Guide della squadra della Coppa del Mondo 2022 parte 25: Brasile | Brasile

Questo articolo fa parte del Guardian’s World Cup 2022 Experts’ Network, una collaborazione tra alcune delle migliori organizzazioni mediatiche dei 32 paesi che si sono qualificate. theguardian.com trasmette anteprime da due paesi ogni giorno in vista del torneo che inizierà il 20 novembre.

Il programma

Il termine Neymardependencia (dipendenza da Neymar) è stato molto utilizzato dalla stampa brasiliana nell’ultimo decennio, in particolare dopo le uscite dagli ultimi due Mondiali. Ma l’emergere di una nuova generazione di attaccanti di talento significa che l’espressione è stata in gran parte dimenticata. In questi giorni l’allenatore, Tite, può contare su un gran numero di giovani talenti offensivi.

“Ai tempi della Copa America 2019 non avevamo Antony e Raphinha, Viní [Vinícius Júnior] si stava ancora adattando al Real Madrid e Gabriel Martinelli si stava solo allenando con noi”, ha detto Tite a ottobre. “Ora questa generazione è davvero arrivata e wow! Sono stati i progressi di questi giocatori che ci hanno permesso di giocare con cinque attaccanti contemporaneamente”.

All’inizio dello scorso anno, ad esempio, Tite non era a conoscenza di Raphinha, ma il suo team di scouting lo ha avvisato dell’allora attaccante del Leeds ed è pronto per essere titolare in Qatar. Aggiungete a ciò giocatori come Richarlison (Tottenham) e Lucas Paquetá (West Ham), che saranno alla loro prima Coppa del Mondo, ed è chiaro che Tite ha solo l’imbarazzo della scelta.

Guida veloce

partite del girone brasiliano

Mostrare

contro la Serbia Gio 24 nov, 19:00 Stadio di Losail

contro la Svizzera Lun 28 novembre, 16:00 Stadio 974

vCamerun Ven 2 dicembre, 19:00 Stadio di Losail

Grazie per il tuo feedback.

Mentre c’è un’aria giovanile nell’attacco, la difesa porta esperienza e rassicurazione. In porta, Alisson giocherà la sua seconda Coppa del Mondo da titolare e in difesa, il 38enne Thiago Silva potrebbe diventare il giocatore di movimento più anziano a giocare per il Brasile in una Coppa del Mondo. L’ancora di centrocampo è Casemiro, un pollo primaverile relativo all’età di 30 anni ma detentore già di oltre 60 presenze in nazionale. La sua importanza per il Canarino non può essere sottovalutato ed è stato significativo che sia stato squalificato poiché è stato eliminato dal Belgio ai quarti di finale della Coppa del Mondo 2018.

Neymar è ancora lì ed è la stella indiscussa della squadra, ma la differenza questa volta è che non avrà tutti i riflettori puntati su di lui. Una divisione delle responsabilità potrebbe aiutare il Brasile alla ricerca del sesto trionfo in Coppa del Mondo.