La Germania cerca di riprendersi dalla sconfitta scioccante e ravvivare le speranze di Coppa del Mondo contro la pericolosa Spagna



Cnn

Se la Germania vuole evitare l’ignominia delle uscite consecutive dalla fase a gironi della Coppa del Mondo, dovrà ottenere un risultato positivo contro una Spagna che sembrava la squadra più pericolosa del torneo dopo il primo turno di partite.

L’ultimo posto nel girone a Russia 2018, un torneo a cui la Germania ha partecipato come campione in carica, è stato un minimo storico per il quattro volte vincitore della Coppa del Mondo. È stata la prima volta in 80 anni che la nazionale tedesca non è riuscita ad avanzare alla fase a eliminazione diretta del torneo.

Ora con l’allenatore Hansi Flick al timone dopo che Joachim Löw si è finalmente dimesso dopo 15 anni in carica, una ripetizione di quella prestazione in Russia era sicuramente impensabile.

Ma dopo quella sconvolgente sconfitta per 2-1 contro il Giappone nella sua partita di apertura, è ancora una volta una concreta possibilità.

L’ex allenatore della nazionale Jurgen Klinsmann ha accusato i giocatori della Germania di pensare che stessero “andando in crociera” dopo essere passati in vantaggio contro il Giappone con İlkay Gündoğan su rigore nel primo tempo.

L’incapacità della Germania di capitalizzare il proprio dominio ha mantenuto il Giappone in gioco e, forse la cosa più preoccupante per il quattro volte campione, Flick non è stato in grado di contrastare con successo i cambiamenti tattici di Hajime Moriyasu che alla fine hanno portato alla rimonta.

Questo risultato significa che la partita contro la Spagna è decisiva per la Germania, poiché una sconfitta confermerebbe un volo di ritorno anticipato dal Qatar. È certamente una situazione indesiderata per Flick ei suoi uomini, in particolare dopo il 7-0 della Spagna contro il Costa Rica nella partita d’esordio.

Il tempo sta per scadere per la Germania e per l'allenatore Hansi Flick?

Ovviamente, resta da vedere se la vittoria dichiarata degli spagnoli sia stata più un caso in cui gli uomini di Luis Enrique sono inarrestabili o se il suo avversario è stato terribilmente terribile, con il Costa Rica che rivaleggia con il Qatar per il titolo di peggior squadra della Coppa del Mondo fino ad ora.

La Germania fornirà sicuramente un indicatore molto più accurato delle possibilità di questa squadra spagnola in Qatar, ma la vittoria ha comprensibilmente acceso un serio ottimismo sul fatto che questa squadra sia una vera contendente.

I ritiri delle squadre della Coppa del Mondo sono stati tradizionalmente piuttosto severi, affari privati, ma l’allenatore della Spagna Luis Enrique ha adottato un approccio non convenzionale per passare il tempo a porte chiuse.

Il 52enne, che ha recentemente pubblicato una foto di se stesso senza maglietta su Instagram con un aspetto straordinario, ha preso parte a regolari domande e risposte con i fan tramite il servizio di live streaming Twitch e ha promesso di continuare fino a quando la Spagna rimarrà in Spagna. la competizione.

Enrique ha anche rivelato di essere felice che i suoi giocatori facciano sesso durante la Coppa del Mondo – in precedenza, altri allenatori della nazionale hanno notoriamente vietato alla squadra di partecipare ad attività intime.

Le vibrazioni sono sicuramente buone all’interno del campo della Spagna e la vittoria sulla Germania assicurerebbe il passaggio agli ottavi di finale con una partita d’anticipo.

Nell’altra partita del Gruppo E, il Giappone sa che la vittoria sul Costa Rica garantirà il suo posto nella fase a eliminazione diretta.

Il Samurai Blue ha prodotto un grande sconvolgimento di tutti i tempi della Coppa del Mondo battendo la Germania per la prima volta nella sua storia e vorrà evitare di dover affrontare l’ultima partita del girone contro la Spagna che necessita di un risultato positivo.

