Contraccolpo contro lo spettacolo C4 che potrebbe distruggere le opere di Hitler e Picasso | Canale 4

Channel 4 è stato criticato per i piani per un nuovo spettacolo che consentirà al pubblico in studio di decidere se Jimmy Carr debba distruggere un dipinto di Adolf Hitler.

Come parte della sua ultima stagione di programmi, il canale televisivo ha acquistato opere d’arte di una serie di artisti “problematici”, tra cui Hitler, Pablo Picasso, il pedofilo condannato Rolf Harris e l’abuso sessuale Eric Gill.

Un dibattito televisivo chiamato Jimmy Carr Destroys Art, che andrà in onda a fine mese, si chiederà quindi se si possa veramente separare un’opera d’arte dal suo creatore, prima di decidere quali pezzi distruggere con una varietà di strumenti. Il chief content officer di Channel 4, Ian Katz, ha affermato che lo spettacolo celebra la lunga tradizione del canale di “iconoclastia e irriverenza”.

Ma l’idea ha suscitato critiche online, con alcuni che hanno paragonato lo spettacolo ai roghi di libri nazisti, mentre altri si sono chiesti perché un comico condannato da una litania di gruppi anti-odio per aver scherzato sull’Olocausto sia stato scelto per affrontarlo. E alcuni hanno chiesto se sia mai giusto distruggere un manufatto storico, non importa quanto sgradevole il creatore.

Il dottor Sam Rose, docente senior di storia dell’arte a St Andrews, ha affermato che non esiste una regola generale per distruggere le opere d’arte da parte di trasgressori. “Penso che sia tutto caso per caso”, ha detto al Guardian. “Va bene bruciare alcune opere culturali di malfattori – dicono i DVD di Jimmy Carr quando evita le tasse e scherza sull’Olocausto. Ma questo perché quelle persone e quelle opere non sono significative – vedi anche Rolf Harris.

“Per quanto sfortunato possa essere, le opere di Hitler e Gill fanno ormai parte di storie importanti e potrebbero in futuro aiutarci a capire cose di noi stessi: appartengono a un archivio disponibile per essere studiato, non utilizzate in una trovata a buon mercato per le cifre di ascolto su un canale televisivo fallito”.

Il giornalista e attivista Jonathan Sacerdoti lo ha definito un “pezzo di intrattenimento televisivo assolutamente malato”.

“Non riesco a capire come questo possa superare qualsiasi fase di sviluppo”, ha detto a Nick Ferrari su LBC. “Non credo nei libri bruciati, penso che i nazisti l’abbiano fatto… quando parliamo di Jimmy Carr e di un’opera d’arte di Adolf Hitler, penso che siamo in un altro territorio, siamo nel cuculo delle nuvole terra. Questo non è un dibattito sulla libertà di parola, questo è un disperato appello all’attenzione”.

Hitler, aggiunse Sacerdoti, non era rinomato nel mondo per la qualità della sua arte. “L’unico motivo per cui sappiamo delle opere d’arte di Hitler è perché ha perpetuato e realizzato l’Olocausto, uccidendo oltre 6 milioni di ebrei … e hanno un comico con una storia di battute sull’Olocausto”.

Jake Wallis Simons, l’editore di Jewish Chronicle, ha affermato che la televisione popolare “trollava la comunità ebraica, tutti coloro che in tutto il mondo hanno sofferto sotto il nazismo e chiunque rimanga in possesso di una bussola morale”. Il destino di uno degli artefatti più problematici e inquietanti del mondo, ha aggiunto in un articolo su Spectator, “sarà determinato da un pubblico in studio e da un comico”.

Ci sono state anche domande sul perché Canale 4 abbia deciso di spendere una somma non rivelata per le opere costose in un periodo in cui i telespettatori saranno alle prese con la crisi del costo della vita. Le opere di Hitler sono state precedentemente vendute per un massimo di $ 400.000.

Will Black, l’autore di Veneer of Civilization, twittato: “Jimmy Carr, che ha scagliato e diffamato diverse volte le comunità zingare, è destinato a guadagnare un sacco di soldi in un ridicolo spettacolo di Channel 4 che spende soldi per un dipinto di Hitler (che ha ucciso diverse centinaia di migliaia di rom) e Carr distruggendolo. Mentre le famiglie si bloccano».

Rebecca Rideal, fondatrice di HistFest, il più grande festival di storia di Londra, aggiunto: “Fare un intrattenimento leggero da un trauma profondo? C4 dovrebbe vergognarsi. In termini di integrità, quella foto di Jimmy Carr dice tutto”.

Leave a Comment