Il boss del Barcellona Xavi riceve il sostegno del presidente Laporta

L’allenatore del Barcellona Xavi Hernandez ha ricevuto il sostegno del presidente del club Joan Laporta durante la deludente campagna di Champions League della squadra.

Il Barca rischia di essere eliminato dalla fase a gironi di Champions League per la seconda stagione consecutiva dopo il pareggio per 3-3 di mercoledì contro l’Inter al Camp Nou.

– Stream su ESPN+: LaLiga, Bundesliga, MLS, altro (Stati Uniti)

Parlando in vista del campionato di domenica Classico al Real Madrid, Laporta ha detto: “Direi ai tifosi di continuare a crederci. Abbiamo un’ottima squadra che deve darci gioia. Loro [the fans] dobbiamo supportare Xavi e gli daremo quel supporto.

Xavi ha dimostrato di essere un uomo che conosce perfettamente il club e il sistema, oltre ad essere un’ottima persona. Le cose andranno meglio e lui ci darà tanti successi.

“Parliamo sempre. Dopo la partita ho l’abitudine di parlare con lui. [After Wednesday’s game] L’ho visto triste e ferito. Xavi ha una virtù che nessuno che abbia mai incontrato ha: vede sempre il lato positivo. È qualcosa che mi è sempre piaciuto.

Gli ho detto di andare avanti, di non pensare alla Champions League e di concentrarsi sulla Liga”.

Non superare la fase a gironi della Champions League e potenzialmente passare all’Europa League avrà ripercussioni finanziarie per il Barca.

“Avrà un impatto, ma non sarà di 30 milioni di euro o 35 milioni di euro”, ha detto Laporta. “Dobbiamo continuare a trovare nuovi sponsor e continuare a competere in Europa, il che porta anche entrate”.

Laporta ha ammesso che, come molti altri, aveva grandi aspettative per la campagna di Champions League del Barca dopo il significativo investimento del club nella finestra di mercato estiva.

“Non mi aspettavo di essere così a questo punto”, ha detto Laporta. Lo staff tecnico e l’allenatore hanno fatto di tutto per essere competitivi.

“L’obiettivo principale è La Liga perché la fase a gironi è diventata molto complicata, ma preferisco parlare quando sarà finita”.

Nonostante le decisioni arbitrali che sono andate contro il Barça in Champions League, Laporta ha detto che la squadra ha solo se stessa da incolpare.

– Quaderno: le storie interne del calcio mondiale

“Avevamo un gruppo difficile”, ha detto Laporta. “La squadra è la prima a sapere che il risultato di mercoledì è stato un peccato.

“Sono triste e arrabbiato per non aver vinto nonostante abbiamo segnato tre gol. Dobbiamo cambiare mentalità e ora con La Liga dobbiamo continuare a lottare per essere i primi. Abbiamo una rosa e alcuni giocatori molto bravi che hanno generato grandi aspettative.”

Il Barca è in testa alla Liga, a quota 22 punti con il Real Madrid che si dirigerà verso la partita di domenica al Bernabeu.

“La Champions League ci ha dato un colpo basso, ma dobbiamo fare il lavoro e concentrarci completamente sulla Liga”, ha detto Laporta.

“Avevamo tutti la speranza della Champions League. Siamo primi nella Liga e giochiamo al Bernabeu, che è una partita che ci piace giocare.

Il Classico è sempre molto importante, perché chi vince esce più forte e chi perde esce colpito. Spero di essere il leader alla fine della partita. Servirà anche per vedere la capacità di reazione della squadra. Quando inciampiamo, la cosa più importante è alzarsi. Aspiriamo a [win] La Liga”.

.

Leave a Comment