi gol è stata il risultato dello stile in contropiede dell’ex allenatore Óscar García, tuttavia, la squadra si è schierata in un 4-2-3-1 contro l’Auxerre, dominando la palla con Arber Zeneli che tirava le corde dalla sinistra. Certo, l’Auxerre non è l’opposizione più forte – e anche le assenze di Marshall Munetsi e Andreaw Gravillon potrebbero aver avuto un ruolo nel cambio tattico – ma il Reims ha offerto tanto in avanti quanto ha fatto per tutta la stagione senza sacrificare la solidità.

Infine, il Rennes ha mantenuto la sua forma sbalorditiva, battendo l’Angers 2-1 grazie a un rigore all’ultimo minuto di Lovro Majer. Angers non è l’opposizione più severa, ma il Rennes è imbattuto da 12 partite in tutte le competizioni. Una grande prova incombe contro il Lille tra quindici giorni, ma la squadra di Bruno Génésio continua a sembrare una sfidante per la Champions League.

Classifica Lega 1

Questo è un articolo di Get French Football News
Seguire
Eric Devin e GFFN su Twitter

Leave a Comment