Elenco completo: Burna Boy ottiene nomination ai Grammy 2023

La star della musica, Burna Boy, è stata nominata ai Recording Academy Awards 2023, popolarmente noti come Grammy.

L’elenco delle nomination è stato rilasciato dall’Academy martedì, poiché la cerimonia di premiazione è fissata per il 5 febbraio 2023.

L’ultimo album di Burna Boy, Con affetto, Damini, è stato nominato nella categoria Best Global Music Album, insieme ad altri album di star della musica internazionale.

Il cantante è stato anche nominato per la migliore performance musicale globale per il suo brano di successo, “Last Last”.

Anche Tems della Nigeria è apparso nella lista delle nomination come “Wait For U” di Future, che ha interpretato Tems e Drake è arrivato alle nomination per la categoria Best Melodic Rap Performance.

Vedi l’elenco completo delle nomination di seguito:

Miglior album musicale globale

Shuruaat – Gruppo indiano Berklee

Con affetto, Damini – Burna Boy

Regina di Saba – Angelique Kidjo e Ibrahim Maalouf

Between Us… (Live) – Anoushka Shankar, Metropole Orkest e Jules Buckley con Manu Delago

Shakura-Masa Tukami

Miglior performance musicale globale

“Udhero Na” – Adrooj Aftab e Anoushka Shankar

“Dammi amore” – Matt B e Eddy Kenzo

“Ultimo Ultimo” – Burnaboy

“Neva Bow Down” – Rocky Dawuni con Blvk H3ro

“Bayethe” – Wouter Kellerman, Zaken Bantwini e Nomcebo Zikode

Miglior performance da solista pop

“Easy on Me” – Adele

“Moscow Mule” – Bad Bunny

“Cattiva abitudine” – Steve Lacy

“Donna”- Doja Cat

“A proposito di dannato tempo” – Lizzo

“Così com’era” – Harry Styles

Miglior performance di gruppo/duo pop

“Non spegnermi” – ABBA

“Bam Bam” – Camilla Cabello con Ed Sheeran

“Il mio universo” – Coldplay e BTS

“Unholy” – Sam Smith e Kim Petras

“I Like You (A Happier Song) – Post Malone e Doja Cat

Miglior album vocale pop

Viaggio – ABBA

30 – Adele

La musica delle sfere – Coldplay

Casa di Harry – Harry Styles

Speciale – Lizzo

Miglior registrazione dance/elettronica

“Spezza la mia anima” – Beyoncé

“Palissandro” – Bonobo

“Non dimenticare il mio amore” – Diplo e Miguel

“Sto bene (blu)” – David Guetta e Bebe Rexha

“Intimidated” – Kaytranada con LEI

Miglior arrangiamento, strumentale o a cappella

As Days Go By (An Arrangement of the Family Matters Theme Song) – Armund Hutton, arrangiatore

How Deep Is Your Love – Matt Cusson, arrangiatore

Titoli principali (Doctor Strange in the Multiverse of Madness) – Danny Elfman, arrangiatore

Miglior composizione strumentale

Racconti africani – Paquito D’Rivera

Il Paese Invisibile – Miguel Zenon

Fronteras (Confini) Suite: Al-Musafir Blues – Danilo Perez

Rifugio – Geoffrey Keezer

Istantanee – Pascal Le Beouf

Miglior disco rap

Dio ha fatto – DJ Khaled

Non mi sei mai piaciuto – Futuro

Torna a casa, manchi ai bambini – Jack Harlow

Mr. Morale & The Big Steppers – Kendrick Lamar

È quasi asciutto – Pusha T

Miglior performance rap melodica

“Beautiful” – DJ Khaled con Future e SZA

“Wait For U” – Futuro con Drake & Tems

“Prima classe” – Jack Harlow

“Die Hard” – Kendrick Lamar con Blxst e Amanda Reifer

“Big Energy (Live)” – Latto

Miglior canzone rap

“Churchill Downs” – Jack Harlow con Drake

“Il cuore parte 5” – Kendrick Lamar

“God Did” – DJ Khaled con Rick Ross, Lil Wayne, Jay-Z, John Legend e Fridayy

“Pushin P” – Gunna & Future con Young Thug

Cantautore dell’anno, non classico

Amy Allen

Nija Charles

Il sogno

Tobia Jesso Jr.

