Cristiano Ronaldo lascia il Manchester United: Roy Keane critica Erik ten Hag per aver gestito l’uscita dell’attaccante portoghese | Notizie di calcio

L’allenatore del Manchester United Erik ten Hag è stato criticato per la sua gestione dell’aspra uscita di Cristiano Ronaldo dall’Old Trafford da parte di Roy Keane.

Ronaldo ha lasciato il Manchester United di comune accordo dopo la sua esplosiva intervista con Piers Morgan.

Lo United ha rilasciato una dichiarazione di 67 parole martedì sera annunciando di aver raggiunto un accordo reciproco con il 37enne attaccante per rescindere il suo contratto.

Nell’intervista su Chiacchiere televisive – andato in onda in due puntate mercoledì e giovedì della scorsa settimana – Ronaldo ha detto di sentirsi “tradito” dal club e di “non avere rispetto” per l’allenatore Erik ten Hag.

Parlando con ITV prima della partita di Coppa del Mondo della Germania contro il Giappone, l’esperto di Sky Sports Keane ritiene che Ten Hag avrebbe potuto gestire meglio la situazione.

“Non penso che sia stata una grande gestione”, ha detto Keane. “Penso che sia stata una situazione molto difficile, ma non credo che la mangiatoia ne venga fuori [looking well].

Cristiano Ronaldo abbraccia Roy Keane all'Old Trafford
Immagine:
Ronaldo abbraccia Roy Keane all’Old Trafford

“La gente potrebbe dire che ha messo un segno, parte del management si prende cura del top. Devi trattare i migliori giocatori di livello mondiale in modo diverso. Questa idea che tratti tutti allo stesso modo, non lo fai.

“Penso che sia meglio per tutti. Il club, ovviamente. Non vuoi che si trascini nella seconda metà della stagione. Ovviamente Ronaldo ha esaurito la pazienza. La gente dice ‘la sua reputazione è offuscata al Manchester United?’ Lontano da esso.”

Nonostante abbia lasciato lo United con effetto immediato, Ronaldo è stato squalificato per due partite e gli è stata inflitta una multa di 50.000 sterline per aver colpito un telefono cellulare dalle mani di un tifoso all’Everton.

Il vice allenatore del Man Utd Steve McClaren e Keane
Immagine:
Il vice allenatore del Man Utd Steve McClaren e Keane

Il 37enne ha avuto l’alterco dopo una sconfitta per 1-0 a Goodison Park il 9 aprile, per la quale è stato ammonito dalla polizia del Merseyside.

La FA lo ha anche accusato di condotta impropria e una giuria indipendente ha emesso una sospensione e una pesante multa.

“Penso che fosse nelle carte negli ultimi mesi”, ha aggiunto l’ex centrocampista dello United Keane sulla partenza di Ronaldo.

Utilizza il browser Chrome per un video player più accessibile

Melissa Reddy e Kaveh Solhekol di Sky Sports News analizzano la drammatica uscita di Cristiano Ronaldo dal Manchester United e discutono della sua potenziale prossima mossa

“Ovviamente, l’intervista è stata il punto di svolta per lui, ma è così, la vita va avanti.

“Il Manchester United è un grande club, Ronaldo è un grande giocatore. È come un divorzio in una relazione, sappiamo tutti come ci si sente, e tu prendi strade separate.

Probabilmente avrebbe dovuto andarsene in estate, ma che sia colpa del giocatore o del club, non sarebbe mai successo. non è giusto. È triste ma queste cose succedono.”

