Aleksandar Mitrovic scatena la vittoria in rimonta del Fulham sul Leeds in difficoltà | premier League

Fino a venerdì il messaggio dalla sala del consiglio di Leeds era che i direttori del club erano determinati a mantenere la fede con Jesse Marsch, ma tale determinazione è ora sottoposta a un intenso stress test.

La squadra di Marsch ha subito qui la quarta sconfitta consecutiva in Premier League, estendendo la serie senza vittorie a otto partite e sprofondando nelle ultime tre. L’americano mette il fischio finale entrando in campo e applaudendo i tifosi di casa ancora a terra, ma si è ritrovato accolto da fischi rumorosi mescolati a cori alternati di “sacked in the morning” e “sack the board”.

Non c’è da stupirsi che l’allenatore del Leeds abbia descritto questa visita del Fulham in ascesa di Marco Silva come un “grande, grande gioco”, aggiungendo che i suoi giocatori erano “motivati ​​e arrabbiati” dopo la sconfitta per 2-0 a Leicester lo scorso giovedì. “Vogliamo mettere le cose a posto”, ha detto.

Anche se il pomeriggio è stato caratterizzato da un esodo di massa di tifosi di casa ben prima del fischio finale quando un Fulham straordinariamente fluente è salito al settimo posto, sembrava certamente che il Leeds fosse in una sorta di missione mentre prendeva il via a un ritmo ferocemente alto.

Non per la prima volta l’apparenza inganna, però; non è un caso che la prima vera occasione sia caduta sul Fulham. Quando Antonee Robinson incrocia da sinistra, Aleksandar Mitrovic calcia in avanti e Harrison Reed tira di destro, lasciando Marc Roca a fare un muro importante sulla linea.

Poi, proprio mentre i primi mormorii di ansia e mormorii di malcontento iniziavano a diffondersi intorno a Elland Road, il Leeds ha segnato. Brenden Aaronson ha giocato Jack Harrison e il suo tiro incrociato dalla destra ha colpito la gamba di Tim Ream, mandando la palla in alto fino al punto in cui Rodrigo è stato in grado di dirigere un colpo di testa oltre Bernd Leno.

Marsch aveva trascorso gran parte della prima parte del gioco in piedi nella sua caratteristica posizione di linea laterale maschile alfa, le gambe ben piantate divaricate, ma, cosa più atipica, non ha celebrato quell’apertura. Invece rimase impassibile, suggerendo che questo non era proprio il momento giusto per saltare di gioia con un abbandono tipicamente stravagante. Tale circospezione sembrava saggia una volta che Aleksandar Mitrovic ha pareggiato. L’attaccante serbo è stato eccezionale per tutto il tempo, collegando il gioco in modo superbo, e il suo nono gol in Premier League in 11 partite è arrivato dopo essersi intrufolato davanti a Luke Ayling per connettersi con l’angolo di Andreas Pereira e portare il Fulham di testa.

Lo sguardo sul volto di Illan Meslier ha suggerito che il portiere del Leeds pensava che avrebbe dovuto pararlo, ma il francese si è poi dimostrato più che all’altezza del pericolo quando l’altrimenti eccellente Pereira gli ha sparato dritto addosso dopo essere stato pulito da un abile passaggio in contropiede di Willian.

La squadra di Marsch stava cedendo il controllo di un centrocampo in cui il 20enne Sam Greenwood, ex attaccante, era stato arruolato in un ruolo di ancoraggio al posto dell’infortunato Tyler Adams e l’umore generale è diventato di conseguenza litigioso.

Willian (a destra) festeggia il terzo gol di Fulham contro Leeds a Elland Road.
Willian festeggia dopo aver segnato il terzo gol del Fulham contro il Leeds. Fotografia: Danny Lawson/PA

Forse rispondendo al calore generato da una serie di fastidiosi alterchi in campo alleati del supporto casalingo sempre più spigoloso, Silva si è tolto il cappotto, rivelando un maglione a polo nero elegantemente sobrio sotto.

L’allenatore del Fulham deve aver avuto motivo di discreta soddisfazione poiché il Leeds ha perso un ulteriore grado di disciplina con Liam Cooper ammonito per un fallo inutile su Pereira.

Sarebbe stato sicuramente peggio per Marsch se il nazionale brasiliano avesse segnato uno contro uno contro Meslier, ma aveva già più che abbastanza di cui preoccuparsi alla fine di un tempo in cui Leno si era appena allenato e solo Luis Sinisterra sembrava davvero preoccupante La difesa di Silva.

C’era una netta mancanza di movimento d’attacco creativo da parte del Leeds e, poco dopo l’ora, Marsch ha cercato di correggerlo sostituendo Rodrigo con Patrick Bamford.

Prima che Bamford – un attaccante un tempo talismanico che ora lotta per la piena forma fisica – potesse avere un impatto, il Fulham era in vantaggio. Questa volta, un altro corner di Pereira è stato solo parzialmente cancellato e la palla è finita gentilmente per l’acquisto estivo di Silva da 10 milioni di sterline dal Manchester United per crossare in direzione del Bobby De Cordova-Reid completamente privo di segni. Sfruttando al meglio tale generosità difensiva, quest’ultimo ha debitamente superato Meslier, lasciando Marsch in piedi con le mani sui fianchi e fissando cupamente le sue scarpe.

Il terzo gol del Fulham, infilato di sinistro da Willian dopo che il pullback di Reed ha decostruito la linea di fondo del Leeds, si è rivelato lo spunto per un’uscita di massa dei tifosi di casa accompagnata da una colonna sonora di fischi. Ormai i giocatori di Silva erano sulla buona strada per conquistare la quinta vittoria in campionato della stagione e i ritornelli, sebbene spensierati, all’inizio del secondo tempo di “Marching on Together” sembravano appartenere a un’era diversa, del tutto più ottimista, nel West Yorkshire.

Sebbene due sostituti, Crysencio Summerville e Joe Gelhardt, si siano uniti per Summerville per ridurre lo svantaggio al 90 ‘, Mitrovic, Pereira e amici avevano già lasciato il Leeds e il loro manager, gravemente infortunato.

Leave a Comment