Coppa del Mondo Gruppo D: Francia, Danimarca, Tunisia e Australia

Come

Quando si tratta del Gruppo D ai Mondiali del 2022 in Qatar, la linea che divide gli abbienti e gli abbienti è chiara. Il campione in carica Francia e Danimarca sono classificati tra i primi 10 della FIFA ed entrambe le nazioni vantano ricchi pedigree calcistiche che includono importanti titoli internazionali. Tunisia e Australia, nel frattempo, non si troveranno da nessuna parte nella top 10 o nella top 20 della FIFA. In tutti i tempi, i paesi si sono uniti per giocare una partita a eliminazione diretta della Coppa del Mondo.

Ecco uno sguardo più da vicino al Gruppo D, che prende il via il 22 novembre quando la Francia incontrerà l’Australia e la Danimarca affronterà la Tunisia.

Nessuna nazione si è ripetuta come campionessa della Coppa del Mondo dai tempi del Brasile guidati da Pelé nel 1958 e nel 1962. Riusciranno i Bleus a strappare quella serie di vittorie, 20 anni dopo che la loro unica altra difesa del titolo si è conclusa con un’uscita al primo turno? Con Kylian Mbappé maturato in una superstar a pieno titolo e Karim Benzema di nuovo nell’ovile, la squadra di Didier Deschamps ha sicuramente il talento per vincere tutto, anche se N’Golo Kante è destinato a saltare la Coppa del Mondo a causa di un infortunio al tendine del ginocchio e compagno di centrocampista Paul Pogba si sta riprendendo da un intervento chirurgico al ginocchio.


Il campione in carica della Coppa del Mondo cercherà il suo terzo trofeo nella sua 16esima presenza.

Il campione in carica della Coppa del Mondo cercherà il suo terzo trofeo nella sua 16esima presenza.

Il campione in carica della Coppa del Mondo cercherà il suo terzo trofeo nella sua 16esima presenza.

Da quando non si è qualificata per i tornei del 1990 e del 1994, la Francia è stata alternativamente dominante e deludente sulla scena della Coppa del Mondo. Dopo che Zinedine Zidane ha portato la Francia al titolo nel 1998 in casa, i Bleus sono tornati a casa senza vittorie quattro anni dopo. Una corsa alla finale del 2006 – che la Francia ha perso contro l’Italia dopo che Zidane è stato infamemente lanciato per aver dato una testata a un avversario – è stata seguita da un’altra uscita senza vittorie al primo turno nel 2010. Ma dopo essere passata ai quarti di finale del 2014, la Francia è stata la classe di il torneo quattro anni fa in Russia, snocciolando un record di 6-0-1 che includeva una comoda vittoria per 4-2 sulla Croazia in finale.

Il Campionato Europeo si è rivelato sfuggente da quando la Francia ha vinto nel 2000 sulla schiena della sua corona di Coppa del Mondo. Dopo essere sorprendentemente caduta in casa contro il Portogallo nella finale di Euro 2016, la Francia ha subito una straordinaria sconfitta ai rigori contro la Svizzera negli ottavi di finale di Euro 2020. Tuttavia, non ci sono stati intoppi nelle qualificazioni alla Coppa del Mondo 2022, dato che i francesi sono andati 5-0-3 per assicurarsi comodamente il biglietto per il Qatar. E la Francia ha superato la Spagna in finale vincendo la UEFA Nations League 2020-21.


allenatore

Didier Deschamps

54 anni

Rimane intatto il nucleo che ha guidato la Francia al suo secondo titolo mondiale, a cominciare dal capitano Hugo Lloris, ora 35enne e ancora una roccia tra i pali del Tottenham. Raphaël Varane, fresco di trasferimento da 40 milioni di dollari dal Real Madrid al Manchester United, è una presenza imponente nella parte posteriore. Al suo meglio, Pogba – tornato con la Juventus dopo un tumultuoso periodo di sei anni con lo United – è elettrizzante quanto i centrocampisti box-to-box, anche se l’intervento chirurgico al ginocchio di settembre lo lascerà a correre contro il tempo per essere in forma. Antoine Griezmann, ora 31enne e tornato all’Atlético Madrid (in prestito dal Barcellona), ha superato il suo apice ma è ancora in testa ai Bleus con sei gol nelle qualificazioni.

Più Deschamps può contare su un talento di livello mondiale che non aveva quattro anni fa: l’attaccante del Real Madrid Benzema. Ostracizzato a causa del suo presunto ruolo in uno scandalo di sex tape e ricatto che coinvolgeva un ex compagno di squadra francese, Benzema è stato esiliato dalla rosa francese per più di cinque anni prima di tornare per l’Europeo dell’anno scorso. Sebbene Benzema compirà 35 anni durante la Coppa del Mondo, il giocatore UEFA in carica dell’anno non è mai stato così produttivo, segnando 44 gol in carriera in tutte le competizioni durante la stagione 2021-22 quando il Real Madrid ha vinto La Liga e la Champions League.