Le citazioni chiave di Ronaldo: un’istantanea della sua intervista completa

  • ‘Mi sento tradito dal Man Utd | Non ho rispetto per Erik ten Hag’
  • “Man Utd ha dubitato di me per mia figlia malata quando ho saltato la pre-stagione”
  • ‘Alla famiglia Glazer non interessa Man Utd | Lo United si è fermato su un orologio’
  • “La mossa del Manchester City era vicina, ma Sir Alex Ferguson ha cambiato tutto”
  • “Ai giovani non interessa, ma Diogo Dalot e Lisandro Martinez sono diversi”
  • “Roy Keane è il miglior capitano che abbia mai avuto, ma Gary Neville e Wayne Rooney non sono miei amici”
  • ‘Non ho mai visto Ralf Rangnick come capo | Ole Gunnar Solskjaer ha fatto un buon lavoro’
  • “Mi sono pentito di aver lasciato Old Trafford-Tottenham, mi sono sentito provocato”
  • ‘Ho rifiutato una mossa saudita da 350 milioni di euro | Non so se sarò ancora al Man Utd dopo la Coppa del Mondo’
  • “Sarei felice se l’Arsenal vincesse la Premier League”
  • ‘Lionel Messi è magico | Voglio giocare fino a 40 anni

Fernandes: l’uscita di Ronaldo non farà deragliare il Portogallo

Utilizza il browser Chrome per un video player più accessibile

L’ex compagno di squadra del Manchester United Bruno Fernandes parla dell’impatto di Cristiano Ronaldo su di lui, che è poi stato interrotto più tardi nella conferenza stampa con il centrocampista del Man Utd che ha continuato a parlare in portoghese

Bruno Fernandes insiste che il Portogallo sia “concentrato al 100%” sulla Coppa del Mondo nonostante la distrazione della partenza di Ronaldo.

Parlando in una conferenza stampa prima della partita di giovedì contro il Ghana, Fernandes ha dichiarato: “Siamo tutti concentrati al 100% sulla nazionale e sulla Coppa del Mondo. Siamo tutti consapevoli di ciò che dobbiamo fare.

“Siamo in un campionato che è il sogno di ogni giocatore e una competizione in cui ogni giocatore vuole giocare”.

Utilizza il browser Chrome per un video player più accessibile

Cristiano Ronaldo ha preso il controllo di Times Square per svelare la sua ultima statua di cera per Madame Tussauds di New York

Alla domanda se si sentirebbe a disagio con il suo ex compagno di squadra del Manchester United, Fernandes ha aggiunto: “Non mi sento a disagio, non devo scegliere da che parte stare.

“Cristiano è sempre stato una fonte d’ispirazione per me, quindi è stato un sogno diventato realtà poter giocare con lui, ma sappiamo che niente dura per sempre.

“È stato bello finché è durato. Dobbiamo rispettare la sua decisione, che siamo d’accordo o meno”.

Da dove inizierebbe Ronaldo?

Utilizza il browser Chrome per un video player più accessibile

Melissa Reddy spiega come il Manchester United si concentrerà sulla costruzione di un nuovo ambiente “football first” senza Cristiano Ronaldo

La giornalista senior di Sky Sports News Melissa Reddy:

“Quale top club farebbe titolare Ronaldo in ogni singola partita? In quale club gli verrà garantito un posto nel primo XI? Abbiamo visto in estate che l’unica offerta arrivata per lui era dall’Arabia Saudita: lo United era disposto ad accettarlo e non voleva andare.

“Come free agent, se fa una prestazione davvero solida ai Mondiali, la gente dimenticherà il suo comportamento dirompente e potrebbe ottenere una mossa, ma non riesco a vedere dove e a chi.

“Forse la soluzione è che Ronaldo accetti di essere uno dei più grandi giocatori che abbiamo mai visto – ma ha 37 anni e club progressisti – i club che hanno l’ambizione di vincere la Champions League non incanaleranno tutto attraverso di lui. Non può essere l’uomo principale”.

Ronaldo sul rapporto danneggiato con Ten Hag – e statistiche che supportano l’allenatore

GRAFICA

“Lo capisco in un nuovo lavoro [you try to make an impression.] Il Manchester è stato così male negli ultimi cinque anni che dovrebbero pulire la casa, diciamolo così”, ha detto Ronaldo.

“Ma il modo in cui si avvicinano, il modo in cui la stampa lo rende così grande. Capisco davvero all’inizio perché non ho fatto la pre-stagione, non inizio a giocare, ma vado oltre.