Il Costa Rica, nel frattempo, giocherà per orgoglio tanto quanto punti contro il Giappone dopo che i centroamericani hanno subito l’umiliante sconfitta di sette gol contro la Spagna.

los ticos si sono generalmente comportati bene nella fase della Coppa del Mondo, il punto più alto è arrivato durante lo storico quarto di finale di Brasile 2014, e l’allenatore Luis Fernando Suárez sarà ansioso di dimostrare che il risultato della giornata di apertura è stata solo una brutta giornata in ufficio.

È giusto dire che i commenti dell’allenatore del Canada John Herdman sulla scia della sconfitta per 1-0 della sua squadra contro il Belgio non sono stati apprezzati in Croazia.

Quando gli è stato chiesto quale fosse stato il messaggio ai suoi giocatori a tempo pieno, l’inglese ha detto di aver detto loro “appartengono a questo posto”.

“E noi andremo a distruggere la Croazia”, ​​ha aggiunto.

La fiducia di John Herdman ha suscitato scalpore in Croazia.

In risposta a quell’osservazione rialzista, il quotidiano croato 24 Sata ha pubblicato in prima pagina un’immagine simulata di un pastore nudo, con nient’altro che una foglia d’acero canadese a proteggere la sua modestia.

Il Canada ha battuto un Belgio dall’aspetto dalle gambe lunghe per gran parte della sua partita di apertura e ha avuto una gloriosa possibilità di passare in vantaggio dal dischetto, ma il fuoriclasse Alphonso Davies si è visto parare il tiro da Thibaut Courtois.

Il Belgio ha poi trovato la svolta in contropiede grazie alla conclusione clinica di Michy Batshuayi e il Canada, nonostante la pressione sostenuta, non ha avuto risposta.

La Croazia, seconda classificata quattro anni fa, ha pareggiato a reti inviolate contro il Marocco nella sua partita di apertura e spera in una prestazione notevolmente migliorata contro i canadesi.

Ora 37 anni, il capitano Luka Modric sta probabilmente giocando la sua ultima Coppa del Mondo e il talismano croato ha guardato fuori ritmo contro i nordafricani, arrivando in ritardo a numerose sfide ed evitando in qualche modo un cartellino giallo.

Gran parte di ciò che ha reso questa squadra una tale minaccia nel corso degli anni passa attraverso Modric e l’uomo del Real Madrid dovrà essere al suo meglio in assoluto affinché la Croazia emuli ciò che ha prodotto in Russia quattro anni fa.

Anche il Belgio cercherà un enorme miglioramento rispetto alla sua frammentaria vittoria nel turno di apertura contro il Canada, mentre la “generazione d’oro” del paese si imbarca in quella che è probabilmente la loro ultima possibilità realistica di fare una corsa profonda in una competizione importante.

Nel centrocampista Kevin De Bruyne, il Belgio possiede senza dubbio il miglior giocatore del mondo ma, come il resto dei suoi compagni di squadra, la stella del Manchester City è stata ben al di sotto dei suoi soliti standard contro il Canada.

Il Marocco, tuttavia, sembra destinato a mettere a dura prova il Belgio di Roberto Martinez.

La squadra è apparsa compatta e organizzata contro la Croazia e forse avrà anche la sensazione di aver perso un’occasione per raccogliere tutti e tre i punti dopo aver creato un paio di occasioni brillanti.

Gli Atlas Lions hanno superato la fase a gironi della Coppa del Mondo solo una volta nella loro storia e questa squadra sarà probabilmente fiduciosa di ottenere un risultato positivo contro il Belgio e di fare un altro passo verso l’emulazione della squadra del 1986.

Giappone contro Costa Rica: 5:00 ET

belgio vs. Città del Messico: 8:00 ET

Croazia vs. Canada: 11:00 ET

Spagna contro Germania: 14:00 ET

Stati Uniti: Fox Sports

Regno Unito: BBC o ITV

Australia: SBS

Brasile: TV sportiva

Germania: ARD, ZDF, Deutsche Telekom

Canada: mezzi Bell

Sudafrica: SABC

.

Leave a Comment