Kylian Mbappé

23 anni, Parigi, Francia

Parigi Saint Germain

Kylian Mbappé

23 anni, Parigi, Francia

Parigi Saint Germain

Kylian Mbappé

23 anni, Parigi, Francia

Parigi Saint Germain

Nonostante tutto quel talento, la Francia avrà probabilmente bisogno di un’altra Coppa del Mondo eccezionale di Mbappé se vuole difendere la sua corona. Quattro anni fa, un Mbappé di 19 anni ha portato a casa il premio come miglior giovane giocatore dopo aver segnato quattro gol, incluso un conteggio in finale che lo ha reso l’unico adolescente oltre a Pelé a compiere quell’impresa. Negli anni successivi, l’ormai 23enne ha pubblicato quattro campagne consecutive da 30 gol per il PSG. Elettrizzante sulla palla e clinico nell’area avversaria, Mbappé ha le caratteristiche di un futuro Pallone d’Oro.

Un anno dopo che la Danimarca è emersa come la favorita sentimentale di Euro 2020 — sopportando il trauma dell’arresto cardiaco del regista Christian Eriksen nella prima fase a gironi, poi facendo un’improbabile corsa verso le semifinali — Eriksen recuperato e i suoi compagni di squadra danesi si dirigono in Qatar sapendo un lungo rimanere non è fuori questione.


Mentre la Danimarca ha vinto un Euro nel 1992, le sue apparizioni ai Mondiali sono state modeste.

Mentre la Danimarca ha vinto un Euro nel 1992, le sue apparizioni ai Mondiali sono state modeste.

Mentre la Danimarca ha vinto un Euro nel 1992, le sue apparizioni ai Mondiali sono state modeste.

I danesi non si sono qualificati per una Coppa del Mondo fino al 1986, ma da allora sono diventati clienti abituali dell’evento vetrina del calcio, ottenendo un biglietto per cinque degli ultimi sette tornei. Sono arrivati ​​ai quarti di finale solo una volta, nel 1998, e sono usciti agli ottavi di finale per quattro anni con una sconfitta ai rigori contro l’eventuale finalista della Croazia.

I campioni di Euro 92 hanno fatto una valorosa corsa al loro secondo titolo europeo lo scorso anno, superando il Galles e la Repubblica Ceca negli ottavi prima di cadere in semifinale contro l’Inghilterra. E sono stati decisamente dominanti nelle qualificazioni ai Mondiali, andando 9-1-0 per vincere il Gruppo F e prenotare una trasferta in Qatar.


allenatore

Kasper Hjumand

50 anni

L’allenatore della Danimarca Kasper Hjulmand, un ex difensore che ha giocato a football al college nel nord della Florida, ha a sua disposizione una squadra composta da veterani. Questo inizia con Kasper Schmeichel, il portiere 35enne che si è trasferito dal Leicester City al Nizza quest’estate dopo una serie di 11 anni con i Foxes che includeva la corsa di 5.000 a 1 per il titolo di Premier League 2015-16.

Joachim Andersen del Crystal Palace e Andreas Christensen del Barcellona mantengono la linea di fondo, mentre Thomas Delaney del Siviglia e Pierre-Emile Hojbjerg del Tottenham tirano le fila a centrocampo. L’attaccante dell’Espanyol Martin Braithwaite, recentemente entrato a far parte del club dopo tre stagioni con il Barca, fornisce potenza di fuoco in alto.


Christian Eriksen

30 anni, Middelfart, Danimarca

Manchester United

Christian Eriksen

30 anni, Middelfart, Danimarca

Manchester United

Christian Eriksen

30 anni, Middelfart, Danimarca

Manchester United

Ma è difficile pensare a un giocatore con una storia più avvincente in Qatar del 30enne Eriksen. Il medico della squadra danese ha detto che il regista era “andato” dopo essere andato in arresto cardiaco al Campionato Europeo nel giugno 2021 prima di essere rianimato sul campo. Eriksen, che è stato successivamente dotato di un pacemaker, ha segnato il suo ritorno con il club della Premier League Brentford sei mesi dopo, ha segnato due minuti nella sua prima partita con la Danimarca a marzo, quindi ha firmato con il Manchester United quest’estate. Un sano Eriksen – con il suo gioco di gambe astuto, il servizio immacolato sui calci piazzati e la visione per sbloccare le difese – eleva la Danimarca da perdente debole a concorrente di cavallo oscuro.

Quattro anni dopo aver vinto la sua prima partita ai Mondiali dal 1978, la Tunisia cercherà di battere le probabilità e avanzare finalmente oltre la fase a gironi.


La Tunisia faceva parte della Francia fino al 1956 e non si qualificò per una Coppa del Mondo fino all’Argentina 1978.

La Tunisia faceva parte della Francia fino al 1956 e non si qualificò per una Coppa del Mondo fino all’Argentina 1978.

La Tunisia faceva parte della Francia fino al 1956 e non si qualificò per una Coppa del Mondo fino all’Argentina 1978.

