La stellina inglese Bellingham fa parte di una squadra di stelle under 21 in Qatar

Con l’eccezione del portiere, ecco un forte XI di giocatori ai Mondiali che hanno meno di 21 anni.

ANTICOR: Diogo Costa (23, Portogallo)
OK, quindi il portiere non ha meno di 21 anni. Siamo terribilmente dispiaciuti. Noi veramente sono.

Costa è il quinto portiere più giovane ad andare al torneo, eppure è uno dei più ricercati al mondo grazie al suo fantastico inizio nel 2022-23. Solo due tiratori in Qatar rientrano nella quota di età inferiore ai 21 anni (Ibrahim Danlad 19, Ghana, e Simon Ngapandouetnbu, 19, Camerun) ma nessuno dei due ha un solo minuto sotto la cintura per i rispettivi paesi.

Costa, d’altra parte, ha sette presenze e ha iniziato le ultime due partite della Nations League del Portogallo prima della Coppa del Mondo. Si ritiene che il Manchester United sia interessato, anche se recentemente ha firmato un contratto quinquennale con il Porto. Il suo nuovo contratto ha una clausola rescissoria da 75 milioni di euro ed è probabilmente un caso di quando, non se, lo United lo attiverà.

RB: Zeno Debast (19, Belgio)
Debast è in realtà un difensore centrale, ma qui è stato spostato per sostituire il terzino destro. Il giovane difensore si è guadagnato un posto nella rosa dei Mondiali belgi grazie a un anno stellare con l’Anderlecht.

Il giovane difensore ha esordito con i Red Devils all’età di 18 anni nella vittoria della Nations League di settembre contro il Galles, giocando tutti i 90 minuti contro la squadra di Rob Page e poi contro l’Olanda quando la sua squadra ha perso 1-0.

Anche se Debast potrebbe avere difficoltà a guadagnare molti minuti in Qatar, sarà importante per lui essere lì dato che i suoi colleghi più anziani – Jan Vertonghen e Toby Alderweireld – sono probabilmente al loro ultimo grande torneo. Questo potrebbe essere l’ultimo saloon per i belgi, che non hanno argenteria da mostrare per la loro epoca d’oro.

BC: Piero Hincapie (20, Ecuador)
Acquistato per 6,35 milioni di euro nel 2021, il Bayer Leverkusen si fregherà le mani per assistere allo sviluppo di Hincapie. Ci sono stati alcuni collegamenti con la Premier League, ma non si è parlato molto del difensore centrale mancino.

Di solito inizia per Bayer, ma ha una vena media in lui. In 13 presenze in Bundesliga in questa stagione, Hincapie ha tre cartellini gialli e due rossi.

In vista della Coppa del Mondo, l’Ecuador non ha subito gol in sei partite consecutive – tutte amichevoli, ma comunque impressionanti – vincendo due 1-0 e pareggiando il resto 0-0. Che spettacolo incredibile promette di essere il loro sipario contro il Qatar domenica.

Carta di credito: Josko Gvardiol (20, Croazia)
Un altro centrocampista mancino qui… che metterà a disagio alcune persone.

Dopo aver esordito in Croazia nel giugno 2021, Gvardiol ha ora 12 presenze ed è il miglior giovane difensore centrale del torneo.

La maggior parte di voi avrà sentito parlare del giocatore dell’RB Lipsia a causa del voci di trasferimento che lo collegano con un trasferimento al Chelsea. I Blues dovranno sborsare circa 90 milioni di euro se vogliono firmare il nazionale croato, e se ha una buona Coppa del Mondo, quel prezzo potrebbe superare i 100 milioni di euro.

TS: Nuno Mendes (20, Portogallo)
La stella del Paris Saint-Germain sarà il terzino sinistro di prima scelta del Portogallo in Qatar, consentendo a Joao Cancelo – che ha saltato gli Europei dello scorso anno a causa del Covid-19 – di giocare nella sua posizione naturale sulla destra.

Il PSG ha sborsato 38 milioni di euro per firmare Mendes dallo Sporting dopo un prestito iniziale la scorsa stagione ed è già un giocatore fondamentale per i campioni di Francia, e per il suo paese, per il quale ha giocato 16 volte.

Per inciso, le ultime due partite del Portogallo con Mendes in campo si sono concluse con una sconfitta per 1-0, mentre il Portogallo ha vinto le due precedenti senza di lui, con Mario Rui che ne ha giocato una mentre Raphael Guerreiro ha giocato da titolare l’altra.

LEGGI PIÙ TARDI: Questa Coppa del Mondo è un affare del diavolo che dovrebbe vedere l’inizio della fine della Fifa

WC: Pedri (19, Spagna)
Il 19enne Pedri è uno dei migliori giocatori del torneo, non solo i giovani, ma i giocatori in generale. È un talento favoloso.

Il vincitore del Golden Boy 2021 è un titolare costante per Barcellona e Spagna. Ha giocato un ruolo fondamentale nel cammino della squadra di Luis Enrique verso le semifinali di Euro 2020 e dopo aver giocato 629 minuti in quel torneo, Pedri ha rappresentato La Roja alle Olimpiadi quando la sua nazione ha perso la finale contro il Brasile. Naturalmente, la finale è andata ai supplementari, così come tutte e tre le partite a eliminazione diretta della Spagna agli Europei, visto che il fantasista adolescente ha giocato 73 partite in un’intera stagione…

Un Mondiale di metà stagione sarà per lui un gioco da ragazzi, quindi.

