Fino alla nuova star dello stile del regista Chinonye Chukwu Red Carpet – The Hollywood Reporter

Chinonye Chukwu si sta rapidamente facendo un nome per la sua padronanza delle narrazioni emotive e basate sui personaggi. Tè Clemenza L’ultimo progetto del regista è il film biografico straziante fino, un resoconto del linciaggio nel 1955 del quattordicenne Emmett Till. Raccontato dal punto di vista di sua madre, Mamie Till-Mobley (interpretata da Danielle Deadwyler), il film è uscito il 14 ottobre.

Nelle apparizioni per il film, Chukwu si è distinta per il suo stile da red carpet audace e sicuro, uno dei tanti registi quest’anno che stanno lasciando segni con le loro scelte di moda.

Chukwu racconta THR che si è data “il permesso di giocare” sotto i riflettori dello stile, pur con la gravità della fino argomento. “Abbiamo bisogno di un po’ di leggerezza nelle nostre vite”, dice in modo pratico, notando anche il rapporto dei personaggi del suo film con le questioni di vestiti e identità. “Volevo davvero una tavolozza di colori vibrante e audace. Nella Chicago nera degli anni ’50, le persone si vestivano davvero per riflettere il loro senso di dignità personale e potere personale. È così ricco! E [costume designer] marc [Rodgers] l’ha buttato fuori dal parco”.

Per navigare sul tappeto rosso quest’anno, Chukwu ha chiamato lo stilista di Hollywood di serie A Jason Rembert, i cui altri clienti includono Jalyn Hall (che interpreta Emmett Till), Jayme Lawson (anche in fino) e Lizzo.

Rembert dice di essere colpito dalla volontà di Chukwu di correre dei rischi. “Penso che, la maggior parte delle volte, lo stile dei narratori diventi un po’ più tenue, con un po’ meno estro, ma Chinonye è molto aperto ad avere quel talento e un approccio più stilizzato, aprendo la tavolozza dei colori e le forme ”, dice Rembert, che l’ha vestita di tutto, da un elegante abito rosso di Comme des Garçons e un vestito verde con una gonna a palloncino dello stilista nero Christopher John Rogers a un abito Annakiki nero indossato con guanti trasparenti. “Per me sarebbe un rischio per un’attrice essere così affascinante e avere i guanti come accessorio per un tappeto importante. Ma per un regista è ancora più speciale”, dice Rembert (che si adatta a Chukwu in più sguardi alla volta nel suo studio di New York).

I look recenti di Chukwu, tutti firmati da Jason Rembert, includono, da sinistra, un abito Marchesa bianco; un abito di Christopher John Rogers con gonna a palloncino, indossato a un evento a settembre; un abito Annakiki con guanti per il New York Film Festival; un vestito magenta di Brandon Maxwell; e un vestito di Rick Owens per la proiezione di ottobre di Till.

Cortesia del Soggetto; Barry Brecheisen/United Artists Releasing; Jamie McCarthy/Getty Images; Alberto E. Rodriguez/Getty Images; Frederic J. Brown/AFP/Getty Images.

Chukwu attribuisce a Rembert il merito di averla spinta nel territorio della moda di livello successivo presentandola a nuove etichette, colori freschi e silhouette che accentuano le sue spalle e il suo décolleté.

“Ho recentemente compiuto 37 anni e ogni anno mi sento più a mio agio nel mio corpo”, dice. “Quindi sono stato davvero intenzionale nell’indossare abiti che mi fanno sentire bene. Voglio celebrare la mia fiducia e il mio orgoglio in me stesso. Voglio essere un po’ audace e indossare capi di tendenza. Stiamo giocando con alcuni corsetti e scopriamo che i verdi, i rossi, i bianchi e i gialli sembrano particolarmente lusinghieri rispetto alla mia carnagione. È stato fantastico per me uscire con quel tipo di colori per le domande e risposte subito dopo la proiezione del film, perché in qualche modo illumina la stanza!

“Adoro un buon tacco,” continua, “anche se a volte è doloroso. Mi piace esplorare diversi tagli e colori, designer e stili. I miei genitori sono immigrati nigeriani e lo stile tradizionale nigeriano è molto colorato e audace. Sono cresciuto con i membri della famiglia che indossavano i vestiti più belli, colorati e decorati, quindi quello era uno dei miei riferimenti quando parlavo con Jason”.

Elogia i look di Rogers (“I suoi colori sono fuori dal mondo!”), la designer sudafricana Thebe Magugu e l’etichetta della designer cinese Anna Yang Annakiki come particolarmente lusinghieri. “Jason ed io siamo molto intenzionati a indossare abiti di quanti più designer della diaspora nera possibile. Ne sono molto consapevole”, dice il regista, nato in Nigeria e cresciuto in Alaska. Nel 2019, è diventata la prima donna di colore a vincere il gran premio della giuria del Sundance Film Festival nella competizione drammatica statunitense, per Clemenza.

Alcune delle attuali scelte di stile preferite di Chukwu: 1 camicetta Sisterhood Bandana di Thebe Magugu;  $ 333, thebemagugu.com.  2 Anello Duo di Mejuri in oro 14 carati;  $ 325, mejuri.com.  3 orecchini a perno in oro stropicciato di Alexis Bittar;  $ 275, alexisbittar.com.  4 Jeans Sheri Slim di NYDJ;  $ 99, nydj.com.  5 Pochette Lucite Gemma di Lala Lexa;  $ 480, lalalexa.com.  6 muli Hangisi di Manolo Blahnik;  $ 1.075, intermixonline.com.

Alcune delle attuali scelte di stile preferite di Chukwu: 1. La camicetta Sisterhood Bandana di Thebe Magugu; $ 333, thebemagugu.com. 2. Anello Duo in oro 14 carati di Mejuri; $ 325, mejuri.com. 3. Orecchini in oro stropicciato di Alexis Bittar; $ 275, alexisbittar.com. 4. Jeans Sheri Slim di NYDJ; $ 99, nydj.com. 5. Pochette Lucite Gemma di Lala Lexa; $ 480, lalalexa.com. 6. I muli Hangisi di Manolo Blahnik; $ 1.075, intermixonline.com.

Per gentile concessione del marchio (6)

Sul set, il suo stile è decisamente rilassato, l’unico ornamento sono orecchini a cerchio d’oro e vari anelli d’oro di Mejuri, il marchio di alta gioielleria orientato alla sostenibilità (“Sono quasi come una coperta di sicurezza”, dice).

“Ho un’uniforme quando dirigo, perché si tratta di concentrarmi sul lavoro ed essere a mio agio”, dice. “Sono i miei jeans NYDJ, perché hanno imparato l’arte di creare jeans comodi per le donne con glutei e cosce. Hanno un sacco di elasticità in loro! E le magliette nere e le felpe con cappuccio per tutte le stagioni di Vuori funzionano perfettamente. Poi indosso le sneakers più comode che tu possa mai immaginare, tante Allbirds. Alterno pezzi in neri e grigi e neutri perché non ho tempo per pensare a cosa indosso. Voglio dormire il massimo del tempo prima di dover assolutamente alzarmi e uscire dalla porta!

Questa storia è apparsa per la prima volta nel numero del 19 ottobre della rivista The Hollywood Reporter. Clicca qui per iscriverti.

Leave a Comment