Dopo essersi qualificati per tre Mondiali consecutivi dal 1998 al 2006, perdendo poi tornei consecutivi, i tunisini hanno segnato il loro ritorno quattro anni fa in Russia con le sconfitte contro Inghilterra e Belgio e una vittoria per 2-1 su Panama. Quell’esperienza sul palcoscenico della Coppa del Mondo, tuttavia, non si è tradotta in un grande successo a livello regionale: da quando ha vinto la Coppa d’Africa nel 2004, la Tunisia ha superato i quarti di finale solo una volta su nove presenze (un quarto posto nel 2019) . Gli Eagles of Carthage hanno segnato il loro biglietto per il Qatar battendo il Mali, 1-0 in totale, nell’ultimo round della campagna di qualificazione alla Coppa del Mondo dell’Africa.


allenatore

Jalel Kadri

50 anni

L’allenatore Jalel Kadri può contare sul difensore del Lorient Montassar Talbi per ancorare una linea difensiva che ha consentito solo due gol in otto gare di qualificazione. Quella unità include anche il terzino sinistro Ali Maâloul, che fa il suo mestiere per l’egiziano Al Ahly. Ferjani Sassi, centrocampista dell’Al-Duhail del Qatar, detta il ritmo, mentre il capitano Youssef Msakni – che gioca anche in Qatar, per l’Al-Arabi – è una minaccia in attacco.


Wahbi Khazri

31 anni, Ajaccio, Francia

Montpellier Herault SC

Wahbi Khazri

31 anni, Ajaccio, Francia

Montpellier Herault SC

Wahbi Khazri

31 anni, Ajaccio, Francia

Montpellier Herault SC

Per scatenare uno o due sconvolgimenti, la Tunisia avrà probabilmente bisogno di un influente Coppa del Mondo di Wahbi Khazri. Il 31enne ha firmato con il Montpellier quest’estate dopo aver segnato 24 gol in quattro stagioni di Ligue 1 con il Saint-Étienne, incluso un candidato gol dell’anno quando ha segnato dal centrocampo contro il Metz lo scorso ottobre. E Khazri è stato il capocannoniere della Tunisia con tre risultati nelle qualificazioni ai Mondiali.

Nessuna squadra ha lavorato di più per conquistare il suo posto ai Mondiali: l’Australia arriverà in Qatar dopo aver affrontato un’estenuante lista di qualificazioni di 20 partite che prevedeva due fasi a gironi, un playoff regionale e uno intercontinentale.


Australia

nella Coppa del Mondo

Questa sarà la quinta apparizione consecutiva in Coppa del Mondo per l’Australia, essendo uscita solo una volta dalla fase a gironi.

Australia

nella Coppa del Mondo

Questa sarà la quinta apparizione consecutiva in Coppa del Mondo per l’Australia, essendo uscita solo una volta dalla fase a gironi.

Australia

nella Coppa del Mondo

Questa sarà la quinta apparizione consecutiva in Coppa del Mondo per l’Australia, essendo uscita solo una volta dalla fase a gironi.

Dopo essersi qualificata per la sua prima Coppa del Mondo nel 1974, l’Australia ha trascorso più di tre decenni prima di tornare per il torneo del 2006, che ha segnato l’unica volta in cui i Socceroos sono passati oltre la fase a gironi. L’evento di quest’anno rappresenta la quinta trasferta consecutiva della nazione alla Coppa del Mondo, anche se quella serie di vittorie è stata quasi interrotta. L’Australia è crollata al terzo posto nel Gruppo B asiatico con un record di 4-3-3, quindi ha superato gli Emirati Arabi Uniti guadagnando il posto dell’Asia nei playoff intercontinentali. Lì, l’Australia ha affrontato il Perù con un pareggio a reti inviolate prima di trionfare ai rigori.


allenatore

Graham Arnold

59 anni

Graham Arnold, ex assistente e allenatore ad interim dell’Australia che ha svolto il lavoro a tempo pieno dal 2018, continua a fare affidamento su una serie di 30 e qualcosa di fedeli. Tra questi: il difensore centrale del Sunderland Bailey Wright, il centrocampista difensivo del Celtic Aaron Mooy e l’attaccante del Melbourne City Mathew Leckie. Tieni d’occhio anche Ajdin Hrustic, un regista di 26 anni che quest’estate si è trasferito dall’Eintracht Frankfurt all’Hellas Verona.


Matteo Ryan

30 anni, Plumton, Australia

FCCopenhagen

Matteo Ryan

30 anni, Plumton, Australia

FCCopenhagen

Matteo Ryan

30 anni, Plumton, Australia

FCCopenhagen

Se l’Australia ha qualche possibilità di passare agli ottavi di finale, avrà bisogno di una splendida Coppa del Mondo dal capitano e portiere Matthew Ryan. Il 30enne capocannoniere di Copenaghen – il cui curriculum include anche periodi con Valencia, Brighton, Arsenal e Real Sociedad, tra gli altri – ha preso il ruolo da titolare lasciato libero dalla leggenda australiana Mark Schwarzer quasi un decennio fa e non ha mostrato segni di allentamento quella presa.

Leave a Comment