WC: Jude Bellingham (19, Inghilterra)
Il nostro centrocampo stellato continua con il Borussia Dortmund e l’Inghilterra adolescente bellham, che deve partire per i Tre Leoni in Qatar. So già nel profondo che Gareth Southgate lo metterà in panchina e avvierà insieme Kalvin Phillips e Declan Rice. Sebbene siano due grandi giocatori, il primo ha giocato a malapena in questa stagione e, secondo me, Bellingham è il giocatore più in forma dell’intera squadra insieme a Harry Kane e Benjamin White.

Non è una sorpresa vedere Real Madrid, Chelsea, Manchester City, Liverpool e praticamente tutti i migliori club sbavare per il 19enne visto che l’uscita dal Dortmund sembra inevitabile nel 2023. Dopo quelli che saranno tre anni straordinari in Germania, il l’ex centrocampista del Birmingham City probabilmente andrà avanti per un importo compreso tra 120 e 200 milioni di euro.

WC: Gavi (18, Spagna)
Un altro spagnolo? Un altro? Beh, sono dannatamente geniali, per essere onesti.

Pedri ha vinto il Golden Boy l’anno scorso e Gavi quest’anno. Il Barcellona è ferito per avere questi due giovani al club e potrebbe essere impostato per i prossimi 15 anni con loro a centrocampo. È un po’ spaventoso che abbiano trovato i regen di Xavi e Iniesta esattamente nello stesso momento. Un nuovo Sergio Busquets è sicuramente nelle carte, anche se Frenkie de Jong è piuttosto bravo.

La Spagna ha buone possibilità di andare lontano con alcuni giovani talenti formidabili, e il fatto che molti li stiano sostenendo per fare bene con due adolescenti a centrocampo è una testimonianza di quanto siano brillanti.

Gavi non ha giocato agli Europei l’anno scorso, ma da allora è stato un pilastro del centrocampo di Enrique.

Gavi si chiama Golden Boy

ATT: Jamal Musiala (19, Germania)
La stella della Germania Musiala, che probabilmente è più un centrocampista, inizia nel nostro versatile attacco.

Valutato a un enorme € 100 milioni da Transfermarkt, Musiala avrebbe potuto dichiarare per la Nigeria o l’Inghilterra, il che sarebbe stato divertente con lui e Bellingham formare una partnership sulla scena internazionale, ma non è stato così perché il giovane regista ha scelto di rappresentare il suo paese natale, da dove proviene sua madre.

La stellina del Bayern Monaco ha giocato per i Tre Leoni a livello under 21, under 17, under 16 e under 15, ma, nel febbraio 2021, ha preso la decisione di giocare per la Germania ed è stata successivamente nominata nella rosa di Hansi Flick per i Campionati Europei. E con la sua forma per i campioni della Bundesliga che non mostra segni di cedimento, avrà l’opportunità di brillare in una Coppa del Mondo.

ATT: Youssoufa Moukoko (17, Germania)
Il Borussia Dortmund ha 11 giocatori ai Mondiali e due di loro sono in questo XI titolare.

A 17 anni, il giocatore più giovane della squadra guida la fila, con il prodigio tedesco Moukoko che spera di guadagnare qualche minuto nella più grande competizione sportiva. Moukoko è nato in Camerun ed è cresciuto a Yaoundé fino al 2014, quando si è trasferito in Germania.

Moukoko compie 18 anni il giorno in cui inizia la Coppa del Mondo e non sorprende che i suoi 143 gol in 90 partite con il Dortmund a livello giovanile lo abbiano visto giocare più spesso con la prima squadra nel 2022-23. In 14 partite di Bundesliga in questa stagione, l’attaccante adolescente ha segnato sei volte.

ATT: Xavi Simons (19, Olanda)
Ci sono alcuni brillanti giovani attaccanti che andranno ai Mondiali, come vedrete di seguito, ma qui abbiamo optato per Simons, anche se probabilmente Ansu Fati è più bravo. È bello includere alcune nazioni diverse.

L’esterno nato ad Amsterdam, Simons, ha trascorso tre anni al Paris Saint-Germain prima di passare al PSV a parametro zero a luglio. È stato fantastico in Olanda e di conseguenza è stato nominato nella squadra della Coppa del Mondo.

La convocazione di Simons al torneo in Qatar è stata la prima volta che Louis van Gaal lo ha selezionato, il che significa che potrebbe fare il suo debutto in nazionale nel torneo clou.

Non sarebbe una sorpresa vedere l’ex allenatore del Manchester United convocare l’ala 19enne data la sua forma in questo periodo. In 22 partite in tutte le competizioni, Simons ha segnato 10 gol e quattro assist ed è sicuramente uno da tenere d’occhio quest’inverno.

Ecco un gruppo di giocatori che non ce l’hanno fatta…

Le menzioni d’onore sono: Antonio Silva (Portogallo), Armel Bella-Kotchap (Germania), Ansu Fati (Spagna), Karim Adeyemi (Germania), Jeremy Doku (Belgio), Kenneth Taylor (Olanda), Yunus Musah (USA), Abdul Fatawu Issahaku (Ghana), Pape Matar Sarr (Senegal), Joe Scally (USA), Ismael Kone (Canada), Yeremi Pino (Spagna), Garang Kuol (Australia), Jewison Bennette (Costa Rica), Bilal El Khannouss (Marocco) , Hannibal Mejbri (Tunisia), Jakub Kamizski (Polonia), Luka Sucic (Croazia), Kamaldeen Sulemana (Ghana), Facundo Pellistri (Uruguay).

LEGGI ORA: I Globetrotters brasiliani sono la soluzione perfetta per questa calda e pesante Coppa del Mondo

.

Leave a Comment