Battere l’Inghilterra avrebbe accelerato il calcio negli Stati Uniti

AL-RAYYAN, Qatar – Il centrocampista della nazionale maschile degli Stati Uniti Tyler Adams afferma che battere l’Inghilterra venerdì ai Mondiali “accelererebbe” l’impatto che la sua squadra può avere sullo sport negli Stati Uniti.

Le due squadre si affronteranno nella seconda partita per entrambe le squadre del Gruppo B. L’Inghilterra è in testa al gruppo con tre punti dopo il 6-2 contro l’Iran, mentre l’USMNT è stato costretto ad accontentarsi di un deludente pareggio contro il Galles.

– Streaming su ESPN+: LaLiga, Bundesliga, altro (USA)

Ma un risultato contro l’Inghilterra metterà gli americani in buona forma per passare alla fase a eliminazione diretta, ed è destinato a generare un aumento di entusiasmo e interesse in patria.

“Penso che sia ovviamente un’enorme opportunità per seguire rapidamente l’impatto che possiamo avere”, ha affermato Adams. “Questi sono i giochi in cui [it’s a] alta pressione, momento privilegiato per scendere in campo contro alcuni di questi ragazzi. Li rispettiamo, probabilmente rispetto reciproco tra le due squadre, e quando ottieni un risultato in una partita come questa, la gente inizia a rispettare un po’ di più gli americani”.

Adams ha anche aggiunto che non sarebbe stato intimorito dall’occasione, dato che gioca già contro molti dei giocatori inglesi in Premier League.

“Non direi che ci sono molte cose là fuori che mi intimidiscono, a parte i ragni”, ha detto.

Il pensiero è che l’Inghilterra è destinata ad avere più possesso contro gli Stati Uniti rispetto al Galles.

Ma il manager Gregg Berhalter ha insistito sul fatto che gli americani continueranno a cercare di imporre il loro stile aggressivo ai Tre Leoni.

“Abbiamo lavorato negli ultimi tre anni e mezzo sul nostro stile di gioco e su come vogliamo giocare sul campo”, ha detto.

“Quindi non sarà diverso contro l’Inghilterra. Pensiamo che ci siano aree che possiamo sfruttare e vorremo fargli del male. Ci prepareremo. Sappiamo che è davvero una buona squadra.

“Sappiamo che hanno minacce. Sappiamo che dovremo essere cauti riguardo alle loro minacce. Ma vogliamo fare il nostro gioco”.

Berhalter ha aggiunto che l’USMNT dovrà essere più preciso nei momenti di transizione, un’area in cui lunedì non ha fatto abbastanza per punire il Galles.

“Ci sono state opportunità di cui non abbiamo approfittato”, ha detto. “È qualcosa che abbiamo individuato ieri nell’incontro post-partita, e dobbiamo fare un lavoro migliore, soprattutto quei momenti in cui l’avversario ti spinge un po’ indietro, cosa che può succedere durante la partita.

“Vogliamo avere un portamento alto, vogliamo pressare, ma ci saranno momenti in cui saremo più bassi in campo e dovremo essere in grado di sfruttare lo spazio dietro la difesa e non l’abbiamo fatto che in modo efficace contro il Galles.”

Si è parlato che gli Stati Uniti stiano guardando a una “generazione d’oro” di giocatori dato che 10 degli 11 titolari contro il Galles giocano in uno dei primi cinque campionati europei.

Ma Berhalter ha avvertito che tali discorsi sono prematuri.

“Non abbiamo ottenuto nulla come gruppo sulla scena mondiale”, ha detto. “Quando parli, sai, dell’Inghilterra che arriva quarta [at the 2018 World Cup] per poi arrivare secondo [at the Euro 2020], ci sono cose tangibili che puoi dire, “OK, questo gruppo ha realizzato qualcosa” e non ci siamo ancora arrivati. Dobbiamo usare questa Coppa del Mondo per affermarci e poi, si spera, passare alla prossima Coppa del Mondo e fare lo stesso.

“Ma penso che stiamo andando un po’ più avanti di noi stessi provando a chiamare così la nostra squadra, ed è ancora da determinare”.

Berhalter ha aggiunto che Sergino Dest e Weston McKennie, che sono stati entrambi sostituiti contro il Galles e sembravano un po’ zoppicanti, sono disponibili per la selezione contro l’Inghilterra.

“Stanno bene entrambi”, ha detto.

Leave a Comment