Laura Velz

Canzone dell’anno

“abcdefu” – GAYLE

“A proposito di dannato tempo” – Lizzo

“Tutto troppo bene (versione da 10 minuti, il cortometraggio)” – Taylor Swift

“Così com’era” – Harry Styles

“Cattiva abitudine” – Steve Lacy

“Break My Soul” – Beyoncé

“Facile con me” – Adele

“God Did” – DJ Khaled con Rick Ross, Lil Wayne, Jay-Z, John Legend e Fridayy

“Il cuore parte 5” – Kendrick Lamar

“Proprio così” – Bonnie Raitt

Miglior assolo jazz improvvisato

“Rounds (Live)” – Ambrose Akinmusire

“Continua a resistere” – Gerald Albright

“Falling” – Melissa Aldana

“Il richiamo del tamburo” – Marcus Baylor

“Cherokee/Koko” – John Beasley

“Specie in via di estinzione” – Wayne Shorter e Leo Genovese

Miglior album di ensemble jazz di grandi dimensioni

Bird Lives – John Beasley, Marcus Lindgren e SWR Big Band

Ricordando Bob Freedman – Ron Carter e The Jazzaar Festival Big Band Diretto da Christian Jacob

Generation Gap Jazz Orchestra – Steven Feifke, Bijon Watson, Generation Gap Jazz Orchestra

Center Stage – Steve Gadd, Eddie Gomez, Ronnie Cuber e WDR Big Band diretti da Michael Abene

Architettura delle tempeste – L’assemblea delle ombre di Remy Le Beouf

Miglior album jazz latino

Fandango al Muro di New York – Artruro O’Farrill & The Afro Latin Jazz Orchestra

Crisalida – Danilo Perez con i Global Messengers

Se vuoi – Flora Purim

Ritmo & Anima – Arturo Sandoval

Musical De Las Americas – Miguel Zenon

Miglior disco reggae

Il Kalling – Piramide di Kabaka

Dotato – Caffè

Scorcha – Sean Paul

La terza volta è The Charm – Protoje

Con Fly Wid Mi – Shaggy

Disco dell’anno

“Cattiva abitudine” – Steve Lacy

“Il cuore parte 5” – Kendrick Lamar

“A proposito di dannato tempo” – Lizzo

“Così com’era” – Harry Styles

“Non spegnermi” – ABBA

“Facile con me” – Adele

“Break My Soul” – Beyoncé

“Buongiorno splendido” – Mary J. Blige

“Io e te sulla roccia” – Brandi Carlile con Lucius

“Donna” – Doja Cat

Miglior album bluegrass

Verso la mischia – I famigerati Stringdusters

Quasi orgoglioso – The Del McCoury Band

Ti chiamo dalla mia montagna – Peter Rowan

Albero storto – Holly Tuttle e Golden Highway

Esci fuori – Yonder Mountain String Band

Miglior performance americana

“Silver Moon (tributo a Michael Nesmith)” – Eric Alexandrakis

“There You Go Again” – Addormentato al volante con Lyle Lovett

“The Message” – Blind Boys of Alabama con Black Violin

“Io e te sulla roccia” – Brandi Carlile con Lucius

“Made Up Mind” – Bonnie Raitt

Miglior album blues tradizionale

Heavy Load Blues – Gov’t Mule

I blues non mentono – Buddy Guy

Sali a bordo – Taj Mahal e Ry Cooder

Il sole splende – John Mayall

Figlio del Mississippi – Charlie Musselwhite

Scommesse sull’album blues contemporaneo:

