Gustavsson sull’intensificarsi dei preparativi ora è pronto per la FIFA WWC

Con la CommBank Matildas ora a conoscenza delle loro avversarie della FIFA Women’s World Cup 2023, l’allenatore Tony Gustavsson ha condiviso la sua eccitazione per la preparazione futura.

“Sono davvero eccitato, ho già inviato messaggi con il mio staff tecnico e i miei analisti dicendo, ehi, iniziamo a pianificare, prepararci… Vogliamo davvero metterci d’accordo ora sappiamo chi abbiamo di fronte e sappiamo come appare la partita di apertura”, ha detto Gustavsson dell’Australia pareggiata contro Repubblica Irlanda, Nigeria e Canada.

Le CommBank Matildas giocheranno la partita di apertura del torneo a Sydney il 20 luglio contro la Repubblica d’Irlanda, che farà il suo debutto alla Coppa del Mondo femminile FIFA Australia/Nuova Zelanda 2023™.

LEGGI: ​​CommBank Matildas impara gli avversari del gruppo FIFA WWC

“Riguarda la partita di apertura, vogliamo iniziare il torneo il più forte possibile”, ha detto Gustavsson. Abbiamo pareggiato l’avversario in cima alla classifica nella fascia 2, il terzo in classifica nella fascia 3 e l’avversario in cima alla classifica nella fascia 4.

“È un sorteggio difficile, ma se guardi un girone e guardi un torneo, non ci sono partite facili in questo torneo, quindi si tratta di sapere chi stai affrontando e prepararti nel miglior modo possibile”, ha continuato. .

L’obiettivo di Gustavsson quando ha preso il timone della CommBank Matildas era quello di giocare un programma il più duro possibile, con il maggior numero possibile di squadre diverse. Dice che il risultato del sorteggio è la prova del perché questa strategia è stata così importante.

“In primo luogo, voglio ringraziare la Federazione per il supporto in questo tipo di preparazione. È stato uno dei programmi più difficili nella storia di questo programma. In termini di classifica, in termini di trasferte all’estero, di partite con squadre europee, di portare squadre di vertice in Australia, tutti gli investimenti che sono stati fatti in quasi due anni”, ha detto.

“Puoi vedere nel sorteggio di oggi, quanto sia stato importante, ma anche quanto sarà importante da ora, fino all’inizio della Coppa del Mondo. Abbiamo del lavoro da fare lì per assicurarci di farlo esattamente nel modo in cui necessario, per prepararsi nel miglior modo possibile”.

Quando gli è stato chiesto cosa lo eccita di più dell’essere l’allenatore capo di una delle nazioni co-ospitanti di casa, Gustavsson ha riso: “Quanto tempo hai?”

“Prima di tutto, amo questa squadra. L’ho detto dal primo giorno. Tutti sanno quanto amo questa squadra, sia i giocatori che lo staff e anche i tifosi”, ha spiegato.

“Essere in casa insieme ai tifosi in un momento di crocevia come questo in un’opportunità irripetibile. Mi sento così privilegiato di essere una piccola parte di qualcosa di molto più grande di soli 90 minuti di calcio”.

Con nove mesi di preparazione in vista, i CommBank Matildas stanno cercando di mettere a punto le loro tattiche contro avversari di livello mondiale. Uno, in particolare, è il numero 2 del mondo, la Svezia, che giocherà il prossimo mese a Melbourne.

“Se guardi a quello che abbiamo fatto negli ultimi due anni, abbiamo preso di mira molte squadre europee perché le statistiche del passato non sono troppo positive per noi contro le squadre europee”, ha spiegato Gustavsson.

“Se guardiamo dalla nostra parte del girone, abbiamo Inghilterra, Germania e Francia, quindi anche la partita contro la Svezia giocherà un ruolo importante in questo senso”.

Per quanto riguarda il suo messaggio per il pubblico appassionato di calcio (e per coloro che devono ancora convertirsi), è semplice, essere lì o perdere la storia.

“Dico alle persone là fuori, comprate i biglietti ora, perché ci saranno gli stadi pieni, ci saranno tutti. Sarà un momento in cui vorrete parlare di un decennio da adesso, ai vostri nipoti , dicendo, io c’ero.

“Non vedo l’ora di vedere questi giocatori giocare di fronte a quel tipo di supporto e quel tipo di atmosfera, perché è quello con cui prosperano. Con il calcio ad alto numero di ottani e la mentalità offensiva che giochiamo, se riusciamo a ottenere portato e supportato dai fan nel modo in cui so che possiamo, sarà molto, molto, molto interessante”.

.

Leave a Comment