Johnny Gaudreau si è concentrato sugli aspetti positivi a Columbus

Johnny Gaudreau era confuso, se non divertito. Era sabato sera a Long Island, e ogni volta che l’ala dei Blue Jackets toccava il disco, i fan degli Islanders all’UBS Arena lo fischiavano.

“Stavo parlando con il mio allenatore dopo il terzo turno, e ho pensato, ‘Non capisco'”, ha detto Gaudreau. “Non ho parlato con [the Islanders] una volta per tutto il libero arbitrio.”

Questa è la vita per Gaudreau. Sono passati quattro mesi da quando il 29enne ha firmato un accordo di sette anni da 68,2 milioni di dollari con Columbus, rifiutando i Calgary Flames, la sua squadra negli ultimi nove anni e diverse altre organizzazioni, sia che il loro interesse fosse reale o percepito. .

E il mondo dell’hockey ne è ancora ossessionato.

In parte è perché il matrimonio Gaudreau-Columbus apparentemente è nato dal nulla. L’altra parte? È raro vedere mosse come questa nella NHL.

“È bello sentire che una base di fan ti voleva e non ti ha preso, ma non mi aspettavo di sentire cose per così tanto tempo”, ha detto Gaudreau. “Molti giocatori nella mia posizione finiscono per firmare nuovamente con le loro squadre. [Filip] Forsberg [in Nashville], [Nathan] MacKinnon in Colorado. Sono andato in un’altra direzione”.

I riflettori torneranno probabilmente stasera quando le giacche blu affronteranno i Flyers (19:30, ESPN + / Hulu), un’altra squadra a cui Gaudreau era legato.

Columbus (4-9-1) è inciampato fuori dal cancello, ostacolato da una brutale serie di infortuni. Ma Gaudreau – che ha 12 punti nelle sue prime 14 partite, inclusi tutti e sei i suoi gol in casa – si concentra sulla positività.

La scelta di Colombo riguardava intrinsecamente ciò che era meglio per Gaudreau come persona. E anche se il suo tono è cambiato un po’ a un mese dall’inizio della stagione, adattandosi alla realtà attuale della squadra, la sua decisione di libero arbitrio è sempre stata un gioco lungo.

“Sono qui per il lungo periodo”, ha detto Gaudreau. “Ovviamente voglio fare i playoff quest’anno, ma se non succede ancora, devi imparare da quelle cose. Non lo metterò oltre la nostra squadra per uscire da questo funk, ma so anche qualunque cosa accada, abbiamo molto da aspettarci”.


IN PRESTAGIONALE giocatore del tour dei media, il difensore dei Blue Jackets Zach Werenski ha parlato delle vibrazioni che si stanno spostando a Columbus. Non è stato solo Gaudreau a scegliere Colombo. Anche Patrik Laine si è impegnato per una proroga di quattro anni.

Werenski ha notato che per anni i Blue Jackets erano conosciuti come una squadra difensiva, ma ora avevano diversi giocatori di abilità che avrebbero cambiato l’identità. E dopo essere rimasto bloccato con la narrazione come un posto in cui i ragazzi non volevano restare, stava accadendo il contrario.

“La nostra identità sta cambiando”, ha detto Werenski. “E non vedo l’ora di farne parte.”

Ma dopo che Laine ha saltato due settimane a causa di una distorsione al gomito – tornando giusto in tempo per la trasferta delle squadre nella nativa Finlandia – l’esterno si è slogato una caviglia contro gli Islanders ed è fermo per altre tre o quattro settimane.

Laine e Gaudreau dovrebbero collaborare sulla linea superiore di Columbus. Gaudreau ha detto che alla fine della preseason, lui e Laine “stavano davvero iniziando a capirsi” mentre capivano i dettagli del loro gioco, come anticipare quando Laine voleva il passaggio. Stavano appena iniziando a ripartire dopo la battuta d’arresto di Laine, “che è stata dura”, ha detto Gaudreau.

