La pittura di Mondrian da record porta le vendite di arte moderna di Sotheby’s – ARTnews.com

Lunedì sera, due vendite serali di arte moderna consecutive da Sotheby’s hanno fruttato un totale di 391,2 milioni di dollari.

Anche se le vendite hanno superato la stima della casa di 318 milioni di dollari, il risultato non è riuscito a continuare la scorsa settimana, quando Christie’s ha dato il via alla stagione delle aste autunnali a New York con il botto. Quella casa aveva offerto la collezione del defunto magnate della tecnologia Paul G. Allen, che ha incassato l’incredibile cifra di 1,5 miliardi di dollari con commissioni, la somma più alta mai raggiunta per una vendita pubblica di un unico proprietario.

Tuttavia, le aste di Sotheby’s hanno coniato un nuovo record per Piet Mondrian, con un suo dipinto venduto per 51 milioni di dollari.

articoli Correlati

Immagine di un uomo in abito blu.

Due personaggi storici della scena artistica newyorkese hanno tenuto in mano alcune delle opere offerte ai saldi di Sotheby’s lunedì sera.

Dipinti e sculture della collezione dell’avvocato di New York David Solinger, che in precedenza era stato presidente del Whitney Museum prima della sua morte nel 1996, hanno attirato l’attenzione dei collezionisti. Dando il via al duplice evento, la vendita di Solinger ha fruttato 137,9 milioni di dollari.

La seconda vendita comprendeva diverse proprietà del magnate dei media di New York William Paley, morto nel 1990. I fondi ricavati da queste opere saranno destinati a un fondo di dotazione incentrato su iniziative digitali presso il Museum of Modern Art di New York, dove Paley ha prestato servizio come amministratore e benefattore di lunga data.

Pittura astratta.

Willem de Kooning, Incollaggio1950.

Per gentile concessione di Sotheby’s.

L’asta di Solinger da 23 lotti è stata una vendita di guanti bianchi, il che significa che tutte le opere in essa contenute sono state vendute. Molte di quelle opere hanno raggiunto prezzi superiori alle loro stime elevate.

Alla successiva asta di 44 lotti, solo 36 opere vendute, alcune delle quali non hanno soddisfatto le loro basse aspettative. Ventuno di queste opere sono arrivate con garanzie di terzi, offerte minime che le case d’asta assicurano in accordi con finanziatori esterni per compensare il rischio finanziario.

“Non tutte le vendite possono essere un Allen”, ha detto il consulente artistico Wentworth Beaumont, che ha partecipato alla vendita di persona Novità ARTE.

A condurre il duplice evento, che ha visto solo pochi momenti di feroce concorrenza, è stato il banditore di Sotheby’s Olivier Barker. La solita folla di consulenti e commercianti era a disposizione per l’evento di tre ore.

Gli specialisti hanno ipotizzato che l’energia moderata tra la clientela partecipante possa suggerire che l’attenzione della notte – un settore in gran parte privo di trofei della categoria dell’arte moderna – stia subendo una prolungata stasi della domanda post-Covid. “Questo è stato un segno che stiamo tornando alla realtà”, ha dichiarato lo specialista di arte contemporanea di Sotheby’s Julian Dawes in una conferenza stampa dopo la vendita. “Nel 2016 o 2017, questa sarebbe stata una vendita meravigliosa.”

blank

La sede di Sotheby’s a New York durante una vendita serale di arte moderna il 14 novembre. via ARTnews.

De Kooning, Giacometti Lead White-Glove Solinger Collection

La scultura in calcare amorfo di Jean Arp frutto cattivo (1936) iniziò la vendita con una piccola scossa di energia che svanì rapidamente quando altri lotti entrarono nel blocco dell’asta. Ha attirato più offerenti e alla fine ha battuto un’offerta di $ 2 milioni, quattro volte la sua stima bassa di $ 500.000. Andando da un cliente al telefono con il presidente di Sotheby’s Americas Lisa Dennison, è andato a un prezzo finale di $ 2,4 milioni. Altre opere di Jean Dubuffet, Pierre Soulages e Fernand Léger erano tra gli articoli meno costosi che hanno superato le stime comprese tra $ 1,5 milioni e $ 2 milioni.

