La moda è il mio regalo al mondo — Saturday Magazine — The Guardian Nigeria News — Nigeria and World News

Ejiro Amos-Tafiri è uno stilista e ideatore del marchio Ejiro Amos Tafiri (EAT) fondato nel 2010.

L’imprenditrice, autrice e relatrice nata nel Delta State ha studiato Fashion Design e Tecnologia dell’abbigliamento presso lo Yaba College of Technology, dove si è laureata con lode e ha ottenuto il premio come miglior studente.

Prima di lanciare il suo marchio, ha raccolto esperienze dai suoi periodi di stage e dall’esperienza lavorativa presso Out of Africa, Zizi Ethnic Clothing e Tiffany Amber, dove ha affinato le sue capacità tecniche, creative e sociali.

L’imprenditorialità di Tafiri le è valsa premi, tra cui Fashion Film of the Year ai City People Fashion and Beauty Awards nel 2013. In questa intervista con IJEOMA THOMAS-ODIA, condivide la sua passione per il suo lavoro.

Condividi con noi la tua crescita e come ha influenzato la tua passione per il fashion design.
CRESCENDO, mia nonna era un’amante del mare, quindi questo mi ha praticamente influenzato a fare abiti e poi forse scoprire l’arte di fare vestiti. Alla fine, direi che mi ha influenzato a farmi coinvolgere nel fashion design.

Sei un autore, relatore e formatore. Come combini i tuoi molti lati e affini le tue abilità?
Come esseri umani, siamo in continua evoluzione. Quindi è solo trovare il bisogno di esprimersi. Essere un autore nasce dall’esigenza di scrivere la mia storia e condividerla con il resto del mondo.

È così che ho scritto il mio primo libro e spero di scriverne altri. Essere un relatore è nato proprio dalla necessità di condividere la mia storia. Molte persone volevano sapere come l’ho fatto, come sono riuscito a far crescere il mio marchio e dove ho studiato.

Fondamentalmente, un impegno di parlare ha portato a un altro e ora sono un oratore imprenditoriale. Ho avviato la mia attività e sono riuscito a ricavarne qualcosa da quasi nulla, soprattutto in un clima in cui non era la norma.

All’epoca in cui ho avviato un’attività, di solito erano i ricchi che entravano in affari e avevano successo, specialmente nel settore della moda, o avevano una sorta di investimento. Non avevo nessuno di quelli. Quindi, molte persone volevano sapere come sono stato in grado di farlo.

Poiché ho studiato qui in Nigeria, ho il know-how pratico e tecnico e il know-how teorico, e sono stato in grado di trasformarlo in un business. Essere in grado di trasferire quella conoscenza ad altre persone mi ha reso un formatore. Quindi, per affinare le mie capacità, continuo a esercitarmi e provare. È così che sono riuscito a migliorare.

Quali sfide hai dovuto affrontare per la causa del tuo lavoro? Che nuovo lavoro ci aspettiamo da Ejiro?
La vita stessa è una lotta e le sfide abbondano sempre. Sicuramente, gestendo un’attività per 12 anni in Nigeria, a Lagos, si è destinati ad affrontare delle sfide.

Penso che ciò che è comune alla maggior parte degli imprenditori della moda sia l’onere del personale, la ricerca di persone qualificate e dedicate con cui lavorare e l’etica nel settore. C’è molto bracconaggio. Quindi, bisogna lottare con questo. Addestri il tuo personale e viene preso in giro da un’altra marca.

Ci sono molte copie che lo rendono molto difficile. Ma abbiamo trovato il modo di evolverci oltre. Continuiamo a modificare e ad assicurarci di trovare un punto di vista unico. Rendiamo i vestiti un po’ più intricati in modo che non siano facili da copiare. In realtà non abbiamo istituti superiori che insegnano un’adeguata educazione alla moda.

Chi consideri il/i tuo/i modello/i nel settore?
È difficile rispondere, ma ho lavorato nel settore prima di avviare il mio marchio. Quindi, in genere ho persino scelto i luoghi in cui ho lavorato perché credevo che ci fossero cose uniche nelle loro attività che amavo.

Il mio primissimo capo, dopo la laurea, la signora Kanye Dosekun di Art of Africa, ho adorato la sua etica del lavoro. Ho adorato il fatto che avesse fatto crescere quel marchio e lo avesse sostenuto per circa 23 anni quando sono entrato a far parte di me, e mi hanno appena dato l’intuizione che la costruzione di un’azienda di moda in Nigeria potrebbe diventare una multinazionale.

Mi ha dato quella fiducia nella moda e mi ha fatto comprendere appieno la struttura organizzativa. Inoltre, amo Mrs. Ogunlesi di Ruff ‘n’ Tumble esclusivamente per il modo in cui hanno sviluppato il loro marchio in modo sostenibile e stanno anche vivendo il sogno panafricano.

Cosa significa per te la moda?
La moda è il mio stile di vita. Suppongo che la moda sia la mia occupazione, è quello che faccio. Ma la moda è tutto ciò che è generalmente accettato da un gruppo di persone in un luogo. Per me è la mia carriera. È un modo per esprimermi; un’espressione dei doni che mi sono stati dati. È il mio regalo al mondo.

Qual è il tuo capo di moda preferito?
Direi occhiali da sole. Non vado mai da nessuna parte senza occhiali da sole. Sono fotosensibile, quindi quando sono fuori e con un paio di occhiali da sole mi sento quasi invincibile, come se potessi conquistare il mondo.

Qual è il tuo piatto locale preferito?
Potrebbe essere zuppa di peperoni e patate dolci. E poi, a seconda di come mi sento, potrebbe essere la zuppa Egusi.

Quali sono i tuoi hobby?
Mi piace viaggiare. Adoro guardare film con trame avvincenti. Quello che mi piace del viaggio è vedere qualcosa di diverso dalla mia norma, osservare lo stile di vita di altre persone, vedere nuove culture e nuovi posti e osservare come fanno le loro cose. Fondamentalmente, ho scoperto il modo in cui gli altri fanno le cose che faccio io. Amo anche nuotare.

Se c’è una cosa che ti viene data l’opportunità di cambiare in Nigeria, quale sarà?
Se mi viene data l’opportunità, farò leggi migliori perché credo che se abbiamo la legislazione giusta e stiamo facendo le leggi giuste che ci aiuteranno a sistemare il nostro paese, allora le cose andranno meglio.

Se potessimo riparare le menti delle persone, toglierei l’egoismo, perché siamo un paese così ferito e non c’è motivo per cui dovremmo lottare. C’è così tanto conflitto. Dobbiamo fare leggi che proteggano i nostri cittadini e facciano crescere le nostre risorse e la nostra ricchezza, invece di rubare a una persona o all’altra. Penso che inizi dalla mente. Leggi migliori assicureranno che i reati possano essere puniti e ci daranno una migliore etica con cui vivere.

Qual è la tua filosofia di vita?
La mia filosofia di vita è fare agli altri quello che vuoi che facciano a te. Quello che sai di non poter prendere, non farlo agli altri. Questo è vivere come visse Gesù Cristo.

Leave a Comment