Il Fulham perde l’occasione di salire tra i primi sei mentre Everton e Pickford tengono duro | premier League

L’obiettivo non è mai arrivato. Il Fulham era pieno di velocità e invenzione, ma non aveva il tocco finale per superare un indaffarato ma imponente Jordan Pickford. L’Everton, con l’organizzazione di Conor Coady, che spesso distribuiva congratulazioni in stile NFL ai colleghi dopo le autorizzazioni e i blocchi, ha mantenuto ostinatamente la sua linea. Sono un’opposizione così severa sotto Frank Lampard, i loro gol contro il record appartengono ai massimi livelli. Il punteggio è più problematico; Dominic Calvert-Lewin era sempre più isolato mentre i suoi 90 minuti si trascinavano.

Marco Silva ha trascorso 18 mesi dimenticabili all’Everton e, nonostante i ragionevoli motivi per considerarsi vittima di un club in costante mutamento, è stato costretto a ricostruire la sua reputazione al Fulham. I suoi Everton raramente erano così intraprendenti. Un processo di reinvenzione simile vale per Lampard all’Everton. Ha accettato di essere un evertoniano in un modo che il suo predecessore portoghese non è mai riuscito a fare. A tempo pieno il contingente in trasferta è apparso abbastanza contento dell’ultima dimostrazione di valori da “cani da guerra” poiché Lampard ha salutato un “lavoro, resilienza e mentalità che davvero non avevamo l’anno scorso”.

“È difficile da credere”, ha detto Silva, dopo la sua prima partita contro i suoi ex datori di lavoro. “Abbiamo fatto quasi tutto bene. L’Everton ha giocato una partita diretta, lo sapevamo, e hanno creato dei momenti, ma siamo sempre in attacco. Meritano credito Jordan Pickford e i loro difensori, bloccano tutto ma noi abbiamo fatto di tutto per vincere”.

Il portiere dell’Inghilterra, che era il migliore in campo, era molto più felice. “Mi innesto molto duramente e mi piace mettere in scena le esibizioni”, ha detto Pickford. “La Coppa del Mondo è dietro l’angolo, quindi terrò la testa concentrata”.

Il portiere dell'Everton Jordan Pickford punta su un tiro di Willian del Fulham.
Il portiere dell’Everton Jordan Pickford punta su un tiro di Willian del Fulham. Fotografia: Eddie Keogh/Getty Images

Lampard ha detto: “I custodi possono crearti o distruggerti. Quando gioca così ti fa guadagnare punti”. Pickford aveva portato l’Everton alla rispettabilità a metà classifica, anche se sono ancora solo quattro punti sopra gli ultimi tre. L’improbabile spinta del Fulham per il calcio europeo della prossima stagione si era nel frattempo bloccata.

Calvert-Lewin probabilmente aveva bisogno di un gol per aumentare una possibilità esterna di unirsi a Pickford in Qatar, in particolare con Gareth Southgate che guardava Callum Wilson segnare due volte per il Newcastle. Il numero 9 dell’Everton, che inizia due partite di fila per la prima volta da maggio, probabilmente fa affidamento sugli altri per cadere nel dimenticatoio. Dopo un inizio brillante, ha tradito un po’ di ruggine, colto in fuorigioco in un raro attacco dell’Everton nel secondo tempo. Almeno la sua maledizione del danno non è tornata. Inseguendo il cross basso di Demarai Gray, ha sbattuto la spalla contro il palo ma si è dichiarato a posto per continuare.

Aleksandar Mitrovic combatte con James Tarkowski
Aleksandar Mitrovic combatte con James Tarkowski. L’attaccante del Fulham ha giocato una partita frustrante. Fotografia: Justin Setterfield/Getty Images

Nella prima metà, l’Everton ha giocato la sua parte in alcuni brividi end-to-end tra temperature autunnali insolitamente calde. Di tanto in tanto le cose si scaldavano. L’avversario n. 9, Aleksandar Mitrovic, è stato fortunato a scappare con nient’altro che un’ammonizione per un francobollo su Idrissa Gueye, decisione che ha costretto Lampard a chiedere una recensione video. “Penso che lo sapesse”, ha detto il manager dell’Everton. “Sono rimasto davvero sorpreso che non ci sia stato dato.”

Il serbo aveva precedentemente scavalcato Coady e si era accartocciato pesantemente. C’è stata una qualche forma di punizione e un giallo non ha impedito a Mitrovic di continuare la sua battaglia in corsa con il sempre giocoso Coady. Tim Ream di testa a lato prima che James Tarkowski colpisse di testa Bernd Leno da angolo è stato l’ultimo lampo di un bel primo 45. Il secondo è iniziato con un rigore, respinto dall’arbitro John Brooks. Willian stava cadendo a terra prima che Gueye si battesse la caviglia.

Mentre il Fulham cercava un vincitore, Mitrovic ha avuto più possibilità, nessuna delle quali è caduta nel modo giusto. Un lampo sopra il cross di Andreas Pereira ha provocato un ululato angosciato verso gli dei del calcio, così come un’occasione all’ultimo secondo, fatta esplodere al turn.

“Mitro segnerà la prossima volta”, ha rassicurato il suo manager ma due punti erano stati ceduti a Pickford, Coady et al.

Leave a Comment