“Succedono altre cose che la gente non sa. E non nascondo che l’empatia con l’allenatore non fa bene. Sono onesto”.

Utilizza il browser Chrome per un video player più accessibile

Il dibattito acceso discute se la recente partenza di Ronaldo dal Manchester United influenzerà le possibilità del Portogallo ai Mondiali

Una delle citazioni più significative di Ronaldo su Ten Hag dalla sua intervista è stata: “Non ho rispetto per lui perché non ha rispetto per me”.

Questo è stato un grande cambiamento di posizione dopo che ha rilasciato un’intervista allo United a giugno dicendo che era felice al club e ha esortato Ten Hag a trascorrere del tempo all’Old Trafford dopo il suo arrivo dall’Ajax.

I nuovi colpi di Ronaldo a Ten Hag erano semplicemente in riferimento alla sua mancanza di partenze in Premier League in questa stagione?

Utilizza il browser Chrome per un video player più accessibile

L’editore di “United We Stand”, Andy Mitten, afferma che l’uscita di Cristiano Ronaldo dal Manchester United è un “risultato triste”, ma la decisione giusta per tutte le parti coinvolte

Non è chiaro perché, dopotutto, questo è un giocatore a cui è stata assegnata la fascia di capitano subito dopo essere uscito dalla vittoria della squadra contro il Tottenham prima del tempo pieno. Quando lo United è stato sconfitto al Manchester City, Ten Hag ha detto di non aver sostituito Ronaldo “per rispetto della sua grande carriera”.

Lo United sentiva di essersi fatto in quattro per accogliere Ronaldo e Ten Hag ha sempre insistito sul fatto che fosse una parte importante dei suoi piani.

Quello che lo United non ha fatto è stato assecondare Ronaldo e garantirgli un posto da titolare. È stato il loro capocannoniere la scorsa stagione, ma con Ten Hag ora in carica le statistiche hanno confermato l’utilizzo di Ronaldo da parte dell’olandese.

Quando Ronaldo non è partito titolare in Premier League in questa stagione, la percentuale di vittorie dello United è triplicata, i punti sono raddoppiati, la percentuale di gol è quadruplicata e la squadra ha corso, in media, 4 km in più a partita.

Una brusca fine dopo un inizio da favola

Utilizza il browser Chrome per un video player più accessibile

Il capo reporter di Sky Sports News Kaveh Solhekol spiega perché il secondo incantesimo di Cristiano Ronaldo al Manchester United si è concluso in circostanze così aspre

La partenza di Ronaldo segna la brusca fine di una carriera allo United che è stata ripresa tra tanto clamore nell’agosto dello scorso anno.

Sembrava destinato a raggiungere i rivali del Manchester City dalla Juventus, ma un intervento in ritardo dello United lo ha riportato all’Old Trafford.

Ronaldo è arrivato per la prima volta allo United dallo Sporting Lisbona da adolescente nel 2003. Ha vinto tre titoli di Premier League e la Champions League prima di raggiungere un successo ancora maggiore con il Real Madrid.

Utilizza il browser Chrome per un video player più accessibile

Gli alti e bassi della seconda esperienza di Cristiano Ronaldo al Manchester United.

Dopo nove anni al Bernabeu e altri tre alla Juve, è tornato allo United vincendo cinque Palloni d’Oro.

Ha segnato 18 gol in Premier League la scorsa stagione, ma lo United ha faticato, finendo sesto in una stagione in cui erano allenati da Ole Gunnar Solskjaer, Michael Carrick e Ralf Rangnick.

Ha iniziato lentamente la campagna in corso sotto il nuovo capo Ten Hag dopo aver saltato il tour pre-campionato, iniziando solo quattro partite di Premier League. Ci sono state ulteriori polemiche quando ha lasciato il campo presto durante un’amichevole e si è rifiutato di entrare come sostituto contro il Tottenham.

Ronaldo lascia lo United per quella che è sicuramente l’ultima volta dopo aver segnato un totale di 145 gol in 346 presenze.

Leave a Comment