La CNN ha citato in giudizio per presunto utilizzo di centinaia di canzoni senza autorizzazione – Rolling Stone

La CNN sta affrontando una causa da 17 milioni di dollari che l’ha accusata di utilizzare centinaia di canzoni in segmenti di trasmissione internazionale senza acquisire una licenza o pagare le tasse adeguate.

La causa è stata intentata da Freeplay Music, una società di librerie musicali di produzione con un catalogo di oltre 50.000 brani da concedere in licenza e utilizzare in qualsiasi cosa, dalle trasmissioni televisive alle pubblicità ai video di YouTube. Secondo la causa, ottenuta da RollingStonediversi avamposti della CNN in tutto il mondo, tra cui Filippine, Indonesia e Cile, hanno trattato la libreria di Freeplay come “il loro barattolo di biscotti personale”, presumibilmente utilizzando oltre 115 opere protette da copyright in oltre 280 segmenti negli ultimi anni.

Accusando la CNN di “violazione intenzionale del copyright”, la causa recita: “Questi non sono usi minori. La libreria musicale di produzione di FPM è stata utilizzata per creare e migliorare il marchio CNN in questi segmenti e per creare l’atmosfera e l’atmosfera che le feste internazionali miravano a trasmettere. Le opere appaiono spesso all’inizio del segmento e si estendono per tutto… [T]I requisiti di licenza e pagamento sono chiaramente descritti sul sito web di FPM. FPM ha informato la CNN di questa violazione, ma la sua lettera è stata ignorata.

FPM è rappresentata in particolare da Richard Busch, un avvocato specializzato in casi di violazione del copyright. È meglio conosciuto per aver aiutato la tenuta di Marvin Gaye a fare causa con successo a Pharrell Williams e Robin Thicke per “Blurred Lines”.

“Abbiamo avviato questa causa per proteggere i preziosi diritti d’autore di Freeplay”, afferma Busch RollingStone. “Ci sono più di 120 diritti d’autore coinvolti in questo caso e centinaia di presunti usi non autorizzati. Tutto ciò che abbiamo da dire in questo momento è esposto in dettaglio nel reclamo.

Anche un rappresentante della CNN non è tornato immediatamente RollingStonerichiesta di commento.

Secondo la causa, Freeplay ha scoperto la presunta violazione attraverso l’uso di TuneStat, uno strumento utilizzato da etichette discografiche, editori e aziende come Freeplay per scansionare trasmissioni televisive e video online per rilevare gli usi della loro musica. Freeplay ha affermato di aver ricevuto due segnalazioni di presunte attività illecite della CNN, prima a maggio 2022 e poi di nuovo a novembre.

Anche con tecnologie come TuneStat disponibili, la causa sottolinea quanto sia difficile rilevare questo tipo di presunta violazione, considerando la quantità di contenuti disponibili su Internet. Confrontandolo con “trovare un ago in un pagliaio”, la causa suggerisce: “Probabilmente ci sono molti altri usi non autorizzati che non sono ancora stati scoperti”, ma trovarli tutti “sarebbe impossibile”.

Per quanto riguarda i numeri specifici, Freeplay ha affermato che la CNN Filippine “ha utilizzato illegalmente e copiato direttamente” almeno 73 copywriter che lavorano in almeno 169 video; CNN Indonesia di utilizzare almeno 40 opere in almeno 91 video; CNN Chile di aver utilizzato tre opere in almeno 19 video; e CNN-News18 in India di utilizzare almeno due opere in due video. Nella maggior parte di questi casi, Freeplay chiede il risarcimento massimo dei danni legali per violazione intenzionale del copyright, che è di $ 150.000 per opera violata.

Di tendenza

asso Tabellone note, questa non è la prima volta che Freeplay ha accusato una grande azienda di utilizzare la propria musica senza licenza. Altre cause per violazione del copyright sono state intentate contro la società di vendita al dettaglio online Alibaba, il produttore di chitarre Gibson e la Ford Motor Company. Ford ha finito per contrastare Freeplay, accusandoli di pratiche “bait-and-switch”, pubblicizzando falsamente la sua musica come gratuita e quindi intentando cause legali. (Questo caso è stato risolto l’anno scorso.)

A tal fine, la nuova causa di Freeplay contro la CNN delinea ampiamente i vari punti del sito Web di Freeplay in cui “afferma chiaramente che ciascuna delle sue canzoni … deve essere concessa in licenza” per uso commerciale. Ciò include una funzione “Prezzo” e “Carrello” nella parte superiore del suo sito Web, nonché un altro simbolo del carrello sotto la colonna “Licenza” che appare durante la ricerca di brani specifici nella libreria FPM.

Leave a Comment