La squadra della giovane Spagna fa il suo debutto in Coppa del Mondo contro il Costa Rica

DOHA, Qatar (AP) – Sta per iniziare una nuova era per la Spagna ai Mondiali, con una generazione di giovani talenti al centro della scena nella sua ricerca per vincere un secondo titolo mondiale.

La squadra rinnovata della Spagna, guidata dai vincitori consecutivi del premio Golden Boy Pedri e Gavi, inizierà a essere messa alla prova mercoledì contro un’esperta squadra del Costa Rica che sta riportando alcuni dei giocatori che l’hanno aiutata a fare una corsa sorprendente a i quarti di finale otto anni fa.

I costaricani sperano di bissare il successo del Mondiale in Brasile ed evitare la debacle di quattro anni fa in Russia, quando non vinsero nessuna partita e furono eliminati nella fase a gironi.

La Spagna vuole anche evitare una ripetizione della sua stagione nel torneo del 2018, quando è stata estromessa dai padroni di casa negli ottavi dopo aver subito un imbarazzante cambio di allenatore pochi giorni prima del suo debutto.

Molti dei veterani di quel torneo se ne sono andati, tra cui Sergio Ramos, Gerard Pique, Andrés Iniesta e David Silva. Invece, l’allenatore Luis Enrique punta su giocatori come il 19enne Pedri, il 20enne Ansu Fati e Nico Williams, e il 18enne Gavi, il più giovane marcatore spagnolo di sempre.

“Penso che l’intera squadra abbia la responsabilità – ha detto Pedri -. Non mi sento la star della nazionale solo perché sono su un cartellone pubblicitario a Doha. Mi sto concentrando sul giocare, sull’essere in un buono stato d’animo e nell’aiutare il più possibile a seconda di quello che mi chiede il mister”.

La Spagna entra nel torneo in Qatar con la terza squadra più giovane tra le 32 nazioni, con un’età media di 25,3 anni, dopo Stati Uniti e Ghana. Più della metà della squadra ha 25 anni o meno, con sei giocatori di 20 anni o meno che giocano la loro prima Coppa del Mondo.

Pedri, Gavi e Fati dovrebbero partire titolari contro il Costa Rica. Gli altri giovani scelti da Luis Enrique — che si è unito al movimento giovanile diventando uno streamer durante la Coppa del Mondo — includono Ferran Torres, Yéremy Pino, Eric García, Hugo Guillamón e Alejandro Balde.

“Quello che mi ha sorpreso di più è la loro audacia, il modo in cui vanno per il gioco e non si fanno prendere dal panico”, ha detto il difensore César Azpilicueta, uno dei giocatori più veterani della squadra insieme a Jordi Alba e Sergio Busquets. Busquets è il più anziano a 34 anni e l’unico giocatore di ritorno dalla squadra spagnola che ha vinto la Coppa del Mondo 2010 in Sud Africa.

Guillamón non sarebbe stato disponibile per il primo gol a causa di un problema al ginocchio, mentre il veterano difensore Dani Carvajal era in dubbio dopo aver saltato l’allenamento a causa dell’influenza.

Il Costa Rica, che gioca la sua terza Coppa del Mondo consecutiva, sta recuperando alcuni giocatori dalla sua storica stagione nel 2014, quando fu eliminato dall’Olanda ai calci di rigore nei quarti di finale. Tra loro ci sono un paio di giocatori ben noti agli spagnoli: l’ex portiere del Real Madrid Keylor Navas (che non ha giocato con il Paris Saint-Germain in questa stagione) e l’attaccante Joel Campbell, che ha giocato nel campionato spagnolo con Villarreal e Real Betis.

“Non siamo venuti solo per competere”, ha detto il centrocampista Eltsin Tejeda, un altro membro della squadra 2014. “Vogliamo ripetere quello che abbiamo fatto in Brasile”.

La squadra allenata dal colombiano Luis Suárez, che ha anche Bryan Ruiz al ritorno dalla squadra del 2014, è stata l’ultima squadra a qualificarsi per la Coppa del Mondo in Qatar dopo aver battuto la Nuova Zelanda in uno spareggio intercontinentale a giugno. Non ha potuto disputare l’ultima partita di riscaldamento per la Coppa del Mondo contro l’Iraq la scorsa settimana a causa di problemi legati all’ingresso dei suoi giocatori in Iraq.

La Spagna è arrivata alla finale della Nations League e alle semifinali del Campionato Europeo lo scorso anno. Il suo ultimo titolo importante è arrivato a Euro 2012. All’inizio di quest’anno si è qualificato per la Final Four della Nations League per la seconda volta consecutiva.

Da quando la Nations League ha perso contro la Francia nell’ottobre dello scorso anno, l’unica sconfitta della Spagna è arrivata contro la Svizzera in Nations League a settembre.

___

Copertura AP World Cup: https://apnews.com/hub/world-cup e https://twitter.com/AP_Sports. Tales Azzoni su Twitter: http://twitter.com/tazzoni

——

Lo scrittore dell’Associated Press Juan Zamorano ha contribuito a questo rapporto da Doha, in Qatar.

Leave a Comment