Fatto troppo lontano – Shemekia Copeland

Corona – Eric Gales

Manutenzione della linea di sangue – Ben Harper

Salpare – North Mississippi Allstars

Fratello Johnny – Edgar Winter

Miglior album popolare

Incantato – Judy Collins

Rivelatore – Madison Cunningham

La luce al capolinea – Janis Ian

L’era dell’apatia – Aoife O’Donovan

Inferno in Church Street – Punch Brothers

Miglior album di musica di radici regionali

Full Circle – Sean Ardoin e Kreole Rock and Soul con la band d’oro LSU di Tigerland

Natalie Nolan – Natalie Ai Kamauu

Halau Hula Keali’l O Nalani – Dal vivo al Getty Center – Halau Hula Keali’l O Nalani

Lucky Man – Nathan e lo Zydeco Cha Chas

Dal vivo al New Orleans Jazz & Heritage Festival 2022 – Ranky Tanky

Miglior performance orchestrale

Adams, John Luther: Sila – Il respiro del mondo – Doug Perkins

Dvorak: Sinfonie n. 7-9 – Gustavo Dudamel

Eastman: Rimani su di esso – Christopher Rountree

John Williams – Il concerto di Beril – John Williams

Opere di Florence Price, Jessie Montgomery, Valerie Coleman – Michael Repper

Miglior assolo strumentale classico

“Abels: Variazione dell’isolamento” – Hailey Hahn

“Bach: l’arte della vita” – Daniil Trifonov

“Beethoven: Variazioni Diabelli” – Mitsuko Uchida

“Lettere per il futuro” – Time For Three, Xian Chang, Direttore (The Philadelphia Orchestra)

Miglior album vocale solista classico

Eden – Joyce DiDonato, Maxim Emelyanychev

Come ti trovo – Sasha Cooke, Kirill Kuzman

Okpebholo: Signore, come sono venuto qui? – Will Liverman, Paul Sanchez

Stranger – Opere per tenore di Nico Mulhy – Nicholas Phan

Voce della Natura – L’Antropocene – Renee Fleming, Yannick Nezet-Seguin

Miglior composizione classica contemporanea

“Akiho: Ligneous Suite” – Andy Aikho

“Bermel: Intonazioni” – Derek Bermel

“Gubaidulina – L’ira di Dio” – Sofia Gubaidulina

“Put: contatto” – Kevin Putts

“Simon: Requiem per gli schiavi” – Carlos Simon

Miglior performance da solista in un paese

“Heartfirst” – Kelsea Ballerini

“Qualcosa nell’arancione” – Zach Bryan

“Tra le sue braccia” – Miranda Lambert

“Cerchi intorno a questa città” – Maren Morris

“Vivi per sempre” – Willie Nelson

Miglior performance di gruppo/duo country:

“Wishful Drinking” – Ingrid Andress e Sam Hunt

“Preghiera del Cavaliere della Mezzanotte” – Fratelli Osbourne

“Superando la tua memoria” – Luke Combs e Miranda Lambert

“Ti ama – Revisited” – Reba McEntire e Dolly Parton

“Non ho mai voluto essere quella ragazza” – Carly Pearce e Ashley McBryde

Andare dove vanno i solitari – Robert Plant e Alison Krauss

Miglior canzone country

“Cerchi intorno a questa città” – Maren Morris

“Fare questo” – Luke Combs

“Scommetto che pensi a me (versione di Taylor, From The Vault)” – Taylor Swift

“Se fossi un cowboy” – Miranda Lambert

“Ti amerò fino al giorno in cui morirò” – Willie Nelson

“Finché non puoi” – Cody Johnson

Miglior album country

Crescere – Luke Combs

Palomino – Miranda Lambert

Ashley McBryde Presenta: Lindeville – Ashley McBryde

Humble Quest – Maren Morris

Un bel momento – Willie Nelson

Miglior album gospel

“Morire per vivere” – Maranda Curtis

“Breakthrough: The Exodus (Live)” – Ricky Dillard

“Chiarezza” – Doe

“Kingdom Book One Deluxe” – Maverick City Music e Kirk Franklin

“Tutte le cose nuove”, – Tye Tribbett

Guarda le nomination complete sul sito Web dei Grammy, poiché gli artisti e i presentatori dell’evento saranno presto resi pubblici.

Leave a Comment