La madrina del principe William, Lady Susan Hussey, si dimette dai doveri di palazzo dopo aver chiesto al visitatore nero “da dove veniva” | Notizie del Regno Unito

La madrina del principe William si è dimessa dai suoi incarichi a Buckingham Palace dopo aver fatto commenti “inaccettabili” a un ricevimento offerto dalla regina consorte.

Lady Susan Hussey, 83 anni, si è dimessa dopo aver chiesto a Ngozi Fulani, amministratore delegato di Sistah Space, da dove “venisse davvero” durante un ricevimento a palazzo martedì.

Un portavoce del suo figlioccio, il Principe di Galles, ha detto che è stato “davvero deludente” sentire cosa era successo.

“Ovviamente io non c’ero, ma il razzismo non ha posto nella nostra società. I ​​commenti erano inaccettabili, ed è giusto che l’individuo si sia fatto da parte con effetto immediato”, ha detto il portavoce di Kensington Palace.

La signora Fulani, che è nera, lavora come sostenitrice dei sopravvissuti agli abusi domestici e ha descritto lo scambio come una “violazione”.

Ha scritto su Twitter che Lady Hussey, che lei chiama ‘Lady SH’, “si è avvicinata a me, mi ha spostato i capelli per vedere il mio distintivo” e poi ha insistito per chiederle “da quale parte dell’Africa vieni”.

Nonostante abbia affermato di essere britannica, l’aiutante ha detto: “Vedo che avrò una sfida nel farti dire da dove vieni”.

Viene dopo che Meghan, duchessa del Sussex, ha affermato l’anno scorso che un membro della famiglia reale ha sollevato preoccupazioni di che colore avrebbe la pelle suo figlio Archie prima che nascesse.

Il palazzo ha risposto dicendo che “le questioni sollevate, in particolare quella della razza” erano “riguardanti” e le questioni sarebbero state affrontate in privato.

Conversazione con Lady Susan Hussey riportata da Ngozi Fulani

Lady SH: “Da dove vieni?”

Sig.ra Fulani: “Sistah Space”.

Lady SH: “No, da dove vieni?

Ms Fulani: “La nostra sede è a Hackney”.

Lady SH: “No, da quale parte dell’Africa vieni?”

La Fulani: “Non lo so, non hanno lasciato documenti”.

Lady SH: “Beh, devi sapere da dove vieni, ho trascorso del tempo in Francia. Di dove sei?”

Fulani: “Qui, Regno Unito”

Lady SH: “No, ma di che nazionalità sei?”

Fulani: “Sono nata qui e sono inglese”.

Lady SH: “No, ma da dove vieni davvero, da dove viene la tua gente?”

Ms Fulani: “‘La mia gente’, signora, cos’è questo?”

Lady SH: “Oh, vedo che avrò una sfida nel farti dire da dove vieni. Quando sei venuto qui per la prima volta?”

Sig.ra Fulani: “Signora! Sono cittadina britannica, i miei genitori sono venuti qui negli anni ’50 quando…”

Lady SH: “Oh, sapevo che alla fine ci saremmo arrivati, sei dei Caraibi!”

Fulani: “No signora, sono di origini africane, origini caraibiche e nazionalità britannica”.

Lady SH: “Oh quindi vieni da…”

Buckingham Palace ha detto degli eventi di martedì: “Prendiamo questo incidente estremamente sul serio e abbiamo indagato immediatamente per stabilire tutti i dettagli.

“In questo caso, sono stati fatti commenti inaccettabili e profondamente deplorevoli. Abbiamo contattato Ngozi Fulani su questo argomento e la stiamo invitando a discutere di persona tutti gli elementi della sua esperienza, se lo desidera.

“Nel frattempo, la persona interessata desidera esprimere le sue profonde scuse per il dolore causato e si è allontanata dal suo ruolo onorifico con effetto immediato.

“A tutti i membri della famiglia vengono ricordate le politiche di diversità e inclusività che sono tenuti a sostenere in ogni momento”.

File foto datata 29/11/2022 di Ngozi Fulani (2° a sinistra) ad un ricevimento a Buckingham Palace, Londra. L'eminente sostenitrice nera dei sopravvissuti agli abusi domestici ha rivelato come le è stato ripetutamente chiesto da un membro della famiglia di Buckingham Palace al ricevimento della Regina Consorte dove lei "proveniva davvero da". Data di emissione: mercoledì 30 novembre 2022.
Immagine:
Ngozi Fulani (cerchiato) al ricevimento offerto dalla Regina Consorte (al centro)

In un’intervista con LBC, Fulani ha detto che “nessuno del palazzo mi ha parlato”, ma sarebbe “felice di avere una conversazione per arrivare a una soluzione positiva”.

Riflettendo ulteriormente, ha detto: “Ad essere onesti, vorrei che si potesse parlare con la signora e conoscere il danno che ha causato e preferibilmente non essere di fronte.

