King Charles critica la mancanza di istruzione professionale mentre su The Repair Shop | Formazione professionale

King Charles ha criticato la mancanza di istruzione professionale nelle scuole durante la sua apparizione in un’edizione speciale del programma televisivo della BBC The Repair Shop.

Nell’episodio unico, che sarà trasmesso mercoledì dalla BBC, elogia il valore delle competenze tecniche e degli apprendistati e descrive la mancanza di formazione professionale come una “grande tragedia”.

I suoi commenti sono stati fatti durante le riprese a Dumfries House in Scozia prima della morte della regina, quando era ancora principe di Galles, ma come re potevano alzare le sopracciglia per essersi allontanati dalla politica dell’istruzione e dai commenti politici.

In The Repair Shop: A Royal Visit, l’allora principe chiede aiuto al presentatore, Jay Blades, e al suo team per riparare un orologio da mensola del 18° secolo e un pezzo di ceramica Wemyss Ware realizzato per il giubileo di diamanti della regina Vittoria.

Nel corso dell’episodio, Charles viene filmato mentre incontra gli studenti del programma di artigianato edile della Prince’s Foundation, un’iniziativa di formazione che insegna abilità tradizionali tra cui fabbro, scalpellino e intaglio del legno.

Dice: “Penso ancora che la grande tragedia sia la mancanza di istruzione professionale nelle scuole, in realtà non tutti sono progettati per l’accademico.

“So dal Prince’s Trust, ho visto la differenza che possiamo fare per le persone che hanno competenze tecniche di cui abbiamo sempre bisogno, ho la più grande ammirazione per le persone.

“Penso che sia stato il problema più grande, a volte viene dimenticato. Gli apprendistati sono vitali, ma per qualche motivo hanno semplicemente abbandonato gli apprendistati. Dà alle persone un’intensa soddisfazione e ricompensa”.

Sebbene le opinioni di Carlo possano trovare simpatia con molti dei responsabili della politica educativa a Westminster, gli esperti dicono che è improbabile che sarebbe stato così sincero se fosse stato re nel momento in cui le ha espresse.

“Penso che sia dalla parte giusta riguardo all’istruzione”, ha detto l’autore e storico Sir Anthony Seldon. “È progressista e olistico. È stato un campione per tutta la vita di abilità e persone che usano la testa, il cuore e le mani”.

Ma ha aggiunto: “Penso che probabilmente non avrebbe detto di essere stato il re”.

In qualità di principe di Galles, Carlo era notoriamente schietto nelle sue opinioni su colture GM, architettura e ambiente ed è stato accusato dai suoi critici di “ingerenza” nella politica del governo. Come re, tuttavia, ha promesso di rimanere fuori dalla politica. “Penso che capisca che come monarca non può entrare nella mischia politica”, ha detto Seldon.

Stephen Clear, docente di diritto costituzionale e amministrativo all’Università di Bangor, ha affermato che tutti accettano che il re avrà opinioni private e personali sull’istruzione e sul modo migliore per coltivare le persone per realizzare i propri talenti.

“Tuttavia, per quanto riguarda la critica del sistema educativo, questi commenti dovrebbero essere visti nella stessa luce delle opinioni precedentemente espresse dal re sui cambiamenti climatici, la politica agricola e l’ambiente, prima di diventare monarca.

“Dall’inizio del suo regno, il re ha promesso di cambiare le sue pratiche di lavoro, di sostenere le tradizioni parlamentari vitali della nazione e, in sostanza, di non intervenire negli affari politici. Per necessità, affinché la monarchia costituzionale sopravviva, deve rimanere politicamente neutrale e non intervenire nei processi legislativi o nelle questioni politiche.

“Le dichiarazioni e le dichiarazioni pubbliche di re Carlo, finora, sono tutte indicative del fatto che egli apprezzi e riconosca pienamente il ‘libro delle regole’ che governava anche il regno di sua madre e non volesse intromettersi negli affari politici come re”.

Un portavoce del Dipartimento per l’Educazione ha dichiarato: “Riconosciamo che un percorso accademico non è per tutti. I giovani ora hanno una gamma di opzioni di formazione tecnica e professionale di alta qualità tra cui scegliere, inclusi apprendistati e nuove qualifiche di livello T in una serie di materie interessanti, aiutandoli ad acquisire le competenze di cui hanno bisogno per forgiare una grande carriera”.

Leave a Comment