Ma Solinger era noto per l’acquisto di opere di artisti newyorkesi del dopoguerra che coltivava come amici prima della loro rispettiva ascesa alla fama mondiale dell’arte, e furono questi pezzi a mettere in risalto questa prima asta. Uno di questi era di Willem de Kooning, la cui astrazione del 1950 Incollaggio era il top lot di questa vendita. Bame Fierro, specialista contemporaneo di Sotheby’s a New York, ha presentato l’offerta vincente di 29 milioni di dollari per il dipinto. Dopo le tasse, quel numero è salito a $ 33,6 milioni.

La seconda opera più costosa è stata una scultura di Giacometti dipinta a mano nel 1948. Intitolata Tre uomini che camminano (piatto grande), presenta un gruppo di tre delle figure di uomini che camminano firmate dall’artista ed è stato vinto con un’offerta di $ 25 milioni, contro una stima di $ 15 milioni. Commissionato da Solinger dopo aver incontrato l’artista nello studio parigino di quest’ultimo, il lavoro è andato a un offerente nella stanza che ha prevalso su un altro acquirente concorrente al telefono con il presidente di Sotheby’s Asia Jen Sua dopo una battaglia di sette minuti. Con le tasse, è stato acquistato per $ 30,2 milioni.

Anche una scultura mobile di Alexander Calder e un dipinto di Joan Miro sono stati oggetto di offerte da parte di acquirenti con sede in Asia. Il cellulare tutto nero di Calder Sedici neri con un cappio (1959) ha ottenuto un prezzo finale di $ 8,4 milioni con commissioni, più che raddoppiando la sua stima minima di $ 3 milioni.

Un dipinto quadrato con una griglia di linee nere e quadrati rossi (i più grandi), blu, gialli e bianchi.

Pietro Mondrian, Composizione n. II1930. Per gentile concessione di Sotheby’s

Sotheby’s

Paley Works porta 47 milioni di dollari per la dotazione del MoMA

Sebbene i nuovi dischi di artisti non siano stati al centro dei successi di lunedì sera, uno per il modernista olandese Piet Mondrian, oggetto di una biografia recentemente pubblicata e di una retrospettiva alla Fondation Beyeler di Riehen, in Svizzera, sembrava in ritardo. A guidare la seconda parte della serata, Mondrian’s Composizione n. II, una griglia multicolore del 1930 derivante dai dipinti geometrici astratti caratteristici dell’artista, martellata su un’offerta di $ 48 milioni, andata a un offerente asiatico. È stato venduto per la cifra record di $ 51 milioni con le commissioni dell’acquirente.

Il risultato ha superato di poco il precedente record d’asta dell’artista di 50,6 milioni di dollari, stabilito nel 2015 quando la sua opera del 1929 Composizione n. III, con rosso, blu, giallo e nero venduto da Christie’s New York. Composizione n. II era apparso per l’ultima volta all’asta nel 1983, quando un collezionista giapponese lo acquistò per 2,2 milioni di dollari.

Cinque opere che erano state prestate a lungo termine al Museum of Modern Art di New York, date come parte di un accordo postumo con la fondazione di beneficenza di Paley, sono state vendute nella seconda parte della serata.

Il più prezioso dei cinque provenienti dal prestito Paley era la natura morta cubista di Pablo Picasso del 1919 Chitarra su un tavolo, che ha battuto a $ 32 milioni, andando a un offerente al telefono con Brad Bentoff, rappresentante dello sviluppo aziendale di Sotheby’s a New York. È andato a un prezzo finale di $ 37 milioni con tasse, superando la sua aspettativa di $ 25 milioni, che era stata designata come stima su richiesta dagli specialisti della casa d’aste prima della vendita.

Un altro grande guadagno è stata una scultura nera di una figura distesa del 1951 di Henry Moore che è stata venduta per $ 26 milioni con tasse. Quel prezzo potrebbe essere alto rispetto ad altri lotti in questa vendita, ma non è stato un risultato impressionante: il pezzo non è riuscito a raggiungere la sua stima di $ 30 milioni.

Altrove nella vendita, opere di Henri Rousseau, Joan Miro, Pierre Bonnard e August Rodin sono state vendute a prezzi compresi tra $ 1,4 milioni e $ 4,6 milioni.

Il raggruppamento ha raccolto un totale di $ 47 milioni, circa $ 10 milioni in più rispetto a quanto stimato dalla casa.

C’era un vantaggio nell’offerta modesta: le vendite si sono concluse relativamente rapidamente. “A quanto riferito, Sotheby’s fa tornare tutti a casa in un momento ragionevole”, ha detto Barker.

Leave a Comment