“Ma per lei dimettersi, questo non ha niente a che fare con me. Non mi sento bene per questo. È un’anziana e nella mia cultura rispettiamo gli anziani.

“È necessario avere conversazioni con le persone interessate in modo che questo genere di cose non accada di nuovo”.

Chi è Lady Susan Hussey?

L’83enne è stata la dama di compagnia della regina Elisabetta II per più di 60 anni.

Nel ruolo, avrebbe aiutato la regina nelle attività quotidiane e, sebbene la sua presenza non sia stata ampiamente segnalata, è stata spesso avvistata sullo sfondo di importanti impegni reali.

È la figlia di Geoffrey Waldegrave, il dodicesimo conte Waldegrave e Mary Hermione, contessa Waldegrave, ed è stata sposata con il defunto presidente della BBC Marmaduke Lord Hussey.

In una dimostrazione del suo stretto rapporto con la famiglia reale, è stata nominata madrina del principe William ed è stata l’unica persona ad accompagnare la regina al funerale del principe Filippo nell’aprile 2021.

Solo 30 persone in lutto sono state autorizzate a partecipare al servizio presso la Cappella di San Giorgio, nel Castello di Windsor, a causa delle restrizioni COVID.

Lady Susan Hussey è stata nominata dama di compagnia dopo la nascita del principe Andrew nel 1960 e, secondo quanto riferito, è stata impiegata per aiutare a gestire la corrispondenza della regina.

La ‘Numero uno Head Girl’ della famiglia reale, come era conosciuta, era anche uno dei membri chiave dello staff che facevano parte della bolla del Castello di Windsor durante la pandemia di COVID.

Nel 2013, è stata nominata Dama di Gran Croce del Royal Victorian Order dalla Regina, il grado più alto concesso personalmente dal sovrano.

Dopo la morte della regina, fu nominata padrona di casa per aiutare il re Carlo nelle occasioni formali.

Uno dei più stretti confidenti dei Queen

Lady Hussey era sposata con Marmaduke Hussey, ex presidente del consiglio dei governatori della BBC ed era una delle più strette confidenti e dame della regina in attesa da più di 50 anni.

Nonostante le rigide restrizioni COVID, ha accompagnato Sua Maestà al funerale del Principe Filippo.

La regina e Lady Hussey nel 2011
Immagine:
La regina e Lady Hussey nel 2011
Lady Hussey (a destra) partecipa ai funerali della regina all'Abbazia di Westminster
Immagine:
Lady Hussey (a destra) partecipa ai funerali della regina all’Abbazia di Westminster

La signora Fulani ha detto che l’incidente l’ha lasciata con “sentimenti contrastanti” sull’evento per fermare la violenza contro donne e ragazze, dove tra gli altri ospiti c’erano la first lady ucraina Olena Zelenska e la regina di Giordania Rania.

Rispondendo ai messaggi di sostegno, ha aggiunto che non essere in grado di segnalare il problema o di parlarne alla regina consorte ha aggiunto alla sua angoscia.

“Non c’era nessuno a cui riferirlo. Non potevo riferirlo alla regina consorte, inoltre è stato un tale shock per me e le altre 2 donne, che siamo rimasti sbalorditi dal silenzio temporaneo”, ha scritto.

“Mi sono semplicemente fermato sul bordo della stanza, ho sorriso e mi sono impegnato brevemente con chi mi ha parlato fino a quando non ho potuto andarmene.”

Utilizza il browser Chrome per un video player più accessibile

Hussey ha “interrogato” Fulani – testimone

“Trattati quasi come intrusi”

Mandu Reid, leader del Women’s Equality Party, che era in piedi accanto alla signora Fulani e ha assistito allo scambio, si è detta “sbalordita”.

Ha detto a Sky News: “Era davvero a disagio. Se Ngozi fosse una donna bianca, non sarebbe possibile che si sarebbe svolta quella linea di domande. Non è quello che ti aspetti”.

“Non eravamo imbonitori di cancelli, ma ci sentivamo quasi come intrusi”.

Alla domanda se è stata rassicurata dal fatto che Lady Hussey si sia dimessa e si sia scusata, ha risposto di no e che i reali devono “farsi avanti” e riconoscere che “il razzismo istituzionale fa parte della cultura”.

Leggi di più:
Harry e Meghan hanno affrontato “minacce credibili” da parte degli estremisti
La principessa del Galles afferma che “non si fa abbastanza” per i bambini sotto i cinque anni

Con sede a Hackney, a est di Londra, l’organizzazione della signora Fulani Sistah Space è un’organizzazione di supporto per le donne di origine africana e caraibica colpite da abusi.

Ha detto in una dichiarazione: “Noi di Sistah Space vorremmo aumentare la consapevolezza su questo problema piuttosto che far vergognare un altro individuo”.

Gli abusi domestici sono una delle cause chiave sostenute dalla regina consorte da quando è entrata a far parte della famiglia reale.

Leave a Comment