La prognosi era peggiore per Werenski; il miglior difensore della squadra dovrebbe restare fuori per il resto della stagione a causa di un infortunio alla spalla riportato la scorsa settimana. “Mi sono sentito più male per [Werenski] più di ogni altra cosa, perché era super entusiasta di questa stagione “, ha detto Gaudreau.” Fa schifo. È un leader in questa squadra”.

I Blue Jackets hanno anche perso il loro difensore numero 2 Nick Blankenburg (caviglia rotta, da sei a otto settimane) nella stessa partita. Insieme agli infortuni a lungo termine ai veterani Sean Kuraly e all’esterno Jakub Voracek, è stato francamente uno scenario da incubo.

Gaudreau ha detto che non ha altra scelta che concentrarsi sugli aspetti positivi, e il più grande positivo è che i giocatori più giovani otterranno ripetizioni importanti. “I giovani con abilità in questa squadra sono così impressionanti”, ha detto. “Cole Sillinger, Kent Johnson e Yegor Chinakhov. È divertente uscire con loro e giocare con loro ogni giorno durante gli allenamenti”.

A Calgary, Gaudreau era al centro del gruppo quando si trattava di fare esperienza. A Columbus, è il quarto giocatore più anziano della squadra. E sente la responsabilità di parlare di più, ripagando i momenti di tutoraggio di cui ha beneficiato all’inizio della sua carriera.

Per quanto riguarda una valutazione sul proprio gioco? “Il mio gioco difensivo è migliorato;” Egli ha detto. “Forse stavo rallentando un po’ per iniziare la stagione, ma mi sento bene per come sta andando”.

Gaudreau ricade sul messaggio che ha ricevuto dall’allenatore Brad Larsen prima della stagione: “Mi ha detto: ‘Voglio che tu faccia esattamente la stessa cosa che hai fatto a Calgary, sii lo stesso giocatore. Ricorda, sei solo un giocatore .Non puoi portare una squadra da solo.'”


È STATO T FINO A tre o quattro settimane fa quel Gaudreau disse di sentirsi finalmente sistemato a Columbus. Ha descritto la mossa come “frenetica”. Poi, in ottobre, lui e sua moglie Meredith hanno dato il benvenuto al loro primo figlio, una figlia di nome Noa.

Sta già sentendo i cambiamenti nello stile di vita della paternità. Meno tempo per la caccia, una delle sue attività preferite per distogliere la mente dalla pista. Meno tempo a giocare ai videogiochi con gli amici. E molto meno sonno.

Tutto è stato facilitato dal trasferimento a est, il fattore cruciale nella sua decisione. Il viaggio nella Eastern Conference è stato significativamente meno gravoso. “I viaggi in aereo sono molto più brevi. E oltre al viaggio in Finlandia, penso di aver trascorso solo 5-6 notti in un hotel”, ha detto. “Quindi è molto più tempo a casa e meno in viaggio. E ora siamo anche vicini alla famiglia. I miei genitori ora possono uscire per una partita casuale della domenica sera, cosa che prima non era possibile”.

Gaudreau dice di essere riconosciuto meno a Columbus che a Calgary, ma le interazioni sembrano più significative.

“La gente viene da me e dice: ‘grazie per aver scelto Columbus, grazie per aver creduto in noi, significa così tanto per noi'”, ha detto Gaudreau. “E questo significa molto per me.”

Perché il processo per trovare la sua nuova casa non è stato facile.

“Onestamente, se dovessi fare di nuovo la free agency, non so se l’avrei fatto”, ha detto. “La base di fan nella città in cui ti trovi vuole che torni, anche questo è difficile per te. Sono stati due o tre mesi piuttosto difficili lì”.

Sa che le persone parleranno sempre, ma c’era una narrazione che non andava bene.

“La gente pensava che stessi cercando di inseguire denaro, ma questo è il massimo dalla verità”, ha detto. “Riguardava ciò che era meglio per me, la mia famiglia, mia moglie e la sua famiglia. Amo la città qui a Columbus, amo la squadra qui, sono davvero entusiasta di essere qui. Anche se non è stato l’inizio volevamo, non cambierei la mia decisione per nulla al mondo”